24.3 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
24.3 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
HomemondiCile, è comunista la sindaca di Plaza Dignidad

Cile, è comunista la sindaca di Plaza Dignidad

Cile, Irací Hassler a 30 anni diventa la prima comunista a guidare Santiago. Nel paese il partito comunista incarna il cambiamento [Yasna Mussa]

Santiago (Cile) – Poco prima di mezzogiorno nella capitale cilena, lunedì 28 giugno, Irací Hassler Jacob, 30 anni, femminista e attivista comunista, ha attraversato il municipio per diventare sindaca di Santiago, il comune più emblematico del paese. È diventata non solo la seconda donna a ricoprire la carica, ma anche la prima rappresentante del Partito Comunista.
Mentre faceva il giuramento, Hassler, con il trucco e gli occhi sorridenti, ha alzato il pugno sinistro. Al suo polso pendeva la sciarpa verde delle femministe. Rivolgendosi al pubblico ha detto: “Sì, lo prometto, in nome del popolo”. “Questo gesto, che ha immortalato il trasferimento del potere, illustra come sarà la sua amministrazione. Determinata.
Bastione conservatore, la città di Santiago è stata guidata negli ultimi quattro anni da Felipe Alessandri, un militante del partito di destra Rinnovamento Nazionale (RN). Consigliere comunale di opposizione, la Hassler si è distinta per aver denunciato le misure repressive contro gli studenti delle scuole superiori nel 2019. Tuttavia, il suo coinvolgimento politico è iniziato molto prima, durante l’emblematico movimento studentesco del 2011. Come studentessa di ingegneria commerciale – l’equivalente di economia in altri paesi – informò i suoi genitori che si era unita alla gioventù comunista.
I suoi genitori non sono mai stati attivisti. Sua madre è una psicologa brasiliana, suo padre un uomo d’affari cileno. Si sono incontrati mentre studiavano in Francia. Hassler ha ripetutamente riconosciuto che suo padre è di destra e ha anche legami d’affari con Juan Sutil, il controverso presidente della Confederazione di produzione e commercio (CPC), che non ha avuto altro che elogi per il nuovo sindaco, che considera “una donna molto preparata”.
“Mio padre è di destra, ma nonostante questo ho ricevuto il suo appoggio, anche se abbiamo differenze ideologiche molto profonde”, ha detto Irací Hassler in un’intervista a El Siglo, un giornale del Partito Comunista.
La sua vittoria è stata una delle grandi sorprese delle elezioni tenutesi nel fine settimana del 15 e 16 maggio, in cui, oltre ai sindaci, sono stati eletti i membri dell’Assemblea costituente, che avrà il compito di redigere la nuova costituzione, e i governatori.

La strada per la sede municipale

La conquista di Santiago non è stata un cammino di rose. Irací Hassler ha partecipato a un lungo processo che si è concluso con una primaria cittadina senza precedenti, dove l’economista si è confrontata con i rappresentanti delle organizzazioni di base e di quartiere del suo comune.
“Un primo cittadino che proviene dalle organizzazioni della comunità stessa di Santiago. Questo è un momento storico per il cambiamento”, ha detto Hassler in un’intervista alla radio cilena ADN, commentando l’importanza di queste elezioni. È un processo di partecipazione cittadina senza precedenti”, ha aggiunto la donna che ha vinto con il 55% dei voti.
Da allora, va sempre più spesso ai mercati, alle fiere, ai quartieri e ai consigli di quartiere, portando sempre uno zaino con l’immagine dell’artista messicana Frida Kahlo, fatto da un artigiano locale. Questo è stato l’inizio della sua campagna, in mezzo alle turbolenze politiche e sociali del paese. La candidata ha dovuto affrontare il pregiudizio contro il suo partito.
Per Javier Gallegos Gambino, membro del team di comunicazione di Hassler, questo periodo era essenziale per “mostrare la serietà del lavoro dietro la candidatura di Irací”. Mistral Ensignia, membro dello stesso team, sottolinea l’importanza della presenza sui social network per rivolgersi alle nuove generazioni. “Il progetto guidato da Irací Hassler è un progetto che è stato fatto dai quartieri, con la partecipazione cittadina dei vicini, quindi è stato molto logico socializzarlo, condividerlo, trovare modi per continuare a diffonderlo, perché alla fine tutti si sono sentiti parte del programma. Ha contrastato lo stigma che alcuni settori avevano sul suo attivismo, perché tutto ciò che ha fatto lungo la strada aveva una storia”, dice Ensignia.
All’interno della sua squadra, sottolineano le sue qualità. “È una donna molto seria, molto impegnata, molto intelligente, che è stata presente in ogni dettaglio della campagna e non ho dubbi che rimarrà la stessa nel comune”, dice la signora Gallegos Gambino, che si unirà anche al team di comunicazione del comune.
“Penso che abbia un sacco di qualità che hanno senso per il Cile degli eventi del 2019, perché è una giovane donna, una femminista, che ha fatto parte del movimento studentesco, che è sempre stata dalla parte del cambiamento, anche quando era un consigliere comunale, che sappiamo essere una posizione che ha meno attribuzioni. In questo senso, penso che la gente abbia apprezzato molto la sua giovinezza, la possibilità di vedere un cambiamento in lei, e soprattutto la capacità di ascoltare. La gente aveva davvero bisogno e voleva sentirsi ascoltata e far parte di un progetto e penso che Irací Hassler sia capace di trasmettere questo”, sottolinea Ensignia.

Squadra e consiglio femministi

Il comune di Santiago è stato uno dei più colpiti, prima dalla crisi sociale e poi dalla pandemia di Covid-19. Questo territorio, in cui vivono poco più di 400 mila persone, ha il fiume Mapocho come confine naturale a nord ed è delimitato a est da Piazza Baquedano, ora conosciuta come Plaza de la Dignidad, l’epicentro delle proteste e della repressione della polizia.
Oltre al centro storico, questo quartiere, che funziona come un hub di commercio e burocrazia, sta affrontando due anni di usura prodotta dalla crisi e l’aumento della criminalità.
Anche Hassler ha concentrato la sua campagna sulla ricerca di soluzioni per la popolazione migrante, con un approccio radicalmente opposto a quello del suo predecessore. Sottolinea le politiche inclusive. Mi piacerebbe molto che il nostro ufficio del sindaco riflettesse questa diversità e che la diversità di Santiago si esprimesse nella migliore convivenza possibile”, ha detto in un’intervista alla BBC in spagnolo. Penso che ci sia una grande precarietà nel comune di Santiago, un abbandono storico: subaffitti abusivi, sovraffollamento, fame, che oggi è stato risolto soprattutto grazie alle mense collettive, alla solidarietà della gente. Dico questo perché è una realtà che tutta la comunità cilena sta affrontando: la comunità migrante e anche la comunità cilena. Per loro, il nostro messaggio, il nostro lavoro, è per i diritti di cittadinanza. Indipendentemente dalla nostra origine o dal nostro status di migranti, dobbiamo essere in grado di muoverci verso migliori condizioni di vita per tutti. ”
Per affrontare queste sfide, Hassler ha presentato un programma di 40 misure e una proposta per la ripresa economica. Alla vigilia del suo insediamento, ha svelato una squadra di nove persone di fiducia: cinque donne e quattro uomini.

Un anno decisivo

Strappare il comune di Santiago alla destra non è solo un trionfo locale. Nella prospettiva delle elezioni presidenziali del 21 novembre, un comunista appare come un candidato credibile a livello nazionale. Daniel Jadue, sindaco del comune di Recoleta, situato dall’altra parte del Mapocho, è in testa ai sondaggi e potrebbe partecipare alle primarie della sinistra a luglio.
Jadue ha avviato una serie di progetti che sono stati ripresi da altri, come farmacie e ottici accessibili ai meno fortunati, e persino una società immobiliare che ha permesso l’accesso all’edilizia sociale nel suo comune. Ha accompagnato Hassler nella sua campagna, rafforzando l’aspirazione comunista a conquistare la Moneda, la sede della presidenza, nel cuore di Santiago.
“I miti sui comunisti sono stati infranti e oggi siamo anche più presenti nel dibattito pubblico. Un’amministrazione comunista nel governo locale può trasformare la vita delle persone”, ha detto il nuovo sindaco in un’intervista all’Agence France-Presse. Una sfida che Hassler dovrà ora affrontare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento

Insorgere, allora. La lezione di Gkn

“Siamo tutti GKN!” era l'urlo del corteo, a segnare il salto di qualità di una lotta di riunificazione del mondo del lavoro [Cristina Quintavalla]

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]