24.3 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
24.3 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
Homeconsumare stancaClima: l'apocalisse canadese e le sue lezioni

Clima: l’apocalisse canadese e le sue lezioni

Le risposte locali alla devastante ondata di calore in Canada dovrebbero produrre una consapevolezza globale degli obiettivi climatici [Antoine Perraud]

La prima pagina ansiogena del Vancouver Sun di sabato 3 luglio non lascia dubbi sull’orrore in atto: la spettacolare e travolgente ondata di calore che ha colpito la parte settentrionale del continente americano. In Canada, ha già causato circa 700 morti (tre volte di più che in tempi normali) e ha provocato, nella Columbia Britannica, più di 150 incendi – 89 dei quali solo negli ultimi due giorni.
Il simbolo di questo fenomeno è probabilmente Lytton, che è andato in fumo. Situato a 250 chilometri a nord-est di Vancouver, improvvisamente noto per un record nazionale di calore di 49,6 gradi questa settimana, il villaggio è stato distrutto al 90%, “compreso il nucleo centrale”, ha detto il deputato locale Brad Vis. L’incendio è scoppiato mercoledì e Lisa Lapointe, capo coroner di B.C., ha detto a una conferenza stampa venerdì 2 luglio che due persone si crede siano morte nell’incendio di Lytton, ma che un’inchiesta non potrebbe ancora essere tenuta perché la zona rimane così pericolosa.
Cliff Chapman, il direttore delle operazioni del servizio antincendio provinciale, ha detto che gli equipaggi erano in “allarme rosso” a Lytton ma che non c’era “molto” che potessero fare per controllare la rapida diffusione del fuoco. Ha detto che molti dipendenti locali avrebbero visto le proprie case bruciare mentre aiutavano la comunità ad evacuare – le poche migliaia di residenti a Lytton e dintorni hanno avuto solo pochi minuti per sgomberare la sera di mercoledì 30 giugno.
Cliff Chapman ha aggiunto in una conferenza stampa venerdì 2 luglio: “Prevediamo per i prossimi sette giorni una sorta di tendenza come quella attuale, che vedrà temperature non stagionalmente calde, con un po’ più di influenza del vento rispetto a quando eravamo sotto la cupola di calore, il che metterà di nuovo alla prova i nostri sforzi per combattere gli incendi”.
Ha specificato che solo giovedì 1 luglio le tempeste hanno causato 12mila fulmini. Di fronte a questa situazione catastrofica, il servizio antincendio forestale sta lavorando con il governo federale e l’esercito canadese. Chapman ha stimato che tra 2.500 e 3mila persone stanno attualmente combattendo gli incendi a terra e per via aerea.
“Il primo ministro e tutti i ministri hanno convenuto che il governo del Canada deve essere presente per Columbia-Britannica e fornire le risorse necessarie per aiutare a gestire la situazione e mantenere tutti al sicuro”, ha detto l’ufficio di Justin Trudeau in una dichiarazione la sera del 2 luglio. Il testo sottolinea che “le esigenze di sostegno potrebbero aumentare durante l’estate”. Una volontà così proclamata sembra irrisoria di fronte agli elementi scatenati. La consapevolezza che il fenomeno è globale, legato alle perturbazioni climatiche e quindi indubbiamente di origine antropica sta finalmente iniziando a conquistare la mente pubblica mondiale. Sembra ormai inutile e criminale essere accecati dall’attesa che il fenomeno passi dall’altra parte del mondo o addirittura del paese.
Tanto più che le fonti di preoccupazione si moltiplicano. La California, abituata ai mega-incendi dagli anni ’80, con record di incandescenza nell’estate del 2020, ha registrato più di cinquecento fulmini nelle ultime 24 ore. Tre incendi forestali hanno spazzato via più di 15mila ettari nel nord dello stato. L’Oregon e Washington sono stati tormentati tutta la settimana da temperature record. La siccità è tale che qualsiasi incendio può assumere proporzioni orribili.


In Canada, oltre alla Columbia Britannica, province centrali come Alberta, Saskatchewan e Manitoba sono minacciate. In Saskatchewan, diciannove incendi sono attivi e cinque sono fuori controllo. L’esempio più spettacolare è l’incendio alla miniera di Cigar Lake – il secondo più grande deposito di uranio di alto grado nel mondo dopo McArthur River, anch’esso in Canada. La produzione è stata sospesa, 230 lavoratori della miniera sono stati evacuati – circa 80 persone rimangono sul posto per cercare di mantenere il posto sicuro.
In questo record cupo, in evoluzione e spaventoso, la Columbia Britannica si distingue come un simbolo terrificante. Sabato 3 luglio, un editoriale su Le Devoir di Montreal, sotto il titolo “Una valle di morte in Canada”, affermava senza mezzi termini: “Parte della Columbia Britannica è sotto una cupola di calore che la fa sembrare una ‘valle della morte’, come il deserto del Mojave in California”. Il suo autore, Bryan Miles, aggiunge questo, che sembra riecheggiare la pandemia di Covid-19: “Questo caldo infernale, che comprende anche Alberta e sei stati nord-occidentali degli Stati Uniti, è irto di conseguenze terribili. I pronto soccorso sono strapieni, e gli operatori sanitari e i primi soccorritori sono in deficit.
Soprattutto, l’editorialista di Le Devoir non si accontenta di fissare il fenomeno sulle rive del Pacifico ma lo colloca in una dinamica che non intende risparmiare nessun territorio:”I morti nella Columbia Britannica, il senso di disperazione delle famiglie che si aggrappano alla loro aria condizionata come se la loro vita dipendesse da essa, le difficoltà della sicurezza civile nel rispondere a una crisi la cui grandezza è eguagliata solo dalla sua velocità, l’impossibilità di domare le forze della natura scatenata: questo è il futuro che lasceremo in eredità ai nostri figli”.
Bryan Miles fa il punto: “Siccità, incendi boschivi, carenza d’acqua per gli agricoltori, erosione degli argini, inondazioni stagionali, uragani, tornado (anche a Mascouche), aumento del livello del mare: sono tutti segnali d’allarme. Questi cataclismi esistevano già prima, ma ora sono amplificati dal riscaldamento globale, sia nella frequenza e nell’intensità che nella distribuzione geografica.
E il suo editoriale del 3 luglio cita Alain Webster, professore all’Università di Sherbrooke e presidente del comitato consultivo del governo del Quebec sul cambiamento climatico, che ha recentemente dichiarato al Téléjournal di Radio-Canada: “Non c’è nessun settore che sia al sicuro da questo aspetto del cambiamento climatico.
Naturalmente, i segnali rimangono contraddittori. Il capo coroner della Columbia Britannica, Lisa Lapointe, per esempio, ha fornito dati ingannevolmente rassicuranti – se non cinici – sulle morti legate al calore: “La maggior parte erano persone anziane che vivevano sole in case poco ventilate. Tuttavia, lo stato d’animo generale si sta muovendo verso una consapevolezza universale, di nuovo in concomitanza con la pandemia Covid-19: tutti, ovunque si trovino, qualunque sia la loro ricchezza o il loro livello di istruzione, sono preoccupati o lo saranno alla fine. Non ci sarà nessun free pass, la soluzione sarà globale o non sarà. “Siamo tutti a pochi gradi dall’entrare nella valle della morte”, conclude Bryan Miles nel suo editoriale su Le Devoir – un titolo di giornale che ha perfettamente senso…

Aggiornamento, dalla redazione di Popoff: In altre zone occidentali del paese si cominciano a chiudere importanti via di comunicazione per motivi di sicurezza. Il governo federale ha promesso mezzi e risorse, in particolare aerei ed elicotteri, ma le fiamme per ora continuano ad avere la meglio. «Interverremo nella zona – ha garantito il premier Justin Trudeau – per portare il nostro aiuto e aiutare nella ricostruzione». In accordo con i ministri canadesi dell’Incident Response Group, è stato istituito un centro operativo a Edmonton, nel Canada occidentale, per fornire supporto in tutta la regione. «Le forze armate saranno schierate per fornire assistenza logistica in caso di necessità», ha annunciato dal canto suo il ministro della Difesa Harjit Sajjan. Il bilancio delle vittime è ancora provvisorio e probabilmente è destinato a crescere, avvisano le autorità. La capo medico legale della British Columbia, Lisa Lapointe, ha riferito che nella British Columbia si contano 719 morti improvvise e inaspettate nell’ultima settimana: una cifra senza precedenti, tre volte superiore alla media di decessi in questo periodo, che si aggira sui 230. Le vittime legate al caldo estremo sarebbero quindi quasi 500. Si tratta in gran parte di anziani, che vivono soli in case private con una ventilazione minima, o di persone con condizioni mediche pregresse. Molte abitazioni non hanno l’aria condizionata, dato che le temperature sono normalmente molto più basse durante i mesi estivi di almeno 20-30 gradi. Ecco perché gli hotel, dotati di impianti di condizionamento, sono tutti sold out e la gente affolla i centri di emergenza allestiti per offrire refrigerio. Il ministro della sicurezza pubblica Bill Blair ha ammesso che meteo e roghi stanno avendo un impatto «devastante» e «senza precedenti» sulla British Columbia. «Questi incendi mostrano che siamo nei primi stadi di quella che promette di essere una estate lunga e difficile», ha ammonito. Non mancano alcune polemiche per i ritardi nella risposta alla crisi. In questa provincia molti residenti hanno dovuto attendere ore le ambulanze, mentre i centri di emergenza sono stati attivati solo dopo che l’ondata di afa killer era già arrivata. La cupola termica di alta pressione che intrappola il caldo si estende dai territori artici sino alla West coast americana, dallo Stato di Washington all’Oregon sino alla California. Anche qui la prolungata siccità aumenta il rischio di incendi forestali catastrofici. Tanto da indurre le autorità a vietare o cancellare in molte località i fuochi d’artificio in occasione della festa dell’Indipendenza del 4 luglio per il timore di scatenare roghi pericolosi. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento

Insorgere, allora. La lezione di Gkn

“Siamo tutti GKN!” era l'urlo del corteo, a segnare il salto di qualità di una lotta di riunificazione del mondo del lavoro [Cristina Quintavalla]

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]