17.9 C
Rome
martedì 26 Ottobre 2021
17.9 C
Rome
martedì 26 Ottobre 2021
Homequotidiano movimentoGkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Sabato 18 settembre il collettivo di fabbrica della Gkn invita tutte e tutti ad una manifestazione nazionale a Firenze. “E allora noi resistiamo se voi spingete e se voi spingete noi resistiamo” dicono nell’appello di convocazione. Come sappiamo, la lotta nasce il 9 luglio, quando il fondo d’investimento Melrose, nonostante un bilancio in attivo, decide di chiudere la fabbrica per delocalizzarla in Polonia.

Sembrerebbe una vicenda come tante altre, con il solito carico di drammaticità e la consueta sensazione dell’inesorabilità. Ma questa volta i lavoratori della Gkn non rispettano il copione. Non fanno le vittime – ne avrebbero ben donde -, non si rivolgono ai vertici delle organizzazioni sindacali per cercare una mediazione, non vanno dalle istituzioni a pietire ammortizzatori sociali e le solite promesse di reindustrializzazione.

Occupano la fabbrica e si rivolgono alla città, al territorio e alla società. Chiedono a tutt* di riflettere sul fatto che la loro non è una lotta del comparto metalmeccanico, è un conflitto che obbliga tutt* a pensare in quale società vogliamo vivere.

E, spiazzando la narrazione dominante, difendono i posti di lavoro di tutti, siano dipendenti diretti o lavoratori in appalto, con contratto a tempo indeterminato o precari: sono oltre 500 persone e, tra loro, non c’è alcuna divisione fra vite degne e vite da scarto. A qualche nostalgico del ‘900 suscitano rinnovate prese di posizione sulla centralità della classe operaia, ma in realtà, la loro lotta mette in campo, consapevolmente o meno, due concetti mutuati dal pensiero femminista.

Vulnerabilità e autosufficienza

Non parlano di risorgimento operaio, bensì di vulnerabilità di una lotta, che sarà difficile vincere, se non sostenuta da una collettiva risignificazione di cosa vuol dire oggi vivere di diritti o essere variabili dipendenti dei profitti. Non parlano di autosufficienza, bensì di interdipendenza, chiedendo a tutt* non di solidarizzare con loro, ma di moltiplicare i luoghi di lotta, perché il capitalismo è pervasivo e nessuno si salva da solo. E chiedono alla città – in questo caso Firenze – e al territorio – in questo caso la piana fiorentina – se si può continuare a pensare la storia e il futuro di una comunità o se bisogna arrendersi all’anomia dettata da algoritmi finanziari per i quali non esistono territori e persone, ma solo luoghi e oggetti da depredare.

Hanno deciso di prendersi cura di sé e della propria comunità di riferimento e chiedono a tutt* di fare altrettanto. Non per risolvere solo la loro vicenda – e sarebbe già uno straordinario risultato – ma per porre la sfida al livello più alto: scegliere fra la Borsa e la vita. Sabato 18 andiamo in tante e tanti a Firenze. Per dire che abbiamo scelto la vita. Tutte e tutti assieme, la vita.

DA GKN: INSORGIAMO!

“Insorgiamo” fu il motto dell’insurrezione partigiana di Firenze, a chiamare sono i lavoratori e lavoratrici GKN, licenziati tutti dal fondo speculativo inglese proprietario della fabbrica. E a Firenze, sabato prossimo, arriveranno in tanti e tante da tutta Italia: non solo per difenderli, ma per difenderci insieme

Abbiamo chiesto un percorso che passi per i viali. E se questo a chi è fuori di Firenze, forse dice poco, basti dire che i viali sono stati chiesti circa 20 anni fa. Quando in campo c’era un movimento internazionale che diceva che un altro mondo è possibile. E oggi noi siamo chiamati a dire che per questa vertenza un altro finale è possibile.

Questa volta no! Questa volta no! Questa volta no!

Non osate far partire quelle lettere e ritirate i licenziamenti. Non permetteremo alle istituzioni di deresponsabilizzarsi dalla distruzione di 500 posti di lavoro. Nè di fare una delocalizzazioni finta per fare uno spot elettorale Nè di distruggere questa fabbrica con le finte promesse di reindustrializzazione o con la lenta agonia degli ammortizzatori.

Noi non abbiamo scelta. Stiamo facendo serenamente tutto ciò che possiamo per difendere la nostra famiglia. Dove per famiglia non vanno intesi solo i nostri parenti, le nostre figlie e figli, i nostri partner. Per noi è famiglia tutta questa fabbrica e il territorio attorno. Sono famiglia i disoccupati, precari, le finte partite iva. È famiglia chi ha un lavoro ma non un vero stipendio e chi per raggiungere uno stipendio decente deve ammazzarsi di lavoro.

La nostra famiglia l’ha capito ed è insorta a nostra difesa. E noi vi continuiamo a chiamare ad insorgere. Ognuno con le proprie istanze, le proprie rivendicazioni, consapevoli che per vincere qua bisogna cambiare i rapporti di forza nel paese. E se i rapporti di forza cambiano, cambiano per tutti.

Noi non abbiamo scelta, voi sì! Voi tutti avete una scelta: potete vivere questa nostra vertenza come una delle tante crisi che ci sono e che ci saranno o decidere che questa volta la misura è colma per tutti e che

QUESTA VOLTA NO!

E allora, noi resistiamo se voi spingete e se voi spingete noi resistiamo.Preparate i pullman, contate le macchine, annullate qualsiasi impegno.

Fate girare la parola, condividete i messaggi. Diventate un fiume in piena e che i viali di Firenze ne siano gli argini.

Di sabati ce ne saranno tanti, di cose da fare ce ne saranno tante, di metalmeccanici licenziati ce ne sono stati tanti e purtroppo tanti ancora ce ne saranno. Ma di occasioni per scrivere un pezzetto di storia, ne capitano poche nella vita. E se alla fine di tutto questo nostro percorso, l’unica cosa che avremo ottenuto sarà fargli tornare la paura di toccare la nostra famiglia, avremo comunque ottenuto qualcosa.

I materiali da scaricare, stampare e diffondere. Il profilo facebook del Collettivo di fabbrica, il profilo facebook del gruppo di supporto Gkn

DALLA SOCIETA’ DELLA CURA

Le adesioni si sono moltiplicate, quindi ecco a voi la nuova versione definitiva dell’appello verso il 18 settembre da diffondere. Ricordiamo i materiali da scaricare e far circolare e il tormentone.  Insomma… insorgiamo, ci vediamo a Firenze

Il 18 settembre a Firenze a fianco della #GKN in lotta per i diritti di tutte e di tutti

La lotta dei lavoratori e delle lavoratrici della Gkn apre uno spazio politico che va oltre alla necessaria difesa di 500 posti di lavoro, allargandosi al di là di Campi Bisenzio e della stessa piana fiorentina. E’ un conflitto che mette al centro del dibattito pubblico gli effetti della finanziarizzazione dell’economia e della società, che permette a un fondo di investimento di decidere le sorti di stabilimenti produttivi e di interi territori sulla base dei dividendi per gli azionisti e dei profitti per gli imprenditori, senza tenere in nessuna considerazione gli impatti sociali e ambientali delle scelte di investimento.

E’ un conflitto che riprende il tema delle delocalizzazioni, che trasforma territori e mondo del lavoro in variabili dipendenti delle strategie finanziarie di impresa, in un sistema di mercato europeo basato sulla competizione sui costi e sui diritti sociali tra Paesi, che alimenta una corsa verso il basso e aggrava le condizioni di lavoro per milioni di persone, aumentando frammentazione, precarizzazione e perdita di diritti.
Il lavoro svolto dal gruppo di giuristi e dal collettivo di fabbrica per la stesura di una legge che si opponga alle delocalizzazioni è la dimostrazione di come questa lotta parli a tutto il Paese, oltre lo stesso comparto metalmeccanico, e si rivolga ai milioni di lavoratori e lavoratrici dipendenti, autonomi, precari che rischiano di diventare i soggetti sacrificabili di un’uscita dalla crisi pandemica che ricalca, se non peggiora, la situazione economica e sociale che abbiamo conosciuto nel passato, nonostante le centinaia di miliardi che arriveranno a pioggia con il PNRR appena approvato.

Per questo, come associazioni, organizzazioni, soggetti sociali appartenenti alla convergenza per una Società della Cura, crediamo che la vertenza Gkn abbia aperto una faglia nel tessuto politico e sociale del nostro Paese, con una lotta partita dal basso che ha saputo aggregare sul territorio migliaia di persone e centinaia di realtà, attivando una solidarietà senza precedenti, come dimostra il sostegno all’assemblea permanente, la partecipazione alle mobilitazioni e alle iniziative decise dal Collettivo di fabbrica.
Il 18 settembre a Firenze tutto questo arcipelago di realtà e di soggetti sociali prenderà parola scendendo in piazza. Un appuntamento che pensiamo sostanziale e ineludibile nel nostro percorso di costruzione di opposizione sociale e di alternativa di sistema, verso quella società della cura e quel cambio di paradigma che sappia rimettere al centro di diritti del lavoro, i diritti sociali e quelli ambientali, bloccando una deriva pericolosa e criminale che il neoliberismo e i suoi cantori stanno imponendo all’intero pianeta.
Per questo ci rivolgiamo a tutte le realtà aderenti alla convergenza, perché diventino soggetti attivi nel sensibilizzare, informare, mobilitare in sostegno della lotta Gkn e possano essere presenti direttamente il 18 settembre nelle strade di Firenze, a dimostrare che un’opposizione sociale a questo sistema economico è possibile e oggi ancor più necessaria

#insorgiamo: A Sud, Altro Modo Flegreo (Pozzuoli), Assemblea della Magnolia, Assemblea Permanente Antirazzista Antifascista di Vicofaro (Pistoia), Associazione Botteghe del Mondo Italia, Associazione CostituzioneBeniComuni Milano, Associazione Il Grandevetro di Santa Croce sull’ Arno, Associazione Laudato Sì: alleanza per il clima – la cura della Terra – la Giustizia sociale, Associazione per il rinnovamento della sinistra, Associazione verso MAG Firenze, Attac Italia, Attac Saronno, Cadtm, Cattive ragazze, CDC – coordinamento toscano per la Democrazia Costituzionale, Comitato Acqua Pubblica Torino, Commissione Audit di Parma, Comune-Info, Coordinamento nazionale No Triv, Equo Garantito, Fair, Fairwatch, Firenze Città Aperta, Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, Gruppo Femm Società della Cura, IFE Italia, Il Giardino dei Ciliegi, Lab-Sud – “Laboratorio permanente per la Riscossa del Sud”, Laboratorio Alterpiana Firenze – Prato – Pistoia, MAG Firenze, Medicina Democratica, Reti di Pace, Società della Cura Firenze, Società della Cura Padova, Società della Cura Parma, Spi – Riconquistiamo tutto – area di opposizione in Cgil, Transform! Italia

Anche un articolo di Francesco Locantore di Sinistra anticapitalista

Mentre la politica istituzionale sembra interessata solo dal dibattito sul Green Pass (ce ne siamo occupati qui), in Italia una ulteriore pandemia, per altro già in atto, sembra prepararsi a sconvolgere le vite di milioni di lavoratrici e lavoratori, quella delle crisi aziendali, delle delocalizzazioni e dei conseguenti licenziamenti di massa. Sì perché mentre siamo ancora in piena emergenza sanitaria, il governo Draghi, spinto da Confindustria e con il consenso dei sindacati confederali, ha dato via libera dal primo luglio allo sblocco dei licenziamenti, che erano stati fermati per circa un anno proprio per ovviare che la situazione sanitaria avesse ripercussioni sociali devastanti.

L’attacco alla classe lavoratrice in questi giorni ha numerose sfaccettature. Messa da parte la retorica degli “eroi” della sanità, della scuola, dei supermercati, delle consegne a domicilio, dei trasporti e delle produzioni indispensabili che pure hanno mandato avanti la vita associata dall’inizio dell’emergenza pagandone il conto in termini sanitari, oggi i lavoratori e le lavoratrici devono pagare per intero il conto sociale della pandemia.

La trasformazione unilaterale dell’organizzazione del lavoro anche con l’introduzione del lavoro a domicilio ha introdotto nuove vecchie dinamiche di supersfruttamento; il blocco dei contratti del pubblico impiego ormai da tre anni senza che ci sia la minima intenzione di adeguare le retribuzioni ai carichi di lavoro che negli anni sono aumentati a dismisura; la repressione di chi lotta cercando di far valere i propri diritti (dopo il caso della Fedex di Piacenza e l’omicidio del rappresentante sindacale del SI Cobas Adil a giugno, in questi giorni è stato sciolto con la forza il presidio Texprint a Prato); la precarietà dilagante, che ha consentito licenziamenti di massa anche durante la vigenza del blocco, con la perdita di quasi un milione di posti; infine con i licenziamenti annunciati dal giorno dopo lo sblocco.

La GKN di Firenze

La vicenda della GKN di Firenze è emblematica, sia per la sua dinamica che per la lotta che i suoi lavoratori e lavoratrici hanno tenuto viva durante i mesi estivi. La decisione di chiudere lo stabilimento di Campi Bisenzio ha colto tutti di sorpresa, essendo una realtà produttiva in espansione, con macchinari nuovi e solide prospettive. Tuttavia questa è la modalità con cui operano le multinazionali, a maggior ragione quelle gestite da oscuri fondi finanziari che guardano solo all’andamento in borsa: se trovano convenienza a chiudere per delocalizzare la produzione, magari in una situazione dove si possono trovare operai/e meno sindacalizzati/e, o per distrarre fondi verso attività finanziarie più redditizie nel breve periodo, non ci sono considerazioni sociali che tengano, e si possono mandare a casa centinaia (oltre 500 nel caso in questione) di dipendenti, molti dei quali senza alcuna prospettiva di ricollocazione. Eh già, perché in GKN i lavoratori, organizzati nel Collettivo di fabbrica che è una estensione della RSU aziendale a maggioranza Fiom (per la precisione dell’area di opposizione Riconquistiamo tutto in Cgil), si sono fatti rispettare in questi anni, ottenendo vittorie sia sul piano salariale, correggendo i pessimi contratti collettivi nazionali sottoscritti anche dalla Fiom, sia reintroducendo l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori cancellato dal governo Renzi e portando avanti battaglie inclusive con i lavoratori e le lavoratrici precari/e delle aziende in appalto collegate allo stabilimento. Le lavoratrici e i lavoratori della GKN hanno lottato per anni a fianco dei ceti sociali più deboli, scioperando anche quando si trattava di difendere non solo i propri interessi economici, ma quelli più complessivi della classe. Oggi colpire quella fabbrica significa colpire al cuore uno dei punti di eccellenza della resistenza operaia ancora in campo. Se cadono loro sarà certo più facile per il padronato fare la macelleria sociale nel prossimo futuro. E’ per questo motivo fondamentale che tutta la classe, per i propri stessi interessi, deve insorgere e difendere l’esperienza e il lavoro di queste compagne e compagni, cominciando a riversarsi a Firenze per la manifestazione nazionale indetta dal collettivo di fabbrica GKN per il prossimo 18 settembre.

La proposta di legge sulle delocalizzazioni

La chiusura di GKN è poi collegata alle prospettive di riduzione della produzione in Italia del settore dell’automotive (sono strettamente collegati infatti i casi analoghi della Timken di Brescia e della Gianetti Ruote di Saronno) e in particolare della nuova multinazionale Stellantis, nata dalla fusione di Fiat-Chrisler con Peugeaut. Insomma dopo aver campato per decenni sulle spalle della finanza pubblica, con erogazioni dirette, vantaggi fiscali, incentivi all’acquisto di nuove automobili finanziate sempre dallo Stato, investimenti pubblici sulla rete autostradale, dopo aver sfruttato in condizioni sempre peggiori i lavoratori e le lavoratrici in Italia, le multinazionali dell’auto decidono che in Italia si produce sempre meno, alla ricerca di migliori condizioni all’estero dove il lavoro può essere sfruttato con ancora meno vincoli e dove l’ambiente può essere più liberamente devastato.

La lotta degli operai e delle operaie GKN ha avuto il merito di sollevare un dibattito nel mondo politico su una legge che renda più oneroso per le aziende delocalizzare. Certo la proposta del ministro Orlando è stata fin da subito infarcita di propaganda e priva di reali disincentivi alla delocalizzazione, ma l’intervento del presidente di Confindustria Bonomi ha chiarito che le imprese non accetteranno alcun vincolo alla loro libertà di licenziare, portando così la proposta governativa a diventare sostanzialmente carta straccia. Si pensa soltanto di chiedere un qualche preavviso prima di chiudere lo stabilimento e di contribuire con una minima parte dei fondi ricevuti dallo Stato a un fondo per ammortizzare la disoccupazione aggiuntiva che andrebbero a creare. Peraltro la proposta governativa non sarebbe applicabile alle crisi già aperte, sarebbe quindi inutile per le centinaia di lavoratori attualmente a rischio e potrebbe addirittura accelerare questa dinamica di licenziamenti di massa nelle prossime settimane, prima che la legge arrivi ad essere approvata. Molto diversa è la proposta che i lavoratori e le lavoratrici stanno elaborando insieme ai giuristi democratici (si può leggere qui) fondata sul fatto che l’autorità pubblica deve poter impedire le chiusure di aziende in buona salute, comprese quelle che hanno già annunciato la chiusura. Peraltro un ampio preavviso alle rappresentanze sindacali era già previsto, nel caso di GKN, dagli accordi aziendali che la proprietà ha ampiamente disatteso, cosa per la quale si sta aspettando a giorni una sentenza dal tribunale del lavoro per comportamento antisindacale.

La vicenda della GKN e delle altre aziende dell’automotive non sono le uniche in campo, ad oggi al ministero del lavoro sono aperti circa sessanta tavoli di crisi, ed altri seguiranno nei prossimi giorni, per non parlare dei settori come il commercio e il turismo per cui il blocco dei licenziamenti scadrà il 30 ottobre. E’ necessario che i licenziamenti vengano vietati fino almeno al perdurare dello stato di emergenza. Se il governo può arrogarsi poteri speciali per via della pandemia da Covid-19 è giusto che anche gli effetti sociali di questa emergenza sanitaria siano contenuti, impedendo i licenziamenti.

Il consenso dato dalla CGIL allo sblocco dei licenziamenti è stato un atto gravissimo che va esattamente nella direzione opposta a quella che dovrebbe prendere un sindacato indipendente dai partiti della borghesia al governo, e dovrebbe provocare una rivolta tra i tanti iscritti e iscritte al più grande sindacato per chiedere una radicale inversione di rotta della segreteria guidata da Landini.

Verso lo sciopero generale unitario dei sindacati di base

Dal canto loro, i sindacati di base, dopo l’ondata di repressione delle lotte sui luoghi di lavoro, fatta usando anche le normative speciali adottate per far fronte alla pandemia, si sono mossi nella giusta direzione di convocare unitariamente uno sciopero generale per il prossimo 11 ottobre, con una piattaforma largamente condivisibile (si può leggere qui). Questa iniziativa che sosteniamo con forza può essere un’altra tappa importante per la ripresa del protagonismo della classe lavoratrice in Italia e per la costruzione di una mobilitazione più larga che coinvolga nuovi settori si lavoratori, incida con più forza nello scontro di classe ed apra infine anche nuove contraddizioni nelle organizzazioni maggioritarie, a partire dalla CGIL, in cui possa crescere al suo interno la spinta a invertire la rotta, a rompere con la connivenza con il governo Draghi e a chiedere lo sciopero di tutte le lavoratrici e i lavoratori.

Una piattaforma alternativa perché “nulla sia come prima”

Se questa pandemia ci ha insegnato qualcosa, è quanto siano fragili le fondamenta del vivere associato nel nostro periodo storico e come tutto si regga sul lavoro di milioni di persone, che di volta in volta sono chiamati a pagare le conseguenze delle crisi prodotte da una modalità capitalistica di sfruttamento degli uomini e dell’ambiente. E’ stato spesso detto durante l’emergenza “niente sarà più come prima”, e invece si stanno rimettendo le basi come e peggio di prima per una società caratterizzata dalla disuguaglianza crescente, dalla disoccupazione di massa, dallo sfruttamento irrazionale delle risorse naturali fino a rendere impossibile la riproduzione delle condizioni ambientali che consentano la vita sul nostro pianeta per le future generazioni.

Dobbiamo esigere che il lavoro venga equamente redistribuito per garantire a tutte e tutti di contribuire con le proprie forze allo sviluppo della società, riducendo drasticamente il tempo di lavoro, inteso sia come riduzione della settimana lavorativa a 30 ore a parità di paga, che come diritto ad una pensione dignitosa dopo 35 anni di lavoro o a 60 anni di età.

Bisogna fermare le produzioni inquinanti e dannose per l’ambiente, per cui lo Stato deve intervenire massicciamente nell’economia per requisire gli impianti e riconvertire le produzioni in modo che siano compatibili con l’ambiente naturale, assumendosi gli investimenti necessari e pianificando con i lavoratori e i cittadini quanto cosa e come produrre per garantire un futuro all’umanità.

Serve l’impegno massimo della sinistra di classe

Facciamo appello a tutte le organizzazioni della sinistra di classe, siamo di fronte a uno snodo politico sociale cruciale su cui l’impegno deve essere massimo, di scendere in campo unitariamente durante il prossimo autunno per sostenere le mobilitazioni delle lavoratrici e dei lavoratori delle fabbriche in crisi, a partire dalla manifestazione nazionale indetta dal collettivo di fabbrica GKN il 18 settembre a Firenze, per sostenere il percorso di costruzione di uno sciopero generale indetto da tutto il sindacalismo di base per il prossimo 11 ottobre (il 19 settembre è prevista un’assemblea nazionale a Bologna) e per articolare un movimento di pressione e di lotta perché tutto il movimento sindacale, a partire dalla CGIL, metta in campo urgentemente la necessaria mobilitazione generale costruendo le condizioni della riuscita un vero sciopero che blocchi l’economia nel suo complesso, modificando il quadro sociale e i rapporti di forza nel paese.

 

3 COMMENTI

  1. […] …seguiranno nei prossimi giorni, per non parlare dei settori come il commercio e il turismo per cui il blocco dei licenziamenti scadrà il 30 ottobre. E’ necessario che i licenziamenti vengano vietati fino almeno al perdurare dello stato di emergenza……seguiranno nei prossimi giorni, per non parlare dei settori come il commercio e il turismo per cui il blocco dei licenziamenti scadrà il 30 ottobre. E’ necessario che i licenziamenti vengano vietati fino almeno al perdurare dello stato di emergenza…Read More […]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Amico Rom, l’arte romanì patrimonio dell’umanità

"Amico Rom", il più importante e longevo concorso al mondo che riguarda la popolazione romanì [Chiara Nencioni]

Ilaria Cucchi: «Leggete bene quella sentenza»

Ilaria Cucchi commenta la sentenza d'appello del processo per l'omicidio di suo fratello Stefano. Il 22 la VII edizione del memorial

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...

Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]

E il salario minimo vinse il Nobel per l’Economia

Nobel per l'economia a tre ricercatori tra cui David Card che ha sbugiardato la teoria che il salario minimo danneggi l'occupazione [Romaric Godin]