12.2 C
Rome
giovedì 2 Dicembre 2021
12.2 C
Rome
giovedì 2 Dicembre 2021
Homepadrini & padroniJoe Biden: una presidenza appesa a un filo

Joe Biden: una presidenza appesa a un filo

Altro che nuovo Roosevelt: a un anno dalle midterm elections, Biden è in balia di due potenti senatori democratici [Alexis Buisson]

New York, USA – Si chiama “Joe” ed è una delle persone più potenti di Washington. È Joe Manchin, naturalmente! Il democratico preferito dai repubblicani, il senatore centrista del West Virginia è un mal di testa per “l’altro Joe” alla Casa Bianca.

Per mesi si è opposto al passaggio di un ambizioso piano di spesa sociale ed economica da 3,5 trilioni di dollari, la pietra angolare del programma del presidente americano “Build Back Better”. Il motivo: sarebbe troppo costoso e creerebbe una “società del welfare”.

Inizialmente, questo pacchetto di misure doveva estendere la rete di asili pubblici, ridurre il prezzo dei medicinali e introdurre il congedo parentale pagato riconosciuto a livello federale. Queste sono misure rivoluzionarie in un paese dove la rete di sicurezza sociale è molto sottile.

Manchin non è l’unico eletto ribelle del partito. L’altro senatore centrista, Kyrsten Sinema (Arizona), è più discreto nel porre ostacoli. Da parte sua, è ostile all’aumento delle tasse sulle grandi fortune e sulle corporazioni che garantirebbe il finanziamento di queste misure storiche. Di conseguenza, Joe Biden è stato costretto a ripensare il suo piano.

“Nel sistema americano di controlli ed equilibri, il presidente non è onnipotente nel convincere il Congresso ad attuare il suo programma. Questo è un aspetto fondamentale della democrazia americana. La presidenza di Joe Biden non fa eccezione alla regola”, spiega Molly Reynolds, esperta del Congresso presso il think tank Brookings Institution.

Tuttavia, la situazione è frustrante per molti democratici. Si lamentano che due senatori, i cui stati rappresentano meno di nove milioni di americani, tengono in ostaggio l’agenda di un presidente eletto da più di 81 milioni di persone. E questo, mentre il loro partito controlla la Casa Bianca ed entrambe le camere del parlamento per la prima volta dal 2009.

Si tratta di maggioranze molto sottili. Nella Camera dei Rappresentanti, Joe Biden e il suo partito hanno solo otto seggi di vantaggio sui repubblicani. Al Senato, i due partiti politici sono in parità a cinquanta seggi ciascuno – in questo contesto, è il vicepresidente, Kamala Harris, che vota per rompere la parità, cosa che ha già fatto undici volte da gennaio, un quasi record.

In altre parole, Biden non può permettersi alcuna defezione nelle sue file se vuole mantenere le promesse della sua campagna. Questo dà ai singoli funzionari eletti come Sinema e Manchin un potere contrattuale sproporzionato.

Questa realtà è tanto più preoccupante per la sinistra quanto più si avvicinano le elezioni di medio termine del novembre 2022. Alla fine di queste elezioni, tradizionalmente negative per il partito al potere, i democratici potrebbero tornare in minoranza. Questo renderebbe la seconda metà del mandato di Biden ancora più complicata.

Il primo test arriva martedì 2 novembre con l’elezione del governatore della Virginia, uno stato democratico, dove l’ex in carica, il democratico Terry McAuliffe, affronta l’uomo d’affari repubblicano Glenn Youngkin.

“La pressione è enorme e non abbiamo molto tempo. Il partito ha bisogno di approvare quanta più legislazione possibile prima delle elezioni di metà mandato”, ha detto Deborah Scott, presidente di Georgia Stand-up, un gruppo per la giustizia economica con sede in Georgia. Recentemente ha partecipato a una manifestazione a Washington, D.C., per chiedere l’attuazione di Build Back Better. “È frustrante dover scendere in piazza quando il mio stesso partito è al potere! Ma dobbiamo ritenere le persone responsabili”, ha detto.

Il puzzle del Senato

Al Senato, dove i blocchi sono cristallizzati, l’esigua maggioranza democratica non è l’unico ostacolo sul cammino di Joe Biden. Deve anche affrontare un’oscura regola di procedura: l'”ostruzionismo”. Questa regola obbliga la maggior parte dei disegni di legge esaminati dai senatori ad essere adottati con un minimo di sessanta voti piuttosto che con una maggioranza semplice. La Casa Bianca è così costretta a corteggiare i repubblicani ostruzionisti…

Ha avuto un certo successo in questa crociata. In agosto, Joe Biden ha ottenuto un’importante vittoria legislativa facendo adottare il suo storico piano di modernizzazione delle infrastrutture (investimenti massicci nei trasporti pubblici, rinnovamento di ponti e strade, promozione delle energie rinnovabili…) da sessantanove senatori, tra cui diciannove repubblicani. Il piano, che ammonta a 1,1 trilioni di dollari, deve ancora essere approvato dalla Camera dei Rappresentanti.

Tuttavia, questa bella performance rimane un’eccezione, poiché il terreno comune con il partito trumpista è raro. “Nessun repubblicano è pronto a sostenere il presidente. Questo è in gran parte il risultato dell’attuale polarizzazione della vita politica. Nella maggior parte dei casi, Joe Biden sa che avrà solo il voto democratico”, osserva Molly Reynolds. Certo, ha passato quasi quattro decenni al Senato e conosce bene il processo legislativo. Ma molti dei senatori con cui ha lavorato durante la sua carriera non sono più in carica. E il Congresso nel suo insieme è molto più partigiano di una volta.

La necessità di un compromesso

Questa osservazione costringe i leader democratici ad affidarsi ad una procedura eccezionale: la riconciliazione di bilancio. Questo ha il vantaggio di cancellare l’ostruzionismo e ripristinare la maggioranza semplice per l’adozione delle leggi al Senato. È stato utilizzato per il passaggio del primo grande testo dell’era Biden, l'”American Rescue Plan”, nel marzo 2020. Questo piano da quasi 2.000 miliardi di dollari, tra le altre cose, ha rinnovato gli aiuti introdotti durante la crisi sanitaria e ha fornito a milioni di americani un aumento di 1.400 dollari ciascuno. È passato senza voti repubblicani, 50 a 49.

Ma questa procedura, utilizzata per il pacchetto di spesa sociale attualmente in fase di negoziazione, non è una panacea. Può essere applicato solo alla legislazione che riguarda le entrate, le spese e il debito federali. Inoltre, può essere invocata solo tre volte all’anno. E, come ci ricorda lo sbattimento del mento di Joe Manchin e Kyrsten Sinema, non protegge il presidente dalle defezioni dal suo stesso campo.

Joe Biden non ha quindi altra scelta che il compromesso. Di fronte al blocco dei due senatori, ha annunciato a fine ottobre un piano di spesa ridimensionato, riducendo il suo costo della metà (da 3.500 miliardi a 1.750 miliardi). Con lo sgomento dell’ala progressista del partito, ha dovuto abbandonare la creazione del congedo parentale e il libero accesso a certi istituti pubblici di istruzione superiore.

Ha anche lasciato cadere una disposizione ambientale che avrebbe accelerato la transizione delle imprese verso le energie rinnovabili. Joe Manchin, che è vicino all’industria del carbone e del petrolio, si è affrettato a bloccarlo sul nascere. E potrebbe non aver detto la sua ultima parola. Lunedì ha detto che non avrebbe votato per il piano rivisto finché non avesse avuto “maggiore chiarezza” sul suo impatto economico e finanziario.

Molly Reynolds è più ottimista. Joe Biden sta navigando in questi ostacoli con relativo successo”, dice. Ha fatto approvare l’American Rescue Act all’inizio del suo mandato. Entro la fine dell’anno, dovrebbe essere in grado di aggiungere al suo record il piano di spesa sociale attualmente in fase di negoziazione e la legge di modernizzazione delle infrastrutture, un settore in cui sono necessari ulteriori investimenti. Non è facile, ma sta beneficiando dello slancio che ha creato».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Pertini, tra resistenza e star system. Un podcast

On line dal 2 dicembre “Il più amato dagli italiani”, podcast scritto da Massimiliano Di Giorgio e Giorgio Cappozzo

Scontri a Corvetto, il controprocesso di Genova Antifascista

Ragioni, contesto e sviluppi della mobilitazione antifascista del 23 maggio 2019. Il 2 dicembre al via processo contro più di 50 antifascisti

Predatori e predati nel caso Carige

Un libro spiega il sistema Carige a pochi giorni dalla sentenza in favore della banca e a danno dei piccoli azionisti [Mauro Baldassarri]

Mass shooting negli Usa, la guerra interna tra civili

La guerra dimenticata negli USA: i Mass Shootings. L'editoriale del nuovo numero di IRIAD Review [Maurizio Simoncelli]

Se l’esodo diventa una fuga

No-vax di sinistra, libertà e pensiero dialettico