8.8 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
8.8 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomeculturePertini, tra resistenza e star system. Un podcast

Pertini, tra resistenza e star system. Un podcast

On line dal 2 dicembre “Il più amato dagli italiani”, podcast scritto da Massimiliano Di Giorgio e Giorgio Cappozzo

«Quella del 1982 è un’estate di passione, la nazionale di calcio è impegnata nel Mundial…». Inizia così, dal presidente tifoso, un podcast su Pertini on line dal 2 dicembre. Il presidente è in carica da 4 anni e ha deciso di non vivere al Quirinale. Il primo racconto è quello dello storico Sandro Marucci.

Sandro Pertini ha avuto una vita straordinaria. Ha sconvolto i protocolli e ha vissuto con energia e spontaneità. “Il più amato dagli italiani”. E proprio così si intitola un podcast disponibile su Spotify, Google, Apple, l’app Emons, Audible e Storytel, voce narrante quella dell’attore Marco Cavalcoli.

Sette puntate, quanti sono stati gli anni della sua presidenza, scritte da Massimiliano Di Giorgio insieme a Giorgio Cappozzo, giornalista e autore televisivo, per Emons, piccola ma prestigiosa casa editrice di audiolibri (la sua formula vincente è stata quella di pubblicare soprattutto romanzi importanti letti da bravi attori). Spiega Di Giorgio, classe ’65, giornalista per lungo tempo a l’Unità, poi alla reuters e autore di un bel saggio su il manifesto, che l’idea è nata un paio di anni fa, nel novembre 2019. «Ho pensato a Pertini: nel 2020 sarebbe stato il trentennale della morte. Era un personaggio ancora popolare ed apprezzato. Mi ricordavo di aver visto e ascoltato il presidente di persona, durante una visita scolastica, mi pare proprio al Quirinale, ai tempi delle medie. Nel corso degli anni erano usciti alcuni reportage, piuttosto celebrativi e ufficiali nei toni. Poi c’era stato il documentario “Il Combattente”, tratto dal libro di De Cataldo, che però a me era sembrato un’occasione sprecata. Insomma, c’era sicuramente spazio per un podcast».

«Un racconto a salti – dice ancora Di Giorgio – non tutta la vita di Pertini, ma alcuni momenti significativi della biografia sua e della nazione. Cercando di collegare in qualche modo una puntata con l’altra. E, soprattutto, di raccontare non il “solito” Pertini, ma quello che ha rappresentato, con pregi e difetti. L’ultimo dei risorgimentali e insieme il militante di sinistra. Uno che veniva dalla politica istituzionale (era parlamentare dall’inizio della Repubblica ed era stato presidente della Camera per 8 anni) e che pure sembrava così anti-establishment. Il presidente più votato della storia repubblicana, che riuscì a tenere un Paese unito in momenti drammatici, e insieme quello più interventista, che aprì tutto sommato la strada a Cossiga (anzi, a Kossiga). L’uomo che invocava le “mani pulite” ed era amico dei magistrati ma che non riuscì a evitare il crollo della Prima Repubblica. Insomma, un personaggio complesso, che è stato anche una delle prime vere star della cosiddetta politica-spettacolo».

Tra gli ospiti intervistati, lo storico Davide Conti, Aldo Giannuli, Marco Tarchi (politologo, ex ideologo della Nuova Destra e ancora prima, negli anni Settanta, dirigente del Fronte della Gioventù), il partigiano Giotto, al secolo Giordano Bruschi (che è stato anche sindacalista, cronista, memoria storica della Genova antifascista, a sua volta protagonista di un bellissimo documentario di Ugo Roffi e Ludovica Schiaroli), Vincenzo Mollica e Pippo Baudo, intervistati da Maria D’Amico (ma gli autori si rammaricano di non essere riusciti a convincere Raffaella Carrà), (anche qui, non devo dire niente), Giuliano Amato e altri ancora.

Di Giorgio si definisce produttore seriale di playlist. Naturalmente ne ha buttata giù una: la trovate su Spotify col titolo Is Pertini.

Massimiliano Di Giorgio
Giorgio Cappozzo

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"