27.7 C
Rome
mercoledì 17 Agosto 2022
27.7 C
Rome
mercoledì 17 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homequotidiano movimento«Landini non buttare via questo sciopero»

«Landini non buttare via questo sciopero»

Il collettivo Gkn: decenni di liberismo non si invertono con un singolo 16 dicembre ma con una mobilitazione di cui il 16 di dicembre è una tappa

La testuggine, la caratteristica disposizione di piazza del Collettivo di fabbrica Gkn, è sbarcata a Roma per lo sciopero generale. Tamburi, cori, fumogeni e lo striscione Insorgiamo a sottolineare una delle più significative ed evocative vertenze del nostro Paese.
Secondo Dario Salvetti, delegato RSU Gkn “Lo sciopero generale c’è ed è un discreto successo. Si sbagliava chi, fuori e dentro le organizzazioni sindacali, sosteneva che non ce ne fossero le condizioni. Perchè invece questo sciopero generale è invece riuscito, nonostante tutto: nonostante manchino alcune categorie, nonostante l’inadeguata preparazione, nonostante ne si fosse negata la necessità fino a poco tempo fa. Per noi la contentezza per chi c’è si unisce al rammarico per chi non c’è a cominciare dalle diverse categorie che ne sono state escluse, per arrivare alle convergenze con i movimenti sociali, ambientalisti e con il movimento studentesco.

Abbiamo bisogno infatti di uno sciopero generale e generalizzato capace di attraversare tutte le lotte e le vertenze che oggi ci troviamo di fronte. Uno sciopero non si misura solo sui numeri, ma sui risultati che si riescono a raggiungere in un processo di lungo periodo che non si esaurisce in un singolo appuntamento. Salari da fame, aumento dell’età pensionabile, precariato, morti sul lavoro, delocalizzazioni ecc: non sono processi che nascono ieri, ma sono il risultato di decenni di arretramenti. E se vogliamo essere seri tali decenni non si invertono con un singolo 16 dicembre ma con un percorso di mobilitazione di cui il 16 di dicembre deve essere una tappa.


La nostra vertenza ha dimostrato che è proprio grazie alla saldatura tra organizzazione sindacale, democrazia e collettivo di fabbrica, territorio e movimenti è stato possibile bloccare l’ennesima predazione da parte di un fondo speculativo. Una saldatura che ha costruito da quel 9 luglio un processo sociale radicale, una vera mobilitazione di massa che ha stravolto un copione che sembrava già scritto. Noi non siamo a elemosinare i cambi di virgola dei provvedimenti del Governo. Cambi di virgola che per altro non ci concede… Noi siamo classe dirigente e abbiamo il nostro piano di rilancio del paese. Per noi, oggi, questo è solo il primo passo: questa piazza, partecipata ma ancora insufficiente, dovrà determinare un cambiamento di rotta che ribalti radicalmente i rapporti di forza nel nostro Paese. Lo diciamo fraternamente ai nostri dirigenti: se buttate via questo sciopero, non perdete credibilità voi in quanto individui. Fate perdere credibilità allo sciopero generale stesso. E questo non è permissibile. E infatti non abbiamo intenzione di permetterlo”.

tag sciopero, draghi, Gkn, generale e generalizzato, salari, pensioni, preacariato, delocalizzazioni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Paolo per Claudio (Capodacqua per Lolli)

Paolo Capodacqua, chansonnier e musicista, ricorda in versi Claudio Lolli, scomparso quattro anni fa

Non dimenticare di resistere anche oggi

Malga Zonta (Vicenza), 78 anni dopo l'eccidio nazista [Chiara Nencioni]

Quando anche il Vaticano attaccava Rushdie

La vicenda di Salman Rushdie è una forma violentissima dell'allergia delle religioni per il romanzo [Christian Salmon]

Così Putin vince la guerra del petrolio

Prezzi alle stelle e nuovi mercati: gli effetti "molto limitati" delle sanzioni occidentali contro la Russia [Martine Orange]

Il futuro si può riscrivere, la storia no

Ritorna Fino al Cuore della Rivolta, il festival della Resistenza di Fosdinovo [Chiara Nencioni]