19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
19.5 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homequotidiano movimentoPossiamo ringraziare i Wobblies per la più grande lotta dell'anno

Possiamo ringraziare i Wobblies per la più grande lotta dell’anno

Le tattiche radicali dell’IWW sono più adatte allo squallido panorama occupazionale statunitense che quelle dei sindacati tradizionali [Malcolm Harris]

Quando l’Industrial Workers of the World (IWW, i cui membri sono spesso soprannominati “Wobblies”) ha lanciato una campagna per sindacalizzare i baristi di Starbucks nel 2004, l’idea era così donchisciottesca che sembrava più una performance artistica progettata per commentare il movimento operaio stesso che un serio tentativo di organizzare i negozi. Sindacalizzare i baristi di Starbucks era come sindacalizzare gli stormtrooper della Morte Nera: impossibile e inutile. Ora, mentre scrivo nella primavera del 2022, i lavoratori di oltre 100 sedi in tutta la nazione hanno presentato una petizione per il riconoscimento e la campagna Starbucks Workers United è la storia lavorativa di questo giovane anno. Cosa è cambiato?
Vent’anni fa, quando la catena di caffè entrò in un periodo di meteorica espansione, “Starbucks” e “sindacato” erano concetti così antitetici che combinarli era suggerire più domande che risposte. Negli anni ’90, era una pratica standard per i manifestanti anarchici rompere tutte le finestre di Starbucks che incontravano come simboli del consumismo yuppie, del consolidamento della catena aziendale e dello sfruttamento del Sud globale. Con la loro eredità anarco-sindacalista, gli IWW Wobblies avrebbero dovuto spaccare i vetri di Starbucks con i loro lucchetti da bicicletta, non dentro a prendere ordini. Ma dopo la sconfitta del Global Justice Movement, divenne chiaro che non solo le grandi catene come Starbucks avrebbero continuato a crescere, ma che sempre più posti di lavoro sarebbero stati simili a quelli di Starbucks. Il movimento operaio aveva bisogno di un percorso in avanti, e l’IWW era in una posizione unica per aprirne uno.
Gli organizzatori dei sindacati tradizionali, come l’American Federation of Labor, sono stati storicamente restii a coinvolgere i lavoratori a basso salario in settori in cui i datori di lavoro detengono un potere altamente concentrato. L’organizzazione è più difficile; i lavoratori hanno meno da offrire in quote; la legge concede loro meno diritti; e i capi possono sempre licenziare i dipendenti e assumerne di nuovi senza preoccuparsi troppo dei costi di formazione. Non è un posto attraente per investire risorse, il che ha lasciato il lavoro a radicali come l’IWW. I Wobblies hanno formato un sindacato insolito, un sindacato basato sull’amicizia fondamentale di tutti i lavoratori piuttosto che sugli stretti vantaggi di alcuni artigiani. L’IWW chiedeva ai lavoratori di unirsi all'”unico grande sindacato”, anche se non erano cittadini, “qualificati”, di lingua inglese, bianchi o maschi. Qualsiasi lavoratore può aderire, anche i membri paganti le quote di altri sindacati.

A partire dai primi anni del 1900, l’IWW ha arruolato decine di migliaia di membri indipendentemente dal loro lavoro, dai portuali e i boscaioli ai fabbricanti di gabbie per uccelli e ai centralinisti telefonici. I Wobblies erano specializzati in scioperi non autorizzati “a gatto selvaggio” e usavano anche il sabotaggio per compensare i vantaggi dei proprietari. L’University of Washington’s IWW History Project documenta oltre 400 azioni sindacali condotte dall’IWW tra la sua fondazione nel 1905 e il 1920, quando le autorità usarono la violenza extralegale e le leggi sul “sindacalismo criminale” per reprimere questi sforzi; oggi conosciamo questo periodo come il primo Red Scare. La tradizione vuole che l’IWW sia rimasto relativamente inattivo per decenni, mentre i suoi membri diminuivano.
Andiamo avanti fino al 2004, quando i baristi di Starbucks non avevano alcuna speranza di vincere un voto per la sindacalizzazione: l’azienda aveva troppe carte da giocare e troppi avvocati costosi per giocarle. Nel frattempo, i sindacati costruiti sulla produzione ad alto salario erano concentrati sul salvare quei posti di lavoro, non sull’organizzazione dei baristi. Entrano i Wobblies, la cui organizzazione era rallentata ma non si era mai fermata. Colsero l’occasione, passando rapidamente da un’attenzione ai voti dei singoli negozi a una campagna nazionale che minacciava il bene più prezioso dell’azienda: non una particolare operazione, ma il marchio stesso. Era una strategia fatta per i tempi duri, quando i lavoratori andavano in sciopero o anche la dinamite in un negozio non avrebbe avuto molta importanza per la linea di fondo della catena. Attaccare il marchio era un sabotaggio per il 21° secolo.
L’IWW ha continuato la sua campagna per Starbucks per 10 anni, nonostante le sfide e senza l’aiuto del movimento sindacale organizzato tradizionale. Durante questo periodo, l’indice di qualità del lavoro negli Stati Uniti è crollato, indicando uno spostamento dell’economia verso il lavoro precario e a basso salario. Il tasso di sindacalizzazione del settore privato è scivolato sotto il 10 per cento, poi più vicino al 5. Il manuale dei sindacati si adattava male a questo panorama diffuso del lavoro, e hanno negoziato dal loro punto di vista collettivo. Il nuovo fronte era proprio dove i gatti selvaggi dell’IWW stavano già rottamando. Nel dicembre 2021, i dipendenti di Starbucks in due delle tre elezioni nelle sedi di Buffalo, N.Y., hanno votato per unirsi a un affiliato del Service Employees International Union (SEIU) chiamato Starbucks Workers United.

Queste vittorie per il sindacalismo della catena di vendita al dettaglio offrono un piccolo raggio di speranza per il movimento sindacale statunitense in difficoltà.

La marcia di sindacalizzazione di Starbucks sta superando la risposta dell’azienda, e i lavoratori del negozio REI, rivenditore di attrezzature all’aperto, hanno votato per la sindacalizzazione 88 a 14 nel marzo di quest’anno, stabilendo un precedente: marchi come Starbucks e REI, che si presentano ai consumatori come progressisti, sono particolarmente vulnerabili al sabotaggio della proprietà intellettuale. Le tattiche dell’IWW continuano a pagare: Nel febbraio di quest’anno, i lavoratori della sede principale di Alamo Drafthouse ad Austin, in Texas, hanno presentato una richiesta di riconoscimento di Drafthouse United, con una proposta di affiliazione all’IWW.
Ottenere il riconoscimento è un grande ostacolo, ma è solo il primo. Negoziare un contratto iniziale può richiedere anni, e molte campagne si bruciano in questa fase. Ecco perché è bene che i sindacalisti abbiano qualche esponente radicale coinvolto. Nel novembre del 2021, la catena di fast food Burgerville del nord-ovest del Pacifico ha ratificato un contratto con i lavoratori di cinque sedi rappresentate dal Burgerville Workers Union, 51 sessioni di contrattazione e tre anni e mezzo dopo che l’IWW ha organizzato il primo negozio. Il loro è l’unico contratto sindacale di fast-food in America. Finora.
Potrebbero essere stati marginali, nel migliore dei casi, 10 anni fa, ma le idee Wobbly sono sempre più influenti. Come riportato dal New York Times, i lavoratori di Google e di altre aziende della Silicon Valley hanno preso strategie e tattiche da un libro chiamato Labor Law for the Rank & Filer, scritto da Daniel Gross, l’ex Wobbly che ha lanciato la campagna Starbucks del 2004. I lavoratori del settore tecnologico hanno stipendi più alti, ma rispetto ai loro capi sono più o meno allo stesso livello. Come i fast food, la tecnologia non conosce i sindacati. Questo richiede un sindacato con una sana mancanza di rispetto per il modo in cui le cose vengono fatte.
Non so se Starbucks Workers United otterrà un contratto, o se vedremo mai un McDonald’s Workers United; il modello di lavoro americano a basso salario sembra contare sul fatto che i lavoratori rimangano senza potere, e mi aspetto che Starbucks faccia di tutto per evitare di accettare un contratto. Ma un movimento operaio più debole significa anche un gruppo più flessibile, e questo apre tutta una nuova serie di possibilità per l’organizzazione e l’azione.

Malcolm Harris è l’autore di Kids These Days e del prossimo Palo Alto. Vive a Washington, D.C.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio