18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homein fondo a sinistraTre generazioni di militanti celebrano la memoria di Alain Krivine

Tre generazioni di militanti celebrano la memoria di Alain Krivine

Il suo partito, diverse personalità di sinistra e tantissimi militanti alla cerimonia funebre dello storico leader trotskista [Mathilde Goanec]

Che cosa sono i funerali militanti, se non un’offesa alla morte? Nel caso di Alain Krivine, figura storica della Ligue communiste révolutionnaire (LCR), morto il 12 marzo 2022, l’incessante ricerca degli ideali politici è esposta sul grande striscione rosso in testa al corteo che accompagna l’uomo al cimitero parigino di Père-Lachaise: “Ce n’est qu’un début, continuons le combat“.

Anastasie, una pensionata anonima, non membro del partito politico, è venuta a marciare con diverse centinaia di persone tra Place de la Nation e Père-Lachaise lunedì 21 marzo 2022, per celebrare “questo simbolo” e “questa memoria, soprattutto in questi tempi bui”. Per lei, Krivine è “i poveri che si mettono in scena”, il maggio 68, la lotta contro la guerra del Vietnam e la guerra d’Algeria.

Giovani attivisti, in cima alla rue des Pyrénées, riprendono con fervore la filiazione, cantando un noto motivo delle manifestazioni francesi: “Prima, seconda, terza generazione, siamo tutti compagni di Alain!
I distintivi LO (Lutte ouvrière) o POI (Parti ouvrier indépendant) sono appuntati sul bavero, le bandiere dell’UCL (Union communiste libertaire), Génération-s, e, naturalmente, la LCR o il NPA (Nouveau parti anticapitaliste) sventolano nel cielo. La grande famiglia della sinistra radicale è lì, nonostante i disaccordi, i rovesci e i tradimenti.

Tra la folla, passano anche diversi candidati alle elezioni presidenziali, elezioni che Alain Krivine ha affrontato nel 1969, poi nel 1974, primo rivoluzionario in parità a sfondare lo schermo. Philippe Poutou marcia con i suoi compagni dell’NPA, l’Insoumis Jean-Luc Mélenchon, ex trotskista di tendenza lambertista, è accompagnato dai deputati Clémentine Autain, Alexis Corbière ed Éric Coquerel, che pochi minuti dopo deporranno una grande corona di garofani rossi accanto alla bara di Alain Krivine.

Per il momento, salgono come gli altri verso la collina del 20° arrondissement, circondati da vecchi amici, che cadono l’uno nelle braccia dell’altro, felici di essere insieme, tristi per l’occasione. Éric, arrivato da Gérardmer nei Vosgi, cammina accanto a Marie-Claude di Le Mans. “Gli incontri di Alain, nelle province, erano un evento ogni volta! Siamo usciti rinvigoriti”, ricorda il pensionato.

Ogni volta che veniva nei suoi amati Vosgi, Eric suggeriva al portavoce della Ligue di fare una passeggiata in montagna o di andare a sciare, ma era “politica, politica, politica! Quando Alain Krivine è morto all’inizio di marzo, gli amici del bistrot, di destra e di sinistra, hanno salutato Éric con “Krivine, l’uomo integro, che non si è mosso, non ha preso soldi dalla cassa, non ha tradito“.

I passanti hanno alzato i pugni quando il corteo è arrivato al Père-Lachaise. Al suono dei preludi di Bach suonati da Mstislav Rostropovitch, il violoncellista della caduta del muro di Berlino, la bara entra sotto la cupola del maestoso crematorio. Non siamo lontani dal muro dei Fédérés, davanti al quale, 50 anni fa, il giovane Krivine rendeva omaggio alla Comune di Parigi, in compagnia dei suoi compagni di viaggio, François Sabado, Charles Michaloux, il futuro socialista e amico Henri Weber, e naturalmente Daniel Bensaïd.

Questo leader della LCR, morto nel 2010 e fedele amico di Alain Krivine, aveva detto di lui nei suoi scritti: “[Alain Krivine] si è dimostrato materialmente, mediaticamente e moralmente incorruttibile. […] Addestrato alle lotte contro ogni forma di burocrazia, Alain era una sorta di rassicurante fratello maggiore e un esempio di rigore egualitario. Il ritratto è stato ristampato su L’Anticapitaliste, il giornale dell’NPA, che è stato distribuito anche sulla piazza davanti al crematorio del Père-Lachaise, gremita di gente, dove veniva trasmessa la cerimonia.

La sua famiglia, all’interno, dipinge un altro quadro, più tenero, dell’uomo di Krivine. Michèle, sua moglie, “più Jaurès che Lenin”, ricorda il suo primo incontro, all’età di 13 anni, con questo piccolo vicino di casa, che aveva passato più tempo “a discutere di comunismo e di guerra in Indocina” con suo padre che a notare la sua giovane emozione. Le figlie e le nipoti hanno raccontato il suo umorismo, le sue passioni inconfessabili, da Céline Dion a Michel Sardou – una colonna sonora che contrasta con Ferrat, Renaud, o anche la Bella Ciao del giorno – ma soprattutto il bagliore di una casa familiare invasa da militanti di tutto il mondo.

E in questo ritratto, abbozzato da vicino, possiamo vedere una vita politica legata alle grandi tragedie e speranze del secolo scorso. Lo stalinismo negli anni ’50 e i viaggi a Mosca, gli “esaltanti” anni ’60, secondo il suo compagno, il “coming out trotskista” raccontato dal fratello gemello Hubert Krivine, l’incontro con i militanti per la liberazione dell’Algeria, il maggio 1968, il breve periodo in prigione, la costruzione della Quarta Internazionale, “il lavoro della sua vita”. Solo la bandiera rossa con l’insegna della “Quarta ” circonda la bara dell’attivista comunista e rivoluzionario.

Questa avventura risuona ancora oggi, quando Hubert Krivine parla di quanto fosse spietato il ministro dell’Interno nel 1968, Raymond Marcellin, “il Darmanin dell’epoca”, o quando Alex, venuto dalla Spagna in nome della Quarta Internazionale, legge le commoventi testimonianze dei compagni russi e ucraini, mentre la guerra ritorna nell’Europa dell’Est.

La visione politica di Alain Krivine non era una “bandiera, che brandiamo per distinguerci”, ma uno “stendardo, che brilla luminoso”, ha dichiarato Olivier Besancenot in chiusura. “Uno stendardo timbrato con il sigillo dell’internazionalismo, resistente a tutti gli imperialisti, antifascista e rosso, di un marxismo non dogmatico, vivo e unitario“, ha continuato l’ex candidato presidenziale del NPA, molto commosso.

Nonostante l’evidente desiderio di passare la fiaccola, il ricordo incessante dell'”ottimismo della volontà”, l’assemblea, riunita all’interno e all’esterno, ha pianto il militante storico. Certo, stiamo rinnovando le forme e le lotte, femministe, ecologiche, antirazziste”, dice Louise, 36 anni, membro del NPA. Ma l’eredità di Alain Krivine è la generazione del ’68. Quindi, al di là della persona, è molto triste nel vedere che sta scomparendo. La memoria è più difficile da trasmettere quando non è più incarnata.

Un uomo, prima che la bara esca per un ultimo omaggio popolare, sta dritto, con lo sguardo fisso, tenendo un piccolo mazzo di fiori gialli. Sul cartoncino bianco, appuntato alla carta, è scritto semplicemente: “Per Alain Krivine“.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio