18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
HomemalapoliziaCalifornia, marines a perquisire gli studenti neri

California, marines a perquisire gli studenti neri

Perquisizioni e interrogatori particolarmente intrusivi per gli studenti afroamericani di un liceo californiano [Sasha Abramsky]

Negli ultimi dieci anni, la California ha lentamente smantellato un’infrastruttura che ha portato la popolazione carceraria ad un picco di 173.000 persone nel 2006. Oggi, il sistema carcerario del più grande stato americano contiene meno di 100.000 prigionieri. È un’affascinante inversione di tendenza per uno stato che, dopo il passaggio della legge Three Strikes nel 1994, è stato per molti anni sinonimo di condanne severe.

Nonostante questo, gli attivisti temono che troppi giovani stiano ancora frequentando scuole dove sono predisposti a fallire. Per i californiani più poveri, la cosiddetta pipeline scuola-carcere – il presupposto che i giovani provenienti da alcuni contesti sono intrinsecamente sospetti e, di conseguenza, dovrebbero essere controllati in modo coercitivo – rimane operativa. Ogni anno in California, secondo il National Center for Youth Law, circa 6.500 studenti vengono espulsi dalle scuole, più di un quarto di milione vengono sospesi, e molti studenti vengono messi in contesti educativi “alternativi” in cui ricevono un minimo di istruzione in persona ogni settimana e vengono poi mandati a casa con dispense per compensare la differenza.

Una volta che gli studenti sono considerati incorreggibili ed essenzialmente banditi dal sistema scolastico, hanno molte più probabilità di entrare e uscire dal carcere e dalla prigione nei decenni successivi, e molte meno probabilità di successo economico. È un cerchio di disfunzione che mantiene le disparità razziali e di classe.

Gli studenti neri hanno molte più probabilità di essere sospesi rispetto ai membri di altri gruppi. Dieci anni fa, 133 su 1.000 studenti neri nello stato sono stati sospesi ad un certo punto in un anno. Oggi, quel numero è sceso, ma rimane ancora scandalosamente alto, a circa 80 su 1.000. Per gli studenti latini, quel numero è più vicino a 30; e per i bianchi, è circa 25.

Il modo in cui gli studenti sono trattati nelle scuole varia enormemente da distretto a distretto. Gli studenti nelle città più povere, o nelle scuole con un gran numero di studenti che arrivano in autobus dai quartieri più poveri, e con percentuali più alte di studenti non bianchi, hanno maggiori probabilità di essere soggetti a politiche di repressione generalizzate.

Tre settimane fa, due studenti neri alla El Cerrito High School nella Contea di Contra Costa si sono azzuffati. Nel corso della lite, uno degli studenti ha estratto una pistola e l’ha brandita. Per fortuna, non ha sparato e l’incidente si è concluso senza spargimento di sangue.

Non sorprende che la polizia di El Cerrito sia stata chiamata per indagare e che la vicina polizia di Richmond abbia effettuato un arresto più tardi lo stesso giorno. Anche questo non è sorprendente, sulla scia dell’incidente il West Contra Costa Unified School District ha implementato una politica temporanea che tutti gli zaini e le borse degli studenti sarebbero stati perquisiti prima che gli adolescenti fossero ammessi a scuola.

Fin qui tutto bene. Il giorno dopo la rissa, secondo i parenti degli studenti della scuola, gli agenti della sicurezza scolastica del distretto e il personale della scuola superiore hanno iniziato a perquisire i ragazzi. Se si fosse fermato lì, dubito che qualcuno si sarebbe indignato; probabilmente genitori, studenti e insegnanti avrebbero accettato la cosa come una tragica necessità, una conseguenza dei tempi violenti in cui viviamo.

Ma un giorno dopo, le cose sono diventate strane. Il 10 marzo, personale militare in uniforme ha stazionato all’ingresso della scuola, perquisendo i ragazzini prima che potessero andare nelle loro classi per la giornata. Una consigliera comunale locale di Antioch, Tamisha Walker, un ex-detenuta che gestisce un’organizzazione no-profit chiamata Safe Return Project, era a scuola quel giorno per accompagnare un familiare. Ha scattato una serie di fotografie dell’incontro, in cui si può vedere il personale militare, vestito in uniforme da battaglia, perquisire i bambini. Gli studenti neri hanno riferito ai loro genitori, quando sono tornati a casa quel giorno, che sono stati scelti per perquisizioni e interrogatori particolarmente intrusivi da parte del personale militare.

Dopo l’evento, la preside del liceo, Patricia Crespo – che non ha risposto a una richiesta di intervista per questo articolo – ha rilasciato una dichiarazione rassicurante dicendo che si trattava di reclutatori della US Navy che, su suggerimento di un alunno della scuola, si sono offerti di aiutare con la perquisizione dei bambini. Questo può essere o non essere il caso; ma in ogni caso, sicuramente la domanda più grande è questa: è appropriato che i ragazzini – la maggior parte dei quali non ha nulla a che fare con la rissa e l’esposizione di armi di un paio di giorni prima – in una città degli Stati Uniti, e con i diritti accordati ai residenti e ai cittadini statunitensi, siano soggetti a perquisizioni e interrogatori da parte di personale militare prima di essere ammessi a scuola al mattino?

“Non possono farlo. Non hanno l’autorità, anche se sono sul posto come reclutatori, di perquisire gli studenti”, mi ha detto Darris Young, un sostenitore di lunga data e promotore della giustizia sociale nella zona, nonché parente di uno degli studenti che è stato perquisito.

Young ha contattato il procuratore generale della California sull’incidente, e un certo numero di genitori sta cercando di organizzarsi per scoprire di più su ciò che è successo nella scuola e perché. Nel frattempo, il sovrintendente del distretto scolastico, dice Young, ha riferito di aver ostacolato l’idea di un’ampia indagine su ciò che è successo alla El Cerrito High. Il West Contra Costa Unified School District nega che questo sia il caso. Il direttore della comunicazione del distretto, Ryan Phillips, mi ha detto che il preside era andato da solo a portare i reclutatori per cercare gli studenti; che il distretto aveva immediatamente chiuso l’operazione quando i funzionari lo hanno scoperto; e che l’evento “ha violato i nostri protocolli di sicurezza”.

Questo solleva ancora la domanda: anche se l’impulso per questo non è venuto dal distretto scolastico, come può un preside di una scuola superiore aver pensato che fosse una buona idea usare i militari per perquisire i bambini? Non riesco a vedere come questo sarebbe successo in una città più ricca o tra una popolazione studentesca più ricca. Naturalmente, in un’epoca in cui c’è un numero scioccante di sparatorie nelle scuole, ci devono essere strumenti in atto per agire efficacemente contro la violenza delle armi nelle scuole. Ma ci sono altri modi per tenere gli studenti al sicuro, oltre a sottoporli al tipo di processo invasivo e intimidatorio, utilizzando personale militare contro i ragazzini, che è avvenuto al El Cerrito High tre settimane fa.

Se i membri dell’esercito possono essere schierati per perquisire gli studenti, anche in uno stato progressista come la California, che cosa dice su come il paese nel suo complesso vede i diritti dei minori oggi?

Sasha Abramsky, che scrive regolarmente per The Nation, 
è autore di diversi libri, tra cui Inside Obama's Brain, 
The American Way of Poverty, The House of 20.000 Books, 
Jumping at Shadows e, più recentemente, 
Little Wonder: The Fabulous Story of Lottie Dod, 
la prima superstar femminile dello sport.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio