29.9 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
29.9 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
Homein fondo a sinistra«Più moderati di Mitterand»: Npa non va con Mélenchon

«Più moderati di Mitterand»: Npa non va con Mélenchon

L’ingresso dei socialisti nella coalizione ha spostato a destra il centro di gravità politico della coalizione. L’addio del Npa

Ad Aubervilliers, alle porte di Parigi, si è celebrata la nascita impensabile fino a qualche settimana fa della ‘Nouvelle Union populaire écologique et socialè (Nupes), la neonata unione della gauche fortemente voluta dal leader della France Inoumise (LFI), Jean-Luc Mélenchon, per strappare la maggioranza a Macron nel rinnovo delll’Assemblea Nazionale previsto tra un mese.

«Una folla compatta e felice, sorrisi, un’aria di unione e uno spirito risolutamente conquistatore: è stata una riunione storica al Dock Pullman, a Aubervilliers», raccontano gli inviati de l’Humanité, l’organo del Pcf. «Il pubblico, fervente, intona a squarciagola “On va gagner! – il leitmotiv del pomeriggio -, quando Marine Tondelier, l’oppositrice storica del Rassemblement National di Hénin-Beaumont e candidata (EELV) del Nupes, prende la parola con la deputata LFI Manon Aubry, co-conduttrice della “prima convention” di questo storico raduno della sinistra».

Forte del suo 22% nel primo turno delle presidenziali del 24 aprile, l’uomo in cravatta rossa è riuscito a riunire attorno a sé gli ex avversari del Partito socialista (PS), del Partito comunista (PCF) e di Europe-Ecologie-Les Verts (EELV) e punta ora a diventare «primo ministro», nell’ambiziosa scommessa di una ‘coabitazionè con Macron dopo le elezioni legislative del 12 e 19 giugno. Un accordo «storico», hanno scandito in coro i responsabili della France Insoumise, Manuel Bompard, del Partito socialista Olivier Faure, di Europe Ecologie Les Verts Julien Bayou, e del PCF Fabien Roussel, celebrando assieme a Mélenchonl’unione nella loro prima convention a Aubervilliers. Durante l’evento, è stato anche presentato il logo della nuova alleanza, una «V» rosso, verde, malva e rosa, che significa vittoria ma anche la lettera greca, ‘Nu’, iniziale di Nupes. Ancora, il quotidiano comunista si entusiasma riferendo del discorso del segretario socialista: «Quando Olivier Faure avanza verso il leggio, molto applaudito e visibilmente commosso, il primo segretario del PS coglie il significato del momento. È venuto a parlare del chiarimento che ha avuto luogo tra i socialisti ed è tornato alla legge El Khomri del 2016 (una sorta di jobs act emanato dall’ultimo inquilino socialista all’Eliseo, Hollande, con una dose massiccia di repressione nei confronti di un possente movimento popolare contrario). “Dov’è il progresso quando si privano i dipendenti dei diritti che hanno conquistato duramente?”, ha denunciato il successore di Hollande alla guida del Ps… L’uomo che ha avuto il coraggio di riattaccare il Partito Socialista a una sinistra di trasformazione riassume la nuova speranza suscitata dal Nupes: “Per una volta, non votate contro, ma votate per quello che credete!”.

Tuttavia alla coalizione manca un pezzo.

Olivier Besancenot non sarà portavoce della campagna della Nouvelle Union Popular Ecologique et Sociale (Nupes), Philippe Poutou non avrà un seggio all’Assemblea Nazionale, e l’NPA potrà presentare candidati in concorrenza con quelli del consorzio della sinistra. Così ha deciso il Consiglio politico nazionale (CPN) dell’organizzazione trotskista che, dopo tre settimane di discussioni e cinque “giri” di negoziati con l’équipe dell’Union Populaire, ha annunciato giovedì che l’NPA non avrebbe aderito alla coalizione tra La France insoumise (LFI), il PS, gli ecologisti e il PCF per le elezioni legislative.

In una dichiarazione in cui ricorda chiaramente la sua buona volontà di unirsi – aveva anche fatto un’alleanza con LFI in diverse regioni durante le precedenti elezioni regionali – l’NPA ritorna alle sue delusioni. “Nel corso delle discussioni con le altre forze politiche, l’equilibrio politico della coalizione è gradualmente cambiato, attenuando il carattere di rottura con le politiche liberali che era la sua forza”, spiega la formazione anticapitalista, che critica anche i pochi collegi riservati ai militanti dei quartieri popolari.

Soprattutto, è l’accordo con il PS che è diventato una “linea rossa”. Non solo la riunione con il partito di Olivier Faure avrebbe portato a mettere un po’ troppa acqua nel vino del programma dei Nupes, i giudici del partito di estrema sinistra – gli Insoumis avrebbero così tolto l’epiteto “immediato” nella parte sull’aumento dello Smic, reso più “vaghe” le modalità di rottura con “l’Europa liberale”, o cambiato “pensione a 60 anni per tutti” in un “diritto alla pensione a 60 anni”. Ma avrebbe anche portato meccanicamente a una riduzione del numero di circoscrizioni concesse alla formazione anticapitalista, che è diventata la parte più piccola dell’accordo.

“Notiamo con rammarico che l’Union Populaire ha scelto di raggiungere un accordo con le componenti di gestione del sistema a scapito di un accordo con NPA”, conclude, non senza una punta di amarezza, il partito nel suo comunicato stampa, che tuttavia indica che sarà in grado di sostenere alcuni candidati della coalizione nel territorio secondo il loro profilo.

«Una dinamica di unità sarebbe stato un segnale positivo nella direzione del movimento sociale e delle lotte, restituendo fiducia agli oppressi e agli sfruttati», si legge su l’Anticapitaliste, il settimanale dell’Npa che racconta i passaggi della trattatativa: «A livello programmatico, abbiamo scritto insieme un testo che ricorda la necessità di rompere con le politiche liberali, di tornare in particolare sulle leggi di Hollande e Macron in materia di diritto del lavoro, di repressione, di accogliere i migranti, di aumentare il salario minimo, di mettere in atto la pensione a 60 anni per tutti, di sradicare la povertà… Queste misure sono lontane dal rappresentare l’insieme del programma anticapitalista dell’NPA, ma sono sufficienti per essere difese nel quadro di un’alleanza e anche per sostenere la loro attuazione da un governo che sarebbe il risultato di tale coalizione se avesse la maggioranza, con Jean-Luc Mélenchon come primo ministro, senza rinunciare alla nostra indipendenza. Tuttavia, man mano che le discussioni con le altre forze politiche progredivano, l’equilibrio politico della coalizione cambiava gradualmente, attenuando il carattere di rottura con le politiche liberali che era la sua forza.

Così l’accordo raggiunto con Europe écologie-Les Verts, molto vantaggioso in termini di circoscrizioni offerte, rivede diversi punti del programma condiviso tra NPA e UP, per esempio sulla necessità di rompere con l’Unione Europea. Inoltre, il debole posto dei collettivi dei quartieri popolari nell’accordo unitario, come “On s’en mêle” (un collettivo di 120 artisti di strada formatisi nel marzo scorso al fine di sostenere la candidatura di Mélenchon), non è il giusto segnale per coloro che subiscono tutta la forza delle politiche antisociali, di sicurezza, razziste e islamofobiche. Nonostante tutto, ci sembrava ancora importante partecipare a questa dinamica di unione». L’accordo coi socialisti è problematico in più di una maniera. Prima di tutto, perché “ritocca” alcune proposte essenziali, un aumento del salario minimo che non sarebbe più “immediato”, una rottura con l’Europa liberista le cui modalità sono diventate vaghe, anche la parola d’ordine sulla pensione a 60 anni per tutti è stata annacquata per far posto alla sinistra moderata che porta a casa 70 circoscrizioni (di cui 30 vincenti), che è molto di più della proposta iniziale dell’UP di una distribuzione proporzionale tra le diverse forze in gioco. «Così, il PS ha ottenuto tre volte più circoscrizioni di quelle che ha pesato nelle elezioni presidenziali, mentre l’NPA ha ricevuto tre volte meno di quelle che ha pesato. Un bel segnale!», spiegano a Montreuil, sede del partito alle porte della capitale.

Anche numerosi candidati dell’EÉLV non rappresentano una rottura con il neoliberismo, come dimostra il contegno degli “ecologisti” in un buon numero di città o regioni, diventa significativo. In sintesi: «l’Union populaire avrebbe voluto che l’NPA partecipasse al NUPES, ma senza la possibilità di una reale esistenza politica al suo interno».

Anche per Mediapart, «il partito trotskista appare come il pezzo mancante del puzzle della coalizione della sinistra. Questa è una perdita notevole per La France insoumise che, con l’NPA alla sua sinistra e il PS alla sua destra, si sarebbe posizionata come l’epicentro perfetto del raduno, ma anche per un NPA in declino, che aspira a reinventarsi».

Manu Bichindaritz, un membro del comitato esecutivo che ha partecipato ai negoziati, parla addirittura di “occasione persa”, anche se fa notare che in diversi posti, l’NPA chiamerà a votare candidati con una linea molto di sinistra – quindi non quelli dell’ex ” passeggiatore” Cédric Villani, per esempio, né quelli del PS.

“Il problema è che le condizioni delle discussioni sono cambiate lungo la strada. Il PS è arrivato nello scenario quando non era inizialmente previsto, il che ha spostato il cursore e ostacolato la corretta distribuzione delle circoscrizioni”, riassume l’attivista, che sottolinea che se l’accordo fosse stato fatto sulla base dei punteggi alle elezioni presidenziali, l’NPA, con il suo 0,77%, avrebbe dovuto ottenere quindici circoscrizioni e il PS, che ha ricevuto solo l’1,7% dei voti, trentuno. “Il risultato è stato che il PS ne ha avuti settanta e a noi ne sono stati offerti cinque, nessuno dei quali era in Gironda [la regione dove si trova Philippe Poutou – ndr], e nessuno corrispondeva ai nostri bastioni militanti. E poi, sulla sostanza, non ci faranno credere che con il PS nel bagaglio, Mélenchon creerà un polo di rottura di sinistra”, aggiunge.

“Fondamentalmente, non siamo stati veramente voluti [dall’Union Populaire]”, ha accusato Philippe Poutou, il candidato presidenziale, in un’intervista al “Midinale” di Regards venerdì.

Questa osservazione è condivisa dal sindacalista Xavier Mathieu, già vicino a Lutte Ouvrière, che quest’inverno è entrato nel Parlamento dell’Union Populaire (PUP) per sostenere la campagna presidenziale di Jean-Luc Mélenchon.

In un messaggio al vetriolo pubblicato venerdì, il vecchio “Conti” diventato commediante ha annunciato la sua partenza dal PUP, che avrebbe voluto avere voce in capitolo nei negoziati: “Perché resuscitare il Partito Socialista, i cui tradimenti lo hanno messo dove meritava di stare – l’obitorio – quando, allo stesso tempo, non si poteva raggiungere un accordo con i miei compagni del NPA […]”, ha scritto. L’unico partito con cui non siamo riusciti a raggiungere un accordo è l’unico che non ha vomitato sull’Union Populaire di Jean-Luc Mélenchon durante tutta la campagna”.

Da parte dell’LFI, deplorano anche l’assenza dell’NPA, “una vera forza militante”, nella coalizione. “È un peccato, sarebbe stato interessante avere Besancenot come portavoce e rappresentanti eletti di NPA nell’Assemblea”, ha detto il deputato Éric Coquerel, lui stesso militante per quasi vent’anni nella Ligue communiste révolutionnaire. Responsabile delle relazioni con le altre formazioni, respinge categoricamente le accuse di “ammorbidimento” delle misure portate dal Nupes a causa dell’arrivo del PS nel sindacato: “Che si tratti della pensione a 60 anni, dell’Europa o dell’aumento del salario minimo, questi sono punti che non toccheremo”, assicura.

“In seguito, i negoziati sono stati molto complicati perché l’NPA cambiava spesso idea nello stesso giorno. Tutti questi cambi di passo hanno portato al fatto che, poiché stavamo negoziando contemporaneamente con altre formazioni, non avevamo più abbastanza circoscrizioni da offrire loro”, aggiunge Eric Coquerel, che imputa il fallimento dell’accordo ai “problemi interni” al partito, diviso tra una linea unitaria e una linea autonomista.

In questo contesto, la discussione sulle elezioni legislative ha solo riaperto la questione delle alleanze elettorali che ha costantemente diviso il partito negli ultimi anni. Al punto che era già stata una delle ragioni dell’allontanamento di una parte dei militanti verso la Revolution Permanent.

Gaël Quirante, membro della corrente minoritaria della direzione del NPA era, fin dall’inizio, contrario a qualsiasi accordo. Dà la sua versione dei fatti: “Lo scopo principale dell’accordo è mantenere i seggi dei deputati delle organizzazioni, e questo prevale su tutto. Di fronte alla minima offensiva del Medef e dei padroni, tutto questo non durerà 30 secondi”, ha argomentato a Mediapart il sindacalista di Sud PTT 92, e di seguito ha considerato che il CPN non era stato ufficialmente incaricato di aprire le discussioni. “Il programma della rinnovata Union Populaire è più a destra di quello del programma comune di Mitterrand e più a destra delle lotte che stiamo conducendo”, aggiunge, stimando che la “visione riformista” di LFI è, in ogni caso, troppo lontana dalla tradizione militante della sinistra rivoluzionaria.

Alla fine, è in una forma di sostegno (caso per caso) senza partecipazione alle Nupes che il Npa si impegna oggi. Myriam Martin, ex portavoce che ha aderito al Fronte della Sinistra nel 2012, ha detto di non essere “completamente sorpresa” dalla decisione del suo ex partito, giudicando che “i problemi interni hanno pesato sulla bilancia”.

Ha dovuto lasciare la sua circoscrizione “vincibile” in Haute-Garonne, dove voleva essere candidata, ad un ecologista, ma cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno. È vero che l’NPA avrebbe avuto il suo posto e avrebbe potuto mettere il suo peso dietro la coalizione per tenerla a sinistra”, dice. Ma il lato positivo è che la discussione ha portato al consenso, che era inimmaginabile fino a pochi mesi fa, e questo è un progresso significativo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio

Fumetti, ritorna ARF! e si porta Paco Roca

Tra gli eventi di ARF!, il festival dei fumetti in programma dal 13 al 15 maggio, c'è una mostra sul disegnatore spagnolo Considerato all’u...