18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
HomemondiUlster, ma quanto è storica la vittoria del Sinn Féin?

Ulster, ma quanto è storica la vittoria del Sinn Féin?

Irlanda del Nord: dietro la “storica” vittoria del Sinn Féin, la delusione dei “non allineati” [Juliette Démas]

Belfast (Irlanda del Nord) – I risultati delle elezioni generali in Irlanda del Nord, tenutesi giovedì 5 maggio, non sono ancora stati annunciati, ma i due leader del Sinn Féin stanno già facendo un ingresso trionfale nel centro di conteggio a Belfast venerdì. I primi dati confermano ciò che i sondaggi prevedevano da settimane: il partito nazionalista, ex ala politica dell’IRA e favorevole alla riunificazione dell’isola d’Irlanda, è ora il primo partito in Irlanda del Nord (i risultati finali non sono stati pubblicati al momento di questo articolo). La sua candidata principale, Michelle O’Neill, potrà diventare Primo Ministro in un governo di coalizione che richiede che entrambe le comunità siedano insieme.
Eppure, quando si guarda al voto, non è così drammatico come sembra”, dice Colin Coulter, professore di sociologia alla Maynooth University e autore di Northern Ireland a Generation After Good Friday (Manchester University Press, 2021). Il partito ha ottenuto solo 20.000 voti in più rispetto al 2017. Quello che stanno cercando di venderci come un cambiamento drastico non è affatto un cambiamento”.
I nazionalisti hanno beneficiato principalmente del fatto che, dall’altra parte dello spettro politico, gli unionisti (pro-UK e prevalentemente protestanti) hanno visto il loro voto diviso tra diversi partiti. Il DUP, al potere dal 2007, ha perso alcuni dei suoi elettori a favore degli integralisti del TUV. “Se si sommano i loro voti, si ottengono gli stessi numeri del passato”, dice Colin Coulter.
Nonostante i titoli dei giornali su un “terremoto politico” e una “vittoria storica”, le elezioni “non significano molto per una gran parte del pubblico”. “I 18-29enni non votano o votano poco nelle elezioni legislative. Sono venuti a votare al referendum sulla Brexit nel 2016, motivati dalla polarizzazione dell’opinione, ma non hanno alcun interesse in chi viene eletto all’Assemblea”. La ragione di questa riluttanza è uno scoraggiamento diffuso: “Sono disillusi dalla cultura politica nordirlandese”.

La mancanza di interesse si spiega in primo luogo con i grandi temi che guidano i partiti, nei quali i più giovani non si ritrovano. Da un lato, il Sinn Féin, motivato dalla riunificazione dell’Irlanda, che non vede un futuro per l’Irlanda del Nord. Dall’altro, il DUP, che ha più volte denunciato il protocollo, la disposizione della Brexit che impone controlli nel Mare d’Irlanda. E ognuno gioca sulla paura di vedere l’altro eletto.
Ma queste questioni hanno poco a che fare con le preoccupazioni degli elettori. Per esempio, un sondaggio della Queen’s University di Belfast pubblicato il 24 febbraio ha rilevato che solo il 13% degli unionisti è preoccupato per il protocollo, rispetto al 34% che è preoccupato per lo stato del sistema sanitario.
Anche l’idea di un referendum sulla riunificazione irlandese non sta ottenendo sostegno. Ruairi McDonnell, 21 anni, è tornato da Dublino dove stava studiando storia irlandese per distribuire volantini a Belfast fuori dal seggio elettorale. È un attivista del SDLP nazionalista moderato. “Abbiamo avuto il Sinn Féin e il DUP al potere per quindici anni; gli altri partiti sono stati messi da parte. Ma mentre gli accordi di pace del 1998 hanno messo fine alla violenza, la situazione non è migliorata. C’è una mancanza di lavoro e di alloggi e ci sono persone che non hanno abbastanza soldi per sfamare le loro famiglie. Quindi, per quanto mi piacerebbe vedere un’Irlanda riunita, sventolare le bandiere non servirà a sfamare tutti! Ci sono persone in profonda povertà qui, cosa farà per loro un’Irlanda riunificata?
Anche Conor Johnston, un blogger nordirlandese, è infastidito dallo scollamento tra politica e società civile. “La gente qui è venti anni avanti rispetto al sistema! Si classifica come uno degli “altri”, coloro che non si definiscono secondo linee di divisione ancestrali. Una terza via in piena ascensione. “Sono frustrato nel vedere che le strutture politiche non ci rappresentano. I rappresentanti eletti e i media hanno una tendenza al breve termine e al tokenism che non corrisponde alla realtà: c’è un liberalismo sociale in Irlanda del Nord che non si riflette nell’Assemblea.

E per una buona ragione: se un partito lega le sue opinioni sul confine nordirlandese alla sua posizione socialmente conservatrice, la gente non ha altra scelta che votare per l’insieme.
Questa è stata a lungo la strategia del DUP, con i suoi rappresentanti eletti creazionisti o evangelici, anti-aborto e anti-matrimonio per tutti, eppure è riuscito a rimanere al potere sollevando lo spettro del nazionalismo. “Per anni hanno puntato sul sentimento anti-Sinn Féin e pro-UK. Ma i loro elettori sono davvero così conservatori sulle questioni sociali? Non sono sicuro. Dieci anni fa, la gente aveva paura di sprecare il proprio voto. Ora vedono che anche i partiti minori hanno una possibilità.

Questo è particolarmente vero per l’Alleanza, che è stata fondata nel 1970 e ha guadagnato terreno negli ultimi dieci anni. I suoi eletti stanno facendo bene in queste elezioni: il gruppo è passato dall’essere il quinto partito della provincia alla terza forza politica affermata. La sua particolarità: non avere una posizione forte sulle questioni costituzionali e voler proporre un’alternativa al voto motivata dal settarismo.
Questo discorso ha convinto Sara, una donna inglese che vive a Belfast. Si è precipitata a votare dopo la sua giornata di lavoro in un caffè del centro città. “Ho puntato su Alliance perché nella mia circoscrizione è l’unico modo per tenere il DUP fuori dai giochi”, dice. Sarebbe stata tentata anche dal partito dei Verdi, ma il modo in cui i collegi elettorali sono divisi non favorisce i candidati più piccoli. East Belfast, dove vive, è una roccaforte unionista piena di Union Jacks e murales di gruppi paramilitari. Per la giovane donna dai capelli rosa, queer e bisessuale, la scelta è semplice: “Non voterò mai per qualcuno che è pro-vita, anti-donna o anti-gay.
Nonostante l’aumento incoraggiante di questa terza via, Lesley Veronica, che correva come candidato del Partito Verde nel South Antrim, si aspettava di meglio. Tra un viaggio e l’altro al centro di conteggio, esprime la sua delusione: “Si può vedere che i Verdi hanno fatto bene nelle elezioni in Gran Bretagna, ma non qui perché la gente vota in modo strategico. Il clima politico la preoccupa. “Quando vedi quanti uomini bianchi di mezza età dominano ancora la politica qui, è abbastanza deprimente. Tre donne hanno dovuto affrontare minacce durante la campagna, quindi dimostra che una certa cultura patriarcale e maschilista è ancora presente. Invece di capire che la politica è dialogo e compromesso, i decisori preferiscono adottare posizioni. E gli elettori hanno imparato a premiare questo tipo di comportamento.
Ma ciò che lo preoccupa veramente è l’incertezza sul futuro delle istituzioni. Il DUP ha avvertito che si rifiuterà di formare un governo finché la questione del protocollo dell’Irlanda del Nord non sarà risolta. Si tratta di una questione sulla quale Londra e Bruxelles hanno una stretta di mano. Un altro ostacolo è che il partito che è sempre stato critico nei confronti del Sinn Féin troverà difficile occupare la posizione di vice primo ministro accanto a questo avversario di lunga data. “Cosa significherà questo per noi? Ogni volta che il governo smette di lavorare, ha un impatto sulla vita delle persone e sul loro lavoro, in particolare nel settore dei servizi”.
Il DUP ha rovesciato l’esecutivo lo scorso febbraio e i suoi oppositori lo hanno accusato di aver impedito 300 milioni di sterline di spese necessarie.
Lesley Veronica, una professoressa di scienze politiche, vede anche l’emergere di “elettori che non hanno una visione particolarmente forte sulle questioni costituzionali”. Essendo cresciuta nella comunità unionista e protestante prima di trasferirsi nelle zone repubblicane del nord di Belfast, sente che le questioni di identità “alla fine non sono importanti”.
“L’antagonismo politico fa sì che ci sia più considerazione per gli estremisti che per coloro che non sanno come voterebbero se arrivasse un referendum di riunificazione. Ma ci sono sempre più di questi ultimi. Lo vedo tra i miei studenti: quindici anni fa, pochissimi di loro votavano. Ora danno i loro voti ai Verdi e all’Alleanza. Quindi rimane ottimista: “Le cose stanno cambiando, ma ci vuole molto, molto tempo”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio