21.6 C
Rome
lunedì 15 Agosto 2022
21.6 C
Rome
lunedì 15 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homepadrini & padroniWatergate, mezzo secolo dopo. Una lezione per oggi

Watergate, mezzo secolo dopo. Una lezione per oggi

L’anniversario del 50 anni dallo scandalo Watergate cade nei giorni dell’inchiesta su Trump [John Nichols]

L’insabbiamento del Watergate da parte di Nixon è riuscito quando era più importante Durante la campagna elettorale del 1972, i Democratici hanno tirato corto sulle responsabilità. Non dovrebbero ripetere l’errore [John Nichols]. Cinquant’anni fa, Frank Wills, una guardia di sicurezza del complesso Watergate, notò attività sospette intorno agli uffici del Comitato Nazionale Democratico e avvertì la polizia. Cinque uomini furono arrestati nelle prime ore del mattino del 17 giugno 1972 e accusati di tentato furto con scasso e di aver cercato di piazzare cimici per intercettare le comunicazioni telefoniche. Nel giro di poche ore, un ex candidato repubblicano al Congresso di nome G. Gordon Liddy contattò uno dei principali assistenti del Presidente Nixon per informare la Casa Bianca che gli arrestati stavano facendo il lavoro sporco per la campagna di rielezione del Presidente. Mentre l’addetto stampa di Nixon liquidò l’incidente come “un tentativo di furto con scasso di terza categoria”, il presidente ordinò al capo dello staff della Casa Bianca, H.R. Haldeman, di ostacolare l’indagine dell’FBI sul finanziamento del furto con scasso, un’indagine che avrebbe sicuramente stabilito un collegamento tra i cospiratori criminali e l’organizzazione della campagna elettorale di Nixon, il Comitato per la rielezione del presidente. Le macchinazioni della Casa Bianca si rivelarono una soluzione temporanea. Quando gli investigatori intensificarono le indagini e gli americani iniziarono a prestare seriamente attenzione al fatto che il loro comandante in capo era un truffatore, la presidenza di Nixon si sgretolò. Ma l’insabbiamento ebbe un enorme successo nell’autunno del 1972 quando, nonostante le prove sempre più evidenti delle malefatte di Nixon, gli elettori rielessero il presidente con facilità. L’opportunità di chiedere conto al presidente repubblicano quando era più importante fu persa in gran parte a causa della pigrizia dei principali esponenti di entrambi i partiti. Non vollero insistere troppo sui temi della corruzione politica in un anno elettorale in cui il Partito Democratico era profondamente diviso, e le élite politiche e mediatiche pensarono semplicemente che il potente e vendicativo Nixon non potesse essere battuto. Le cose sarebbero potute andare diversamente se ci fosse stata una spinta più aggressiva per la responsabilità nell’autunno del 1972? È una possibilità reale. E la storia offre una lezione per gli investigatori contemporanei sulle trasgressioni dell’ex presidente Donald Trump e dei suoi collaboratori repubblicani. I membri del Comitato ristretto della Camera per indagare sull’attacco al Campidoglio del 6 gennaio dovrebbero riconoscere questo: essere teneri con le responsabilità in un anno elettorale – che sia il 1972 o il 2022 – nega agli elettori la chiarezza necessaria per fare le scelte giuste. La verità che Nixon cercava di oscurare stava diventando evidente nell’autunno del 1972. I giornalisti del Washington Post Carl Bernstein e Bob Woodward avevano pubblicato, nel settembre e nell’ottobre di quell’anno, storie fondamentali che collegavano l’irruzione nel Watergate a un ambizioso programma di spionaggio organizzato dalla campagna di Nixon. Anche con queste informazioni, tuttavia, l’inchiesta procedette a un ritmo lento e con un’agenda ristretta. Nixon e i suoi collaboratori ebbero pochi problemi a perpetuare il mito che il presidente non fosse in alcun modo associato a un piano per sabotare non solo i democratici, ma la stessa democrazia. “L’affare Watergate”, ci ricordano gli storici, “ebbe un impatto minimo sulle elezioni del 1972”. Ma avrebbe potuto, se fosse stata adottata una linea più dura in nome della responsabilità. Se ci si fosse concentrati con decisione sulla corruzione politica quando le prove di illeciti stavano aumentando, e se gli addetti ai lavori democratici e repubblicani avessero messo il Paese davanti alle loro macchinazioni elettorali, la storia americana avrebbe potuto prendere una piega diversa. Sfortunatamente, l’attenzione è stata offuscata, non solo a causa dell’insabbiamento repubblicano, ma anche perché molti democratici di primo piano erano poco inclini a chiamare in causa il presidente in un momento in cui importanti membri democratici del Congresso, governatori e senatori sostenevano formalmente una campagna “Democratici per Nixon”. Molti di loro pensavano semplicemente, come notò Elizabeth Drew dopo la campagna, che “McGovern non fosse il legittimo candidato del partito democratico”. In un momento in cui i Democratici avrebbero dovuto essere uniti nel chiedere responsabilità e in cui gli investigatori avrebbero dovuto seguire aggressivamente la pista che portava a Nixon, il partito di opposizione era allo sbando. Le forze progressiste erano riuscite a sconvolgere la vecchia guardia e a candidare alla presidenza il senatore del South Dakota George McGovern, un liberale contrario alla guerra del Vietnam che proponeva di ampliare l’impegno del partito per la giustizia economica, sociale e razziale. L’establishment politico di entrambi i partiti respinse McGovern, anche quando il senatore dichiarò a settembre che lo scandalo andava “dritto al cuore degli standard morali di questa nazione”.
Nel settembre 1972, dopo che un gran giurì federale aveva incriminato i ladri del Watergate e un paio di ex aiutanti di Nixon alla Casa Bianca, senza però compiere il passo logico successivo, McGovern dichiarò: “Dal primo all’ultimo capo d’accusa, l’atto d’accusa del gran giurì federale reso ieri nel caso delle cimici dei Democratici è una vergogna”.
Il candidato democratico alla presidenza ha continuato ad accusare “che questo palese errore giudiziario è stato ordinato dalla Casa Bianca per risparmiare l’imbarazzo in un anno di elezioni”.
Concentrandosi con il laser sulle questioni che erano state lasciate in sospeso, McGovern ha spiegato che “l’amministrazione Nixon ci chiede di credere che i Cinque del Watergate, più due umili operativi della Casa Bianca, abbiano ideato e portato avanti questo squallido schema per spiare il partito democratico da soli, senza alcuna autorità dall’alto. L’amministrazione, con il suo totale controllo del Gran Giurì, ci chiede di ignorare il dirottamento di 114.000 dollari di fondi segreti della campagna elettorale nelle mani di questa squadra di spionaggio politico”.
E ha aggiunto: “Le domande lasciate senza risposta dal Gran Giurì sono sconcertanti”:
Chi ha ordinato questo atto di spionaggio politico?
Chi l’ha pagato?
Chi ha contribuito con i 114.000 dollari che sono stati versati dal comitato della campagna di Nixon al conto bancario di uno degli uomini arrestati, e che hanno pagato le spie per il loro lavoro?
Chi ha ricevuto i memorandum delle conversazioni telefoniche intercettate?”.
Le domande di McGovern erano precise. Ma non hanno mai guadagnato terreno. La campagna autunnale si concentrò sui passi falsi del candidato democratico e sui presunti successi di Nixon: il Watergate fu un ripensamento. Sebbene i Democratici controllassero il Congresso, solo nel febbraio 1973 il Senato istituì un comitato ristretto per indagare sul Watergate, presieduto dal conservatore Sam Ervin, democratico della Carolina del Nord.
Nel frattempo, Nixon continuò la sua presidenza come trionfatore di una schiacciante vittoria elettorale. La narrazione dell’epoca andò a rotoli. I politici e gli opinionisti, molti dei quali democratici, accettarono l’idea che nulla avrebbe potuto compromettere la candidatura del repubblicano e che il Watergate aveva raggiunto Nixon solo dopo il suo secondo mandato.
Ma cosa sarebbe successo se la responsabilità fosse diventata una priorità nel 1972?
Senza dubbio, la campagna di McGovern di quell’anno era imperfetta. Non riuscì a controllare la convention che lo nominò. Scelse e poi rifiutò il senatore del Missouri Tom Eagleton come compagno di corsa. Perse i principali appoggi del mondo del lavoro. I soldi erano pochi. Eppure, se gli elettori avessero fatto chiarezza sul Watergate, non è irragionevole pensare che le cose sarebbero potute andare diversamente.
Se il processo di responsabilizzazione si fosse accelerato, se avesse preso piede nel momento in cui contava di più, è difficile immaginare che Nixon avrebbe ottenuto la sua frana. Quando ho avuto modo di conoscere McGovern in età avanzata, mi ha raccontato di come si sentiva a passeggiare negli aeroporti in quel periodo. Mentre l’inchiesta sul Watergate decollava e l’indice di gradimento di Nixon crollava al 27% nell’autunno del 1973, la gente lo fermava per dirgli che era sempre stata dalla sua parte. Alla fine, non poteva attraversare i terminali senza essere fermato decine di volte da persone che assicuravano al candidato democratico alla presidenza del 1972 di aver votato per lui.
Più la gente sapeva del Watergate, più voleva credere di aver votato per McGovern nel 1972, ha ricordato l’ex candidato. “Ma i conti non tornavano”, ha aggiunto, “perché se tutti avessero votato per me, sarei stato eletto”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Quando anche il Vaticano attaccava Rushdie

La vicenda di Salman Rushdie è una forma violentissima dell'allergia delle religioni per il romanzo [Christian Salmon]

Così Putin vince la guerra del petrolio

Prezzi alle stelle e nuovi mercati: gli effetti "molto limitati" delle sanzioni occidentali contro la Russia [Martine Orange]

Il futuro si può riscrivere, la storia no

Ritorna Fino al Cuore della Rivolta, il festival della Resistenza di Fosdinovo [Chiara Nencioni]

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]