29.1 C
Rome
giovedì 20 Giugno 2024
29.1 C
Rome
giovedì 20 Giugno 2024
Homeconsumare stancaUlivi millenari, un'azione popolare per difenderli

Ulivi millenari, un’azione popolare per difenderli

In provincia di Brindisi, i cittadini hanno incardinato una Azione Popolare a difesa degli Ulivi plurisecolari e millenari

Il territorio pugliese e la cultura del suo popolo rischiano di essere stravolti dalle modalità di gestione della cosiddetta “emergenza Xylella” e, in particolare, dalle misure adottate per la lotta alla Xylella che trattano gli alberi come oggetti e il territorio alla stregua di un “contenitore” dal quale “rimuovere” gli elementi indesiderati, senza considerare le relazioni delle piante con il resto dell’ecosistema e della società.

Attestata la mancanza di correlazione fra disseccamento e la Xylella, posto che la principale causa del disseccamento è da rintracciare nello stato di salute della pianta e, dunque, del suolo (in particolare l’utilizzo di pesticidi e di erbicidi impiegati in quantità esorbitanti rispetto ai trend attesi), il Prof. Paolo Maddalena e i giuristi dell’Associazione “Attuare la Costituzione” hanno congegnato un’azione popolare che punti a favorire il ripristino del danno ambientale causato al territorio pugliese. L’azione si basa sulla previsione del codice dell’ambiente (d. lgs. n. 152/2006) che, mediante gli articoli 309-311 e ss., offre un mezzo risolutivo attraverso il quale è possibile richiedere allo Stato, attesa la gravità della situazione, il ripristino della salute del suolo e dell’ambiente. Questo istituto permette attraverso un ordine del Giudice di costringere il Ministero competente a riprodurre gli effetti del ripristino della situazione antecedente al danno, ovvero:

  • ripristino della funzionalità del suolo
  • controllo del disseccamento aumentando, al contempo, la resilienza delle piante e dell’ambiente circostante.

Allo scopo l’azione è stata corroborata da una perizia collegiale interdisciplinare a firma del Prof. Marco Nuti, del Prof. Giusto Giovannetti, del Dott. Marco Scortichini, del Dott. Giovanni Pergolese, del Dott. Michele Saracino e del Dott. Giorgio Doveri.

Il 16 maggio 2022 si è svolta la prima udienza presso il Tribunale di Brindisi che, tuttavia, è stata rimandata perché il nuovo Ministero della Transizione Ecologica non si è costituito.

Per chi voglia mettersi in gioco è possibile

  1. SOSTENERE L’AZIONE POPOLARE attraverso il crowdfunding (attuarelacostituzione.it/crowdfunding-processo-xylella-ulivi/). Poiché l’Azione è gratuita da parte degli avvocati di “Attuare la Costituzione”, le somme raccolte saranno destinate solo per sostenere le spese vive del processo e per far fronte all’eventuale soccombenza. La parte eventualmente restante sarà impiegata solo in progetti per il ripristino delle funzioni vitali del suolo e il recupero degli ulivi secolari con sintomi di disseccamento.
  2. DIFFONDERE L’AZIONE POPOLARE fra i tuoi contatti diretti e via social.
  3. RESTARE AGGIORNATI sulla situazione in corso attraverso il sito del COMITATO ULIVIVO e Facebook 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte