8.5 C
Rome
domenica 29 Gennaio 2023
8.5 C
Rome
domenica 29 Gennaio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomecultureIl fulmine è arrivato

Il fulmine è arrivato

Ascolta le poesie di Olivia per il marito George Harrison

 

George Harrison è morto nel novembre 2001. Quest’anno, nel 2022, sua moglie Olivia Harrison ha pubblicato “Came the Lightening, Twenty Poems for George”, un libro di poesie scritte da lei, per e su di lui. Sono messaggi bellissimi, crudi, onesti e potenti di amore, natura e dolore. Per questo servizio abbiamo chiesto a Olivia di avventurarsi nel loro amato giardino di casa per registrare una manciata di queste poesie, con i suoni della natura come accompagnamento. Liv Siddall ha parlato con Olivia delle parole nate dal suo processo di elaborazione del lutto e del giardino che condividevano.
Scorri in basso per ascoltare alcune delle poesie, trasformate in opere d’arte da Alia Wilhelm.

Molte persone nel corso della storia hanno cercato di imbottigliare le indescrivibili emozioni che il lutto può provocare. Il più delle volte questi sentimenti sono espressi attraverso l’arte o la parola scritta, da artisti e scrittori che tentano di inchiodare alla cieca questa emozione incommensurabilmente potente e sfuggente usando gli strumenti che hanno a disposizione. L’aspetto interessante dei risultati è la loro diversità. Il dolore è così soggettivo. Nonostante sia un’emozione universalmente sentita, il modo in cui la proviamo e ciò che possiamo creare da essa sono unici per noi.
Il musicista, attivista e cantautore George Harrison è morto nel novembre 2001. Quest’anno, nel 2022, sua moglie Olivia Harrison ha pubblicato “Came The Lightening, Twenty Poems for George”, una raccolta di poesie scritta da Olivia, per e sul marito scomparso. Nella prefazione di questo libro c’è una citazione di Martin Scorcese – il creatore del documentario su George Harrison “Living in the Material World” (2011) – che dice: “Come poteva Olivia dare forma ai suoi ricordi di una vita condivisa con il suo amato George Harrison, ormai scomparso da vent’anni? Avrebbe potuto fare una storia orale o un libro di memorie. Invece ha composto un’opera di autobiografia poetica”.
Le poesie sono opere crude, oneste, commoventi e di una schiettezza rinfrescante. Non sono eccessivamente pensati o fatti. Sono solo messaggi di Olivia a George, che raccontano ricordi e si sforzano di capire e digerire il profondo amore che provavano l’uno per l’altra. Come è noto, l’altro amore di George era il giardino di casa, le cui piante e il cui paesaggio si insinuano in molte poesie di Olivia su di lui.
Dopo la sua morte, Olivia continuò a vivere nella casa che condividevano, confrontandosi quotidianamente con il giardino che avevano costruito insieme. All’inizio è stato difficile. “Ho tirato sassi al lago e ho spaventato tutti i pesci… Sei arrabbiata e ferita e sei in lutto. Non ero arrabbiato con il giardino. Ero solo sconcertata”, racconta. “E poi ho iniziato a lavorare sul giardino da sola. Tutta quell’energia è andata nel giardino ed è tornata a me in quelle poesie”.
Per celebrare il libro, abbiamo chiesto a Olivia di scegliere e recitare tre poesie dalle sue pagine e di registrarle nel giardino di lei e George. Le ha registrate in diversi momenti della giornata, a volte già alle 4:30 del mattino, per poter cogliere il coro dell’alba come sottofondo.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Ascoltate qui alcune delle poesie di Olivia per George, registrate nel suo giardino.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cancel culture: fascisti e polizia contro francobolli e giochi

Succede in Spagna per via di un francobollo sui cent'anni del Pce e in Francia contro un gioco "antifa"

Pescare nel deserto e raccontarlo a teatro

"Kakuma. Fishing in the desert", di Laura Sicignano, in prima nazionale a Genova

L’impossibile virata a sinistra del Pd

Il percorso lungo, travagliato - e truccato - del congresso del nuovo cosiddetto Pd Son finiti i tempi dei segretari a vita o a fine mand...

Trieste, Romano Held suona ancora

Shoah e Porrajmos. La storia del violinista Romano Held e il bisogno di una memoria a più voci

L’errore Nucleare, la mistificazione del Trattato

Nel primo anniversario della proibizione nucleare non c'è molto da festeggiare [Angelo Baracca]