26 C
Rome
giovedì 25 Luglio 2024
26 C
Rome
giovedì 25 Luglio 2024
Homein fondo a sinistraLa France insoumise, cercasi pluralismo

La France insoumise, cercasi pluralismo

Piccolo dossier a proposito di La France insoumise, il partito di Jean-Luc Mélenchon

La France insoumise, un movimento politico dai piedi d’argilla che domina la sinistra [Patrick Le Moal]

Rivista L’Anticapitaliste n°146 (maggio 2023)

Attorno alla personalità di Jean-Luc Mélenchon, La France insoumise (FI) occupa oggi un posto centrale nella sinistra politica francese.

Sulla base dei risultati delle elezioni presidenziali, è riuscita a riunire il PS, Europe Écologie-Les Verts e il PCF nel Nupes sulla base dell’essenza del suo programma presidenziale, che si oppone alle politiche neoliberiste dei governi di sinistra e di destra degli ultimi anni e segna una rottura con il produttivismo attraverso una transizione ecologica. Rappresenta uno spostamento del centro di gravità della sinistra verso posizioni politiche, sociali ed ecologiche radicali, senza essere anticapitaliste.

La realtà dell’impatto delle elezioni presidenziali

FI è riuscita in questa operazione arrivando molto vicina alla presenza al secondo turno. Ma questa elezione è molto particolare. Avendo allineato i mandati del presidente e dei parlamentari, è stata concepita per dare al presidente tutte le leve politiche. A sinistra, visto il risultato dell’estrema destra (oltre il 30%), molti voti al primo turno vanno al candidato che, secondo i sondaggi, probabilmente impedirà alla Le Pen di arrivare al secondo turno. È sfruttando questo “voto utile” che FI ha spazzato via elettoralmente il PS social-liberale, mantenendo il PCF e l’EÉLV a livelli bassissimi.

La natura della svolta nelle elezioni legislative del 2022

Se l’impatto politico nazionale è il prodotto delle elezioni presidenziali, i mezzi per esistere finanziariamente e politicamente in tutto il Paese dipendono dalle elezioni legislative.

La scelta di JLM di dare impulso al Nupes ha impedito a Macron di ottenere la maggioranza assoluta in Assemblea, una novità da 20 anni, e ha permesso di limitare l’avanzata del RN. Allo stesso tempo, ha fissato i rapporti di forza a favore di FI, che ha 67 deputati (17 nel 2017), consentendo al PS e al PCF di mantenere la propria rappresentanza (32 e 12), e a EÉLV di avere un gruppo parlamentare (16 deputati invece di 1 nel 2017).

Questi risultati aumentano considerevolmente le risorse di cui FI disporrà nei prossimi anni, sia politiche, ovviamente, sia materiali: il suo finanziamento da parte dello Stato supererà i 4 milioni di euro all’anno, per non parlare delle risorse dei deputati, che versano il 12% delle loro indennità e dispongono di addetti parlamentari: l’apparato di FI sta cambiando scala.

FI all’interno della sinistra istituzionale

Questa sequenza segna un’evoluzione nel posizionamento di FI. Nel 2016, JLM ha organizzato incontri con teorici del “populismo di sinistra” come Chantal Mouffe. Pur avendo mantenuto da questa corrente il posto degli ideali nella politica e il ruolo centrale del leader, la natura del programma elettorale è fondamentalmente diversa dalle teorie di Laclau. L’avenir en Commun, che riproduce in gran parte quello del 2017, presenta più di 80 misure chiave e quasi 700 proposte, ed è “il frutto di un laborioso lavoro di armonizzazione ideologica tra sensibilità, tradizioni e correnti diverse” e con molti interlocutori esterni a FI. Questo è molto lontano dal rapporto di Laclau con il programma: “l’unità del gruppo è […] il risultato di un’articolazione di richieste. Ma questa articolazione non corrisponde a una configurazione stabile e positiva che possa essere colta come una totalità unificata”.

Il JLM non è mai uscito dallo stampo della sinistra francese. FI, nata dalle decantazioni della sinistra istituzionale, è una costruzione ben adattata al sistema politico, impregnata di repubblicanesimo francese, in contrasto con il social-liberalismo e con le posizioni ecologiste radicali.

L’ambizione di FI di fare del Nupes l’alternativa inevitabile non si è concretizzata.

La scarsa affluenza al secondo turno non ha impedito alla popolazione dei quartieri popolari di astenersi dalle elezioni parlamentari. In Parlamento, Nupes è un intergruppo che comprende quattro gruppi indipendenti (FI, PS, PCF, Verdi), che non sempre fanno le stesse scelte o votano allo stesso modo.

In realtà, non esistono strutture Nupes aperte a tutti, che organizzino l’unità dal basso e la ancorino nei circoli operai. Rimane solo un accordo elettorale.

I partner di FI vogliono riconquistare il terreno perduto…

L’EELV ha tenuto il suo congresso a dicembre (12.700 iscritti, 5.600 votanti), che non ha respinto il Nupes, ma la maggioranza vuole riequilibrare i rapporti di forza alle elezioni europee del 2024 e sta preparando una presentazione autonoma. La corrente di sinistra è stata nettamente sconfitta, con meno del 20% dei voti.

La tornata elettorale del PS di gennaio (41.000 iscritti, 23.200 votanti) è stata una relativa sconfitta per Olivier Faure, che aveva negoziato il suo ingresso nella Nupes. Il partito è spaccato in due tra il suo orientamento e quello che ha riunito alcuni leader storici contrari a qualsiasi accordo con FI e altri favorevoli all’unità a sinistra… sotto la guida del PS.

Il congresso del PCF di aprile (41.000 iscritti, quasi 29.900 votanti) ha visto la vittoria di Fabien Roussel, che ha condotto una campagna dal profilo operaio, reazionario sulle questioni ecologiche e del costume, su un testo che rifiutava di “cancellare” il PCF riunendo identitari, ortodossi nostalgici dell’URSS e sostenitori di un’unione della sinistra con il PS con un voto dell’82%, riducendo il numero dei sostenitori dell’unità con FI.

… pur mantenendo il quadro NUPES

Ma nessuno di questi partiti mette in discussione questo quadro nell’immediato futuro, per due motivi.

In primo luogo, il raro contesto di unità sindacale nella mobilitazione in difesa delle pensioni spinge in direzione dell’unità: chiunque sembri opporsi a questa aspirazione verrebbe schiacciato.

In secondo luogo, l’attuale instabilità parlamentare lascia aperta la possibilità di uno scioglimento dell’Assemblea. Tutti coloro che hanno conquistato seggi con il Nupes avrebbero troppo da perdere dalla sua scomparsa.

FI è a un punto di svolta. Strutturata intorno alle elezioni presidenziali, la sua posizione dominante significa che deve trasformarsi se vuole mantenere la sua leadership e pensare di diventare egemone a sinistra.

L’assenza di una struttura democratica è alla base dell’organizzazione di FI

Quando è stata creata nel 2016, FI si è presentata come qualcosa di diverso da un partito, un movimento “gassoso” senza struttura democratica nazionale, senza congresso e senza voti. Chiunque può aderirvi, in pochi clic, senza pagare alcuna quota di iscrizione o di tesseramento. Centinaia di migliaia di persone lo hanno fatto, forse 500.000 dalla sua creazione. Durante le elezioni, decine di migliaia di persone fanno donazioni, che non sono quote associative, o sono “cyber-attivisti”.

I membri si uniscono a un “Gruppo d’azione” locale, il cui numero ideale è fissato a 11 membri e non deve superare i 15. Sono stati annunciati più di 2.800 gruppi d’azione. È difficile dire quanti siano i membri, perché non ci sono congressi con votazioni, che sono il momento della verità. I dati di Manuel Cervera-Marzal, che ha studiato a fondo le operazioni di FI, illustrano queste incertezze. Egli stima che “tra il 2018 e il 2020 FI avrà circa 6.000 attivisti. Per attivisti intendo ‘attivi all’interno di un gruppo di sostegno’… una definizione un po’ semplicistica… la cifra potrebbe essere rivista al rialzo”. Nel novembre 2021 ha fatto un’altra approssimazione: “Stimo che su 500.000 membri, dieci volte meno sono attivisti di base”. Un’altra stima si basa sul numero di gruppi d’azione, che potrebbero avere più di 30.000 membri.

I gruppi d’azione non dispongono di fondi, locali o attrezzature per la stampa. Non ci sono strutture intermedie, né raggruppamenti geografici, né strutture permanenti di azione e di riflessione in cui si possa sviluppare un pensiero collettivo e in cui le decisioni possano essere prese democraticamente.

Dal punto di vista giuridico, FI è composta da sole tre persone con pieni poteri. È una democrazia plebiscitaria, con decisioni importanti prese da un numero limitato di leader e un gruppo affiatato attorno al leader, che consente agilità politica, ma costituisce una struttura altamente gerarchica, con un processo decisionale verticale che convive con l’appartenenza orizzontale, privando i membri di qualsiasi possibilità di influenzare la direzione e le decisioni. Riabilitando l’individualismo come segno di insubordinazione, “il carattere centralizzato della France Insoumise è un riflesso della struttura giacobina dello Stato francese”, la guida rivolta al popolo, senza corpi intermedi, JLM non fa altro che prendere atto della fine dei partiti, ma contribuisce alla loro emarginazione.

Il lancio di Le Média: un’occasione mancata

Questo sito di notizie gratuite, creato nel 2018, è stato lanciato da persone vicine a FI, pur dichiarandosi indipendente. Un appello molto ampio da parte di personalità di sinistra e di estrema sinistra ha sostenuto l’iniziativa.

Ma il team iniziale si è rapidamente ridotto. Il caporedattore è stato licenziato, il giornalista Noël Mamère, ex deputato ecologista e membro di Génération.s, se n’è andato un mese dopo, rifiutandosi di continuare a fare da “garante”, altri hanno seguito il suo esempio e figure di spicco che avevano aderito all’appello iniziale hanno ritirato il loro sostegno. Era tutt’altro che un media cooperativo, indipendente, collaborativo e pluralista. Ben presto si è visto per quello che era: un organo al servizio di FI. L’opportunità di creare uno spazio pluralista è stata persa. Il suo pubblico dà un’idea di quello di FI: il numero di visualizzazioni giornaliere su YouTube è dell’ordine di 150.000, mentre quelle settimanali sono dell’ordine di un milione.

L’effimero parlamento della campagna elettorale del 2022

In concomitanza con la campagna elettorale, è stato istituito il “Parlamento della campagna dell’Unione Popolare”, che riunisce 125 membri di FI e 125 personalità di spicco, sindacalisti, intellettuali, leader di comunità e attivisti, presieduto da Aurélie Trouvé, ex portavoce di Attac. Avrebbe potuto essere l’inizio di un processo di riorganizzazione della sinistra, ma non è mai stato realizzato. Ampliato al momento della formazione di Nupes, è ora completamente scomparso.

Pressioni per strutturare il movimento

In seguito alla campagna elettorale, ci sono state richieste per una nuova organizzazione di FI. Queste provenivano dagli intellettuali e dalle correnti politiche presenti in FI in quanto tali, che sollevavano i problemi della democrazia interna e della costruzione di una contro-egemonia, ma anche dagli attivisti di base che cercavano un’organizzazione che permettesse loro di fare campagna quotidiana.

Clémentine Autain si è distinta pubblicando un testo in cui ribadiva i meriti di FI “come rottura con il modo di operare dei partiti tradizionali” e avanzava proposte concrete per “una leadership identificata che potesse combinare tre livelli di legittimità: i rappresentanti eletti, i Gruppi d’Azione e le forze del movimento sociale e culturale che si impegnano per noi”.

L’economista Cédric Durand e il sociologo Razmig Keucheyan vedono FI: “Da movimento agile, tarato per battaglie elettorali lampo, deve trasformarsi in una forza irresistibile, capace non solo di andare al potere con i suoi alleati Nupes, ma anche di riuscire ad avviare una biforcazione ecologica e sociale sistemica che vada oltre il capitalismo”. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo costruire una forza di base a lungo termine nella sinistra sociale ed ecologica, in grado di svolgere un ruolo politico decisivo nei prossimi decenni.

Lavoro di riorganizzazione

Guidato da 15 dirigenti del nucleo centrale, il lavoro è sfociato in “riforme” presentate all’assemblea “rappresentativa” del 10 dicembre 2022, composta da 160 dirigenti e membri estratti a sorte, senza alcun dibattito di fondo organizzato in tutto il movimento. Naturalmente, l’assemblea ha approvato le proposte e ha nominato Manuel Bompard, uno dei fedelissimi di JLM, per sostituirlo come presidente.

I circuiti dipartimentali dei gruppi d’azione

Per quanto riguarda l’organizzazione di base, l’unica novità è la possibilità di coordinare i gruppi d’azione a livello locale, che ora possono creare “circuiti dipartimentali” in grado, grazie ai “contributi volontari” degli attivisti (che non sono quote associative e non danno diritti), di avere spese locali e di acquistare locali nelle aree rurali e suburbane.

Corsi di formazione dell’Istituto La Boétie

Presieduto da JLM, l’Institut La Boétie è diventato un forum molto più importante per lo sviluppo intellettuale e uno strumento di educazione popolare. Riunisce un gran numero di figure intellettuali, pubblica note e schede di discussione, organizza colloqui e tavole rotonde e gestisce due volte l’anno una scuola di formazione nazionale per una classe di 70 attivisti.

Quanto sarà aperta la leadership di FI, per garantire la partecipazione a lungo termine degli intellettuali coinvolti?

Una nuova leadership è in carica

La risposta alle richieste di una leadership inclusiva è stata una nuova chiusura del gruppo dirigente.

Al termine dell’assemblea, è stato raggiunto un “consenso” per nominare una leadership settimanale di 21 persone, cooptate in modo opaco dal nucleo duro informale di FI, con alcuni outsider accuratamente esclusi. È stato istituito un Consiglio di una quarantina di membri, che dovrebbe riunirsi ogni quattro o sei settimane, in rappresentanza della “pluralità del movimento”, che ha una forte somiglianza con il precedente “Espace politique” di FI, scomparso per mancanza di una ragion d’essere.

Ci sono state molte reazioni pubbliche che hanno criticato il modo clanico in cui opera, e sono state denunciate da JLM, che invita gli attivisti a rimanere uniti. Ormai noti come i “frondeurs” di LFI, Clémentine Autain, François Ruffin, Alexis Corbière, Éric Coquerel e Raquel Garrido hanno persino tenuto una riunione congiunta il 16 febbraio a Bobigny contro la riforma delle pensioni, con un successo limitato.

Il ruolo del gruppo parlamentare

Il gruppo parlamentare è composto dal nucleo storico, senza JLM che ha deciso di non ricandidarsi, e da rappresentanti eletti con background diversi e una ricca esperienza di lotte, come Rachel Keke, ex portavoce dello sciopero delle cameriere dell’hotel Ibis Batignolles, Alma Dufour, attivista ambientale e portavoce degli Amici della Terra dal 2017 al 2021, e Aurélie Trouvé, co-presidente di ATTAC dal 2006 al 2012, poi portavoce dal 2016 al 2021. Ne fanno parte anche membri eletti di organizzazioni politiche appartenenti a FI, POI e Gauche écosocialiste.

Questo gruppo parlamentare non è totalmente controllato dal nucleo centrale di FI. Prende decisioni a maggioranza sulle tattiche parlamentari e su altre questioni, che non sono sempre strettamente quelle che la leadership avrebbe voluto.

Ciò è stato dimostrato dalla crisi che si è verificata quando Adrien Quatennens, che JLM vedeva come suo successore, è stato accusato di violenza domestica. Egli ha ammesso la violenza domestica e si è ritirato dalla sua posizione. JLM ha quindi pubblicato un messaggio di sostegno “per la dignità e il coraggio”… di Adrien Quatennens. In seguito alla sua condanna a quattro mesi di prigione sospesa, i deputati hanno votato e deciso di “allontanarlo temporaneamente dal gruppo” per quattro mesi, e di subordinare il suo ritorno “all’impegno di seguire un percorso di responsabilità” sulla violenza contro le donne. Il suo rientro nel gruppo parlamentare a seguito di una votazione segreta è stato visto da molti come un errore morale e un grave errore politico.

Sul tema delle tattiche parlamentari relative alla controriforma delle pensioni, JLM interverrà ancora una volta pubblicamente, per criticare gli altri gruppi Nupes che “si sono, ahimè, allineati alle lezioni di buone maniere impartite dalla Macronie”, e allo stesso tempo per dare un giudizio sul gruppo LFI, che si è diviso.

La questione della leadership dopo il ritiro quasi annunciato di JLM

La sera del primo turno delle elezioni presidenziali, JLM ha dato l’impressione di volersi dimettere e lasciare il suo posto, dicendo: “Fate qualcosa di meglio”. Questa ouverture ha stuzzicato l’appetito di tutti coloro che si vedono prendere il suo posto. Ma cosa succederà alla fine? È difficile dirlo. Per il momento, lungi dal concentrarsi sull’Institut La Boétie, JLM sta dimostrando di essere ancora una forza da tenere in considerazione.

Il posto relativo di FI nella mobilitazione sulle pensioni

FI opera sulla base del successo elettorale, il che non favorisce la formazione di attivisti capaci di svolgere un ruolo di primo piano in un sindacato, in un’associazione o in una mobilitazione unitaria, che richiede la capacità di lavorare con gli altri per un lungo periodo di tempo, di incontrarsi, di discutere, di adattarsi al dibattito, di decidere democraticamente e di avere una maggioranza. È sorprendente notare che in questi contesti ci sono pochissimi attivisti di FI, anche se sono molto dinamici dal punto di vista politico.

Ma le persone che si mobilitano, che si politicizzano e si radicalizzano, si organizzano in una varietà di modi che non sono né guidati né strutturati da FI. È un’illusione pensare che queste diverse forme possano essere naturalmente poste sotto la sua direzione politica. L’attrito è quindi permanente. Come ha detto l’ex segretario generale della CGT Philippe Martinez in risposta a JLM, quando si tratta di forme di azione, “non è una persona che decide per tutti, ma parliamo tra di noi e decidiamo…”.

Nella mobilitazione per la difesa delle pensioni, FI vorrebbe che i suoi parlamentari fossero i corrispondenti naturali delle lotte. Ma non è così. L’inter sindacale appare ai milioni di oppositori del governo come il quadro più adatto alle loro esigenze, proprio come lo era JLM sul terreno elettorale. Di conseguenza, dopo il ” chiasso e il furore” della giostra parlamentare, nelle manifestazioni FI è una corrente politica come un’altra a sinistra e non svolge un ruolo politico specifico nell’organizzazione del confronto, che è la questione centrale per tutti coloro che vogliono vincere.

Per concludere

Nell’arena politica e nei media, FI è una forza da tenere in considerazione. In quel campo di rovine che è la sinistra politica in Francia oggi, appare come la forza centrale e decisiva. Ma, costruita su una base fragile, non è in grado di assumersi la responsabilità di lavorare per organizzare il campo dei dominati.

Chi è sul campo ha bisogno di molto di più di un movimento organizzato solo per vincere le elezioni. Ciò che manca oggi è una forza politica egemonica a sinistra che offra un’alternativa al capitalismo, che strutturi efficacemente gli sfruttati e gli oppressi nei loro luoghi di lavoro e nei loro quartieri, che colleghi le lotte contro lo sfruttamento capitalistico, la crisi ecologica e l’oppressione in un insieme emancipatorio, che metta la più ampia democrazia possibile al centro delle sue pratiche.

FI è molto lontana da questo! E per il momento, le piccole misure di riorganizzazione che mirano solo a mantenere una macchina elettorale non rappresentano un cambiamento, lungi dall’essere commisurate alle sfide del periodo.

Troppo verticismo e intanto i militanti si demoralizzano, oppure tentano una battaglia per la democratizzazione del partito di Mélenchon [Mathieu Dejean]

Il gruppo sta vivendo un momento difficile”. È quanto hanno dichiarato negli ultimi giorni diversi parlamentari de La France insoumise (LFI), che si sono detti esausti degli scambi violenti con i leader del nocciolo duro del movimento. La formazione del nuovo ufficio di presidenza del gruppo parlamentare, avvenuta martedì 23 maggio, ha riportato le tensioni che erano state accantonate durante la battaglia sulle pensioni.

Clémentine Autain e Alexis Corbière, ai quali era stato offerto un posto nell’organigramma (rispettivamente per la battaglia parlamentare e per la lotta contro l’estrema destra), hanno rifiutato, con grande disappunto del coordinatore di LFI Manuel Bompard, desideroso di non generare ulteriori polemiche.

“Ce ne andiamo nel tentativo di calmare le acque, per cercare di ridurre il livello di tensione interna, e perché ci sono ancora differenze tra noi in termini di approccio politico, che hanno a che fare con la cultura politica e il pluralismo”, ha spiegato Clémentine Autain, deputata di Seine-Saint-Denis.

“Vorrei che continuassero [a far parte dell’ufficio di presidenza – n.d.r.], anche per discutere eventuali divergenze di opinione e perché hanno un’esperienza utile, ma rispetto la loro scelta e so che continueranno a lavorare al di fuori dell’ufficio di presidenza”, ha dichiarato con rammarico la collega Aurélie Trouvé. Contattato, Manuel Bompard non ha voluto rispondere.

Nel precedente ufficio, Clémentine Autain e Alexis Corbière hanno partecipato all’intergruppo Nuova Unione Popolare, Ecologica e Sociale (Nupes). Questo compito sarà ora svolto da Manuel Bompard, dalla presidente del gruppo Mathilde Panot e dalla deputata parigina Danièle Obono.

François Ruffin, dal canto suo, non ha voluto candidarsi per un secondo mandato di un anno: lo sostituisce Damien Maudet, deputato dell’Haute-Vienne e suo ex assistente parlamentare. Anche Pascale Martin, deputata della Dordogna e attivista femminista, che aveva alzato la voce contro la reazione iniziale di Jean-Luc Mélenchon al caso Quatennens, non ha voluto ripetere l’esperienza, difficile sul piano umano.

Queste defezioni ravvivano la crisi innescata dall’insediamento della nuova leadership di LFI nel dicembre 2022. Alcuni esponenti dell’insoumission, che avevano partecipato a tre campagne presidenziali di Jean-Luc Mélenchon ed erano stati tra i primi deputati del movimento nel 2017, erano stati messi da parte, come avevano denunciato sulla stampa. Da allora, sono stati oggetto di un processo in corso per slealtà, che ha oscurato le loro richieste di maggiore democrazia interna e di considerazione del pluralismo delle loro opinioni.

“Tutti hanno diritto a una vacanza. Anche gli elefanti”, ha dichiarato Paul Vannier in risposta a un’intervista di Alexis Corbière su Le Monde nel dicembre 2022. Jean-Luc Mélenchon ha commentato un’intervista a Clémentine Autain su Libération nello stesso periodo: “L’intera prima pagina è pensata per diffamarci”.

Il loro rifiuto di far parte dell’ufficio di presidenza del gruppo è quindi segno che sono stufi della “violenza politica” di cui questi due veterani dell’LFI dicono di essere vittime. La causa: gli scambi nel circuito Telegram del gruppo LFI, a cui Jean-Luc Mélenchon è l’unico non parlamentare a partecipare, e un senso di relativa impotenza da parte dell’ufficio di presidenza del gruppo, che si riunisce il martedì dopo che le decisioni politiche sono state realmente prese in una serie di riunioni del comitato di coordinamento LFI (di cui Jean-Luc Mélenchon è membro) il lunedì.

Tuttavia, il desiderio di pacificazione che hanno espresso non ha sortito alcun effetto. Su Le Parisien, sotto la copertura dell’anonimato (che di solito viene criticato per le personalità critiche nei confronti della linea), Alexis Corbière e Clémentine Autain sono stati descritti come un “branco di molluschi” da un deputato di Insoumis. “Mi rammarico profondamente per i commenti piuttosto offensivi fatti in via ufficiosa su Le Parisien, che sono indicativi di un clima che un piccolo manipolo di persone sta cercando di imporre”, ha dichiarato Alexis Corbière, che non ha voluto aggiungere altro per non alimentare ulteriori polemiche.

Richieste di democratizzazione a livello di movimento

Questo battibecco è avvenuto quando, il 15 maggio, Manuel Bompard ha ricevuto una lettera firmata da 300 attivisti, tra cui i co-leader dei gruppi d’azione del movimento (GA). Questo appello “per la Sesta Repubblica a La France insoumise” è in linea con le richieste di democrazia interna al movimento avanzate da Clémentine Autain in occasione delle recenti università estive. “Stiamo attraversando una vera e propria crisi interna legata alle ripetute decisioni “verticali” a cui siamo stati sottoposti”, scrivono, aggiungendo che “alcuni compagni si stanno scoraggiando pur rimanendo d’accordo con il nostro progetto comune”.

I promotori di questo appello chiedono una ” convention militante” per rivedere il funzionamento interno del partito. Lontani dal trionfalismo mostrato dalla dirigenza dell’LFI al termine della mobilitazione contro la riforma delle pensioni, in cui non hanno risparmiato sforzi, ritengono che il loro “attuale modo di operare non sia all’altezza delle sfide che scuotono il Paese”.

“Chi vorrebbe unirsi a una forza in cui le decisioni sono monopolizzate da un piccolo gruppo di persone? L’indebolimento della nostra influenza deve farci reagire. Gli attivisti ci abbandonano, i sostenitori si allontanano, i lavoratori non si impegnano con noi”, si preoccupano. Diversi parlamentari hanno chiesto una risposta.

Infine, nello stesso momento, Manuel Bompard ha reso nota la sua insoddisfazione ai dirigenti della Gauche écosocialiste (GES), un micropartito all’interno di LFI, di cui fa parte Clémentine Autain, e che ha tenuto il suo congresso di fondazione l’11 maggio. Il deputato Hendrik Davi, uno dei leader del GES, ha avuto la sfortuna di definirlo una “corrente” – termine vietato nel movimento Mélenchonista, che resiste alle battaglie interne sulle posizioni. “Non c’è e non ci sarà una corrente in LFI”, ha risposto Manuel Bompard in una lettera citata da Le Monde.

“Ho usato la parola ‘corrente’ nel senso di una corrente di pensiero, non nel senso di una corrente interna. È un non-discorso”, corregge Hendrik Davi, che precisa che il GES “condivide il programma e la strategia di LFI e vi si impegna pienamente”, allo stesso modo del Partito Operaio Indipendente (POI) e della Rev (Rivoluzione Ecologica per i Viventi) di Aymeric Caron. Per tutto questo, il GES vuole portare l’idea del pluralismo nella LFI. Nel 2019, Hendrik Davi ha co-firmato un testo con Charlotte Girard (responsabile del programma, che ha finito per lasciare LFI), in cui si rammaricava del fatto che “non è stato creato un vero e proprio organo decisionale collettivo con una base democratica” in LFI.

“Nel gruppo, i 75 deputati sono uguali e ogni volta che c’era un disaccordo, votavamo. Ma a LFI l’equazione è molto più difficile, perché non ci sono membri. Penso che un impegno a lungo termine da parte delle persone debba essere giustificato dalla deliberazione su un documento politico. Ci sono momenti politici in cui si devono fare delle scelte, quindi dobbiamo sapere chi decide”, difende Hendrik Davi.

In una lettera di risposta a Manuel Bompard, il GES si difende: “Le nostre proposte, come quelle di molti altri insoumis, fanno parte di un processo di riflessione per migliorare il funzionamento democratico, l’efficienza e il radicamento territoriale del nostro movimento”. È prevista una riunione.

Per quanto riguarda il radicamento locale, la costituzione di “circuiti dipartimentali”, che sta avvenendo in questi giorni, potrebbe rispondere ad alcune delle richieste. Ai vertici del movimento, invece, la tensione è palpabile, sullo sfondo della corsa interna alle elezioni presidenziali del 2027. “Dobbiamo trovare un modus vivendi se vogliamo vivere bene insieme. È una responsabilità collettiva arrivarci, incarnare l’alternativa alla Macronie e all’estrema destra”, conclude Clémentine Autain.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Una cinepresa puntata sulle banlieue in rivolta

La guerra civile che avanza. L'arte per leggere le eterotopie delle banlieu parigine [Luca Cangianti]

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza