21.9 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
21.9 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
Homein fondo a sinistraIsraele, voci contro l'occupazione e il suprematismo ebraico

Israele, voci contro l’occupazione e il suprematismo ebraico

In Israele, gli attivisti anti-occupazione vogliono mantenere la rotta nonostante il dolore. Sono voci minoritarie, ma preziose [Joseph Confavreux]

Tel-Aviv (Israele): “Piango sempre. Piango ogni giorno. Ma non piango solo per i miei genitori, anche se pochi figli hanno amato i loro genitori quanto me. Piango perché questa guerra deve essere fermata immediatamente, la spirale di sangue e il ciclo di uccisioni devono finire”.

Con la voce rotta ma con le parole chiare, Maoz Inon ha visto la sua vita distrutta il 7 ottobre. Bilha e Yakovi Inon, i suoi genitori settantenni, sono stati bruciati a morte quando i combattenti di Hamas hanno dato fuoco alla piccola casa di legno in cui vivevano nel villaggio di Netiv HaAsara, a pochi passi dal valico di frontiera di Erez, nel nord di Gaza.

“L’unica cosa che mi consola è che sono morti come hanno vissuto: insieme. E l’unica cosa che so per certo è che non avrebbero mai voluto essere vendicati”.

Netiv HaAsara è il comune più vicino al confine di cemento e metallo che circonda Gaza: solo poche centinaia di metri. Ma il moshav dista anche solo 60 chilometri da Tel Aviv, così piccola è la scala del territorio in cui oggi si gioca parte del futuro del mondo.    E quando i suoi genitori si sono stabiliti a Netiv HaAsara, più di trent’anni fa, c’era libertà di movimento tra Gaza e il resto di Israele…

A quel tempo”, continua, “i miei genitori vedevano regolarmente amici palestinesi. E molte persone di Gaza venivano a lavorare nei frutteti di Netiv HaAsara. Mio padre aveva stretti legami con i beduini del Negev. Nell’ultima settimana ho ricevuto continuamente messaggi di cordoglio da parte loro.

Maoz Inon è un imprenditore con una coscienza sociale, nato in una famiglia di operai e agricoltori, che ha co-fondato i tre hotel Abraham a Gerusalemme, Tel Aviv e Eilat: luoghi che cercano di far conoscere ai viaggiatori non solo i siti turistici del Paese, ma anche le diverse componenti della società israeliana, senza trascurare la condizione dei palestinesi. Attualmente, i suoi alberghi sono utilizzati dai 500.000 israeliani evacuati dal nord e dal sud del Paese.

Non condivide forse il desiderio di sradicare Hamas dopo quello che ha fatto? Ma l’unico modo per eliminare Hamas è dare speranza”, risponde immediatamente. La speranza è l’unica arma veramente efficace che abbiamo. E questa speranza può basarsi solo sul principio di una terra condivisa e di una società condivisa: un principio che difendo da 25 anni”.

“Sapete – continua – non sono un intellettuale. Non sono un intellettuale, non ho nemmeno la maturità, ma l’unica cosa che mi impedisce di crollare in questo periodo buio è guardare alla storia. L’attuale rapporto tra Francia e Germania poteva essere immaginato nel 1945? Chi avrebbe pensato che proprio in questo momento gli israeliani avrebbero cercato rifugio a Berlino?

Non c’è bisogno di fargli questa domanda perché continui. “Capisco che lei possa pensare che io sia un ingenuo. Ma non sono ingenuo, anche se credo nel potere dell’ottimismo. La vera ingenuità sta nel pensare che la guerra possa risolvere qualcosa.

Allora come possiamo evitare lo “scenario peggiore”? Non sono un politico”, risponde Maoz. Ma la cosa urgente è congelare la situazione. Costruiamo una coalizione. Costruiamo una strategia. Ma non aspettiamoci altre morti e sofferenze. Ne abbiamo avuto abbastanza da entrambe le parti. Penso che sia possibile per tutti riconoscere il dolore dell’altro e provare pena per l’altro. Credo di essere fedele ai miei genitori nell’implorare il mondo di aiutarci a fare la pace”.

Il campo della pace decimato

Avner Gvaryahou è diventato recentemente direttore di Rompere il Silenzio, un’organizzazione composta da ex soldati che si oppongono all’occupazione della Cisgiordania e documentano i crimini commessi dai coloni e dall’esercito contro i palestinesi.

Fa una pausa prima di parlare. “Uno dei nostri, Shahar Zemach, membro del Kibbutz Be’eri, è stato assassinato in circostanze atroci il 7 ottobre. Da allora ho pensato a cosa avrebbe pensato Shahar. E non credo che avrebbe voluto vendicarsi. Come molte persone del Sud, era un uomo di pace”.

Molte delle persone massacrate o rapite da Hamas erano attivisti politicamente attivi, non solo contro il governo Netanyahu, ma anche a sostegno del popolo palestinese.

Come Hayim Katzman, che ha testimoniato per Rompere il Silenzio ed è stato uno dei pochi israeliani coinvolti nella difesa di Masafar Yatta, un gruppo di villaggi sulle colline di Hebron i cui abitanti sono stati ridotti a vivere in grotte dall’esercito israeliano.

O Vivian Silver, scomparsa e presunta ostaggio. Questa israeliana di origine canadese è una figura importante nel campo della pace israeliano. Volontaria di Road to Recovery, si recava a Gaza più volte alla settimana per raccogliere i palestinesi bisognosi di cure mediche, a partire dalla chemioterapia, e portarli negli ospedali di Tel Aviv e Gerusalemme. Nel 2014, dopo la prima guerra tra Israele e Hamas, ha co-fondato Women Wage Peace, un gruppo di donne della società civile israeliana e palestinese che chiede un’accordo di pace.

Il 4 ottobre, tre giorni prima dell’attacco di Hamas, ha organizzato e partecipato a una manifestazione a Gerusalemme che ha riunito un migliaio di donne palestinesi e israeliane per chiedere la pace e spingere affinché le donne prendano posto al tavolo dei negoziati.

La questione”, continua Avner Gvaryahou, “è come mantenere la nostra umanità quando sono stati commessi atti disumani. Ovviamente il 7 ottobre ha stravolto tutto. Ma è proprio perché i nostri valori sono stati infranti quel giorno che devono rimanere la nostra bussola. In quest’ottica, è chiaro che non si può ottenere nulla di buono da una risposta meramente militare o basata unicamente sulla forza. La via d’uscita può essere solo politica”.

Da ex soldato, rivendica “il diritto di Israele a difendersi”. Per non parlare del fatto che oggi tutti noi abbiamo amici e familiari in prima linea”, afferma. Ma una volta riconosciuta la portata dei crimini di Hamas, si può dire che questo governo, in termini di sicurezza, ha dato priorità ai coloni in Cisgiordania rispetto alla protezione del confine con Gaza”.

Molti ricordano che alcuni dei soldati normalmente presenti vicino a Gaza sono stati dati in dotazione per proteggere i coloni che volevano organizzare una celebrazione di Sukkot venerdì 6 ottobre a Huwara, una città palestinese vicino a Nablus che è diventata l’epicentro delle tensioni in Cisgiordania dall’inizio dell’anno.

“Su questo punto è essenziale essere perfettamente chiari”, continua Avner Gvaryahou. La responsabilità degli omicidi è degli assassini. E nessun essere umano può giustificare le atrocità commesse. Questo non vuol dire che non ci sia anche una colpa da parte di questo governo, che ha concentrato le sue energie e i nostri soldati nella Cisgiordania occupata.

Il pericolo, tuttavia, secondo il direttore di Rompere il Silenzio, è che “alcuni in questo governo vogliono capitalizzare questo momento in cui [gli israeliani] non hanno ancora finito di identificare, seppellire e piangere i [loro] morti. Stanno cercando di approfittare dello shock per portare avanti la loro agenda, che è quella di colonizzare sempre di più, di stabilire uno Stato di apartheid dal Giordano al mare, e persino di riconquistare Gaza”. Dal 7 ottobre, decine di palestinesi sono stati uccisi in Cisgiordania, persone sono state aggredite e altre espulse dalla loro terra”.

Guy Hirschfeld, uno dei fondatori dell’organizzazione Mistaclim LaKibush Ba’Aynayim (che letteralmente si traduce come “Guardare l’occupazione negli occhi”), ritiene inoltre che “l’estrema destra stia cercando di sfruttare le atrocità del 7 ottobre per promuovere la propria agenda”. “Dobbiamo capire che siamo di fronte a un governo basato su veri e propri fascisti che credono di avere una missione diretta da Dio. Sono l’immagine speculare di Hamas”. La sinistra anti-occupazione è stata in grado di guardare Hamas negli occhi o è stata in grado di trascurare la natura profondamente fondamentalista, violenta e odiosa di questo movimento in nome di presentarsi come l’incarnazione della resistenza palestinese a un’Autorità palestinese delegittimata e corrotta?

Per Guy Hirschfeld, “ciò che Hamas ha fatto è disumano”. Penso”, aggiunge, “che i mezzi usati danneggino la causa che dicono di difendere. Ma questo non invalida il fatto che la resistenza armata sia uno degli strumenti a disposizione di chi lotta per la propria libertà e per il proprio Paese. È quello che hanno fatto Menachem Begin e Yithzak Shamir nel 1947 e nel 1948 per permettere la fondazione di Israele”, in riferimento ai due ex primi ministri di Israele che hanno combattuto la presenza britannica in Palestina con le armi in pugno.

Massacri crudeli

Michel Warschawski, figura storica della sinistra israeliana, è sulla stessa lunghezza d’onda: “Hamas non è mai stata la tazza di tè di un progressista, radicale o meno. Ma resta il fatto che si tratta di un’organizzazione di resistenza palestinese, anche se non condividiamo nessuno dei suoi valori. Non è sorprendente che Gaza sia finita per esplodere, date le condizioni in cui i suoi abitanti erano costretti a sopravvivere. È deplorevole che sia stato Hamas a innescare l’esplosione”.

“L’obiettivo di smantellare Hamas non deve portarci a sprofondare nella nostra stessa barbarie. A mio parere, c’è una simmetria tra la barbarie di Hamas e la nostra, poiché anche loro uccidono bambini, donne e civili a centinaia”.

È possibile un parallelo, nonostante la particolare crudeltà dei massacri di Hamas, con corpi smembrati, bambini decapitati e ragazze adolescenti bruciate vive? Sì”, afferma. Siamo un Paese ricco e abbiamo un esercito potente. Questo ci permette di affermare che rimaniamo civilizzati perché agiamo in modo presumibilmente “chirurgico”. Ma questo non corrisponde alla realtà di ciò che sta accadendo oggi a Gaza.

Per gli attivisti anti-occupazione, la cecità nei confronti di Hamas, sia in termini di sottovalutazione delle sue capacità logistiche che di fiducia in una forma di “normalizzazione” politica, non è da imputare a loro, ma al governo.

Benyamin Netanyahu e Bezalel Smotrich hanno dichiarato esplicitamente che Hamas a Gaza permette di dividere la leadership palestinese e di accantonare la prospettiva di uno Stato palestinese, aggiungendo la divisione politica alla separazione geografica tra Gaza e Cisgiordania”, aggiunge Avner Gvaryahou. Hanno lasciato che il Qatar versasse denaro a Gaza e che Hamas gestisse il territorio, ignorando la realtà di questa organizzazione e pensando che la situazione servisse in ultima analisi i loro interessi. È anche per questo che non sono in grado di assumersi la responsabilità di ciò che è accaduto il 7 ottobre”.

Lo pensa anche Heled Varda, pediatra in pensione che vive a Gerusalemme e membro dell’organizzazione Combattenti per la pace, che mette in guardia sulle condizioni di vita dei palestinesi nella Cisgiordania occupata, cerca di proteggerli dagli attacchi dei coloni e visita le famiglie di coloro che sono stati aggrediti, feriti o uccisi.

“Netanyahu non si è limitato ad assecondare la conquista di Gaza da parte di Hamas, ma ha pensato di usarla per indebolire l’Autorità palestinese e allontanare qualsiasi prospettiva di creazione di uno Stato palestinese”.

“Questo governo – continua – che fatico a chiamare governo perché è principalmente un gruppo di delinquenti, vuole trasformare la vendetta in una strategia nazionale. È catastrofico. Recentemente ho sentito il padre di una giovane donna uccisa da Hamas dire: ‘Ho perso mia figlia ma non il mio cervello’. Dobbiamo trovare un accordo con il nostro nemico, anche se orribile, perché sappiamo che i bombardamenti non cambieranno nulla. Più terroristi uccidiamo in questo modo, più terroristi ci saranno per sostituirli. Abbiamo visto i risultati delle guerre di ‘cambio di regime’ condotte dagli Stati Uniti”.

Il suo rapporto con i palestinesi è stato trasformato dalla sequenza di sangue inaugurata da Hamas il 7 ottobre? “Parliamo ancora molto e le cose vanno bene”, dice Heled Varda. Non riesco nemmeno a contare il numero di messaggi di solidarietà che ho ricevuto dopo i massacri di Hamas. E io rispondo che sono contrario ai bombardamenti su Gaza”.

Sembra però che, per citare Arielle Angel, direttrice della rivista Jewish Currents, in un forte testo tradotto nel Club de Mediapart, “le già complesse e fragili relazioni tra gli attivisti di sinistra palestinesi ed ebrei – così come tra le correnti all’interno di queste due entità – siano minate dal fatto che fatichiamo a trovare un significato comune nelle immagini che ci arrivano attraverso i nostri schermi. Amici e colleghi di tutte le parti sono feriti dalle reazioni pubbliche degli uni e degli altri, o dal loro silenzio”.

Anche se molti preferiscono minimizzare, lo shock del 7 ottobre è stato tale da far riconoscere che si sono aperte delle fratture. “Ho diversi amici di sinistra che hanno sempre creduto che una pace giusta fosse l’unica soluzione e che ora pensano che Gaza debba pagare il prezzo del sangue. Questo mi rattrista enormemente”, afferma Tomer Avital, giornalista freelance specializzato in corruzione, che ha partecipato a tutte le manifestazioni contro la riforma della Corte Suprema attuata dall’attuale governo.

Tomer ha 40 anni, due figli piccoli ed è preoccupato per il loro futuro. “Anche se l’esercito conquisterà Gaza, cosa faremo dopo? Aspettiamo altri spargimenti di sangue tra cinque anni o tra cinquant’anni? Abbiamo visto che tutta la nostra tecnologia non può proteggerci. L’unico modo per difenderci veramente è fare la pace. Questo conflitto è innanzitutto territoriale prima che religioso. Dobbiamo riuscire a raggiungere un accordo che garantisca la sicurezza di entrambi i nostri popoli.

Tomer Avital aveva programmato di girare il mondo per due o tre anni l’anno prossimo con la moglie e i figli. “Ma abbiamo deciso di comune accordo di aspettare. Non possiamo lasciare il Paese in questo stato, perché potremmo non avere un posto dove tornare. Sono estremamente preoccupato che Netanyahu sia al comando in un momento cruciale come questo. Ma ricordo anche che solo cinque anni dopo la guerra dello Yom Kippur del 1973 furono firmati gli accordi di Camp David. Dobbiamo porre fine a questo conflitto una volta per tutte. Non avverrà senza sacrifici, in particolare lo smantellamento degli insediamenti, ma è l’unica soluzione a lungo termine se non voglio che i miei figli si trovino a combattere un’altra guerra con Gaza tra diciotto anni”.

Tutti coloro che rimangono pacifici in un Paese in guerra condividono l’idea che una soluzione politica sia possibile, perché è l’unico modo per pensare a un futuro che non sia così cupo come il presente.

L’unico modo per indebolire Hamas”, dice Avner Gvaryahou, “è trovare uno sbocco politico diverso da quello che esiste oggi. Dobbiamo iniziare a pensare al giorno dopo. Oggi sono in gioco i destini del popolo palestinese e di quello israeliano”.

Per Michel Warchawski, “quando c’è la volontà politica, tutto è possibile, anche nella giusta direzione”. “Ma abbiamo la sensazione che la società sia ancora divisa tra coloro che sono pronti al compromesso e coloro che sono integralisti. Anche se condivido la sensazione sempre più diffusa che la fine sia vicina per il regime di Netanyahu, già odiato da un’intera parte del Paese per i suoi attacchi alla democrazia e ora criticato da chi lo ritiene inadatto a gestire le questioni di sicurezza e militari”.

Tuttavia, Guy Hirschfeld vede due condizioni necessarie per ribaltare la situazione attuale e trovare una soluzione politica. “In primo luogo] i nostri alleati, se fossero veri amici, potrebbero costringere Israele a porre fine all’occupazione.  Senza il sostegno dell’Occidente, sia esso militare, finanziario o sostenuto dal veto delle Nazioni Unite, Israele non esisterebbe. Come cittadino israeliano, vi chiedo ora di costringerci a venire al tavolo dei negoziati e di impedirci di commettere ulteriori massacri a Gaza”.

Poi, “ci sarà una guerra civile”. Cosa ci vorrà? La guerra con Hamas non è sufficiente? È una metafora per mobilitare le forze di sinistra in vista delle prossime elezioni? No, sono serio”, continua Guy Hirschfeld. Siamo di fronte a suprematisti ebrei che hanno fatto del dominio razziale il loro obiettivo. Dovremo combattere se vogliamo che lascino i territori occupati. Per far deragliare il processo di Oslo, che era il momento in cui eravamo più vicini alla pace, non hanno esitato a uccidere il Primo Ministro. Oggi queste persone sono al potere. Dobbiamo riprenderci il potere, e non credo che questo possa essere fatto solo con mezzi pacifici”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina