22.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
22.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
Homequotidiano movimentoEx Gkn, la proprietà continua a perdere in tribunale

Ex Gkn, la proprietà continua a perdere in tribunale

Dopo le cinque sentenze sugli stipendi, confermato il comportamento antisindacale dell’azienda. Nuova mobilitazione il 12 luglio

Sospesa la tendata dell’ex Gkn in piazza Indipendenza, dopo una resistenza di 35 giorni, di cui 13 in sciopero della fame. La prossima tappa sarà il 12 luglio in piazza Poggi, sempre a Firenze, con un talk e concerto organizzato per il terzo anniversario dell’assemblea permanente.

“Mentre noi continuiamo a mobilitarci e progettare il futuro di quel sito industriale e dei posti di lavoro – commenta la Rsu ex Gkn -, l’azienda continua a perdere in tribunale, prima sugli stipendi poi sui licenziamenti, confermando ancora una volta la sua condotta antisindacale. Con il corteo del 18 maggio, le due tendate e lo sciopero della fame abbiamo ottenuto aperture importanti per lo sblocco della vertenza ma dal governo non abbiamo avuto ancora nessuna risposta. Di quante altre conferme ha bisogno? Qf va commissariata”.

Sulle aperture della Regione si continua a vigilare, pronti a nuove mobilitazioni se tempi e modalità non saranno chiari nei prossimi giorni. La prossima tappa, già fissata, è per venerdì 12 luglio in piazza Poggi, a partire dalle 19.30 con Valerio Mastandrea, Francesca Coin e Christian Raimo. Seguirà un concerto con Mauràs, Romanticismo Periferico, Banda Bassotti, Dutch Nazari, Cimini, Eugenio Cesaro, Sick Tamburo.

La legge regionale in questo momento è all’esame delle commissioni competenti in consiglio regionale. La cosa importante è che la discussione vada avanti in maniera serrata e che l’iter si concluda in tempi utili. Anche perché, il contributo una tantum deciso dalla Giunta regionale, del quale gli operai non conoscono ancora i dettagli tecnci, ha un senso solo se servirà a superare l’estate senza ulteriori licenziamenti, per poi agganciare la possibilità di una reindustrializzazione.

“In un momento di crisi e carovita come questo – conclude la Rsu ex Gkn – queste 3mila euro ci impegnano in maniera particolare e pensiamo che debba essere lo stesso per le istituzioni. Questo contributo deve servire sì a dare a noi un po’ di ossigeno, ma solo se la volontà è quella di far ripartire la fabbrica, creare posti di lavoro, diritti sociali e pubblica utilità attraverso la riconversione climatica”.

Intanto si allarga la solidarietà di lavoratori e lavoratrici attorno alla proposta di legge sui consorzi di sviluppo industriale. La Funzione Pubblica della Cgil in regione ha scritto al consiglio regionale per chiedere che la legge venga discussa al più presto, in quanto “scelta di politica industriale finalizzata a realizzare un virtuoso impiego delle risorse pubbliche e scoraggiare sul territorio regionale altri casi di speculazioni spregiudicate, come quello di cui si è reso protagonista il Fondo Melrose ai danni dell’economia e delle popolazioni fiorentine e toscane”.

Una delegazione è invece arrivata dalla Basilicata per depositare in Regione le firme raccolte a sostegno della legge. A consegnarle ieri sono stati i sindaci di Melfi e Campi Bisenzio, come in una staffetta di solidarietà tra due realtà profondamente coinvolte dalla crisi dell’automotive.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina