22.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
22.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
Homein fondo a sinistraLa battaglia del Nuovo Fronte Popolare è anche una lotta nell'immaginario

La battaglia del Nuovo Fronte Popolare è anche una lotta nell’immaginario

Come battere l’estrema destra e le sue tristi passioni al secondo turno è la questione cruciale per i prossimi giorni [Mathieu Dejean]

Il Nouveau Front populaire (NFP) ha aperto una breccia nell’inevitabilità di una presa di potere dell’estrema destra in Francia. Questo rischio rimane più che mai attuale dopo l’irresponsabile decisione di Emmanuel Macron di sciogliere l’Assemblea nazionale. Ma l’alleanza di tutte le forze politiche di sinistra e degli ecologisti, su un programma di rottura con decenni di dominio di tutti i mercati, ha reso possibile una dinamica popolare che va al di là di una semplice ondata per bloccare il Rassemblement national (RN).

Una delle sfide degli ultimi giorni di questa campagna lampo è quella di rendere questa opportunità visibile e desiderabile al maggior numero possibile di persone, in modo che il NFP possa continuare ed espandersi in vista delle elezioni legislative. In un momento in cui milioni di persone sono attanagliate dalla paura e preoccupate che le loro libertà vengano calpestate da un governo arbitrario e razzista, la possibilità di fermare la catastrofe con la vittoria di un progetto egualitario ed ecologista per la giustizia e una maggiore democrazia è una manna dal cielo che deve essere colta. Raramente la scelta è stata così netta come in queste elezioni, dove si profila un duello tra la RN e il NFP in un gran numero di circoscrizioni.

Gli architetti del programma del NFP, consapevoli dell’avversità degli ambienti economici e mediatici, si sono preoccupati di rendere percepibile questa alternativa esponendo il loro programma in ordine cronologico nei primi cento giorni. “Questo rende le cose molto realistiche e le fa entrare nella testa della gente, il che spiega senza dubbio la febbrile opposizione al NFP: stiamo parlando concretamente di un primo ministro e di un governo di sinistra, potenzialmente in meno di tre settimane, e di misure che verrebbero poi applicate il giorno dopo, quindi è un po’ un brivido”, dice la saggista Corinne Morel Darleux, che lavorava al programma del Parti de gauche (PG) già prima dell’avvento de La France insoumise (LFI).

Vincere la paura con una dinamica gioiosa

Ma al di là delle risposte tecniche fornite dalla sinistra per dimostrare la sua capacità di governare, dobbiamo risvegliare un intero mondo immaginario di gioia e di festa intorno a ideali condivisi. Questo immaginario, a patto che sia diffuso in modo massiccio, può contribuire a contrastare l’impressione dell’estrema destra di essere già dalla parte del vincitore. “Pensiamo che sia essenziale contrastare l’immaginario dell’estrema destra diffondendo altre narrazioni”, afferma un gruppo di librai indipendenti sul Club di Mediapart, e a ragione.

Perché ciò avvenga, la preoccupazione deve essere accompagnata da un entusiasmo sfrenato. La storia della sinistra è costellata di eventi gioiosi che hanno avuto luogo in contesti ostili e la cui esistenza insolente ha inflitto le prime sconfitte all’ingiustizia. Il filosofo Henri Lefebvre ha descritto la Comune di Parigi del 1871 come “la metamorfosi della vita [quotidiana] in una festa senza fine, una gioia che non ha altro limite o misura che l’inevitabilità della morte, essa stessa indefinitamente rinviata”.

La filosofa Simone Weil raccontava la “gioia pura” delle occupazioni delle fabbriche nel 1936 e la speranza suscitata dalla vittoria elettorale del Front Populaire, che rendeva tangibile la conquista delle ferie retribuite: “Ne parliamo con gli occhi lucidi, è una richiesta che non sarà mai più strappata dal cuore della classe operaia”.

Lo storico e combattente della Resistenza Marc Bloch vedeva nel Fronte Popolare “qualcosa dell’atmosfera del Campo di Marte, nel sole splendente del 14 luglio 1790” – in riferimento alla Fête de la Fédération – e, al contrario, attribuiva la “strana sconfitta” del 1940 alla perdita di contatto delle élite con “queste radici profonde”: “Non è un caso che il nostro regime, supposto democratico, non sia mai stato in grado di dare alla nazione feste che fossero veramente per tutti”.

Oggi, ancora una volta, abbiamo bisogno di rilanciare questa capacità di “desiderare” qualcosa di diverso da un indebolimento dell’identità.

L’estrema destra ha certamente un vantaggio: “Ha avuto un vantaggio sensibile per anni: basta guardare il piacere della vendetta dei leader dell’estrema destra mediatica su CNews”, osserva il filosofo Michaël Fœssel. “Per molto tempo abbiamo pensato che la rabbia di coloro che ne avevano abbastanza della classe politica, dell’ingiustizia sociale e della distruzione dei servizi pubblici sarebbe fiorita se fosse stata espressa dalla sinistra. Ma la rabbia si è trasformata in risentimento ed è passata alla RN”, analizza Corinne Morel Darleux.

Un’estrema opportunità storica

Ma la battaglia non è persa per questo, perché di fronte alla natura mortale delle passioni fasciste, si fanno dichiarazioni gioiose, promesse di armonia e pacificazione in una Francia brutalizzata da sette anni di macronismo – in contrasto con l’ultimo tentativo di Emmanuel Macron di demonizzare il NFP sostenendo che il suo programma porterebbe “alla guerra civile” come quello della RN.

“Il voto del NFP potrebbe diventare più di un voto di opposizione, potrebbe diventare un voto di speranza. Quando si parla di ecologia, non c’è nemmeno un’opportunità fotografica: la speranza può venire solo da lì”, osserva Corinne Morel Darleux. “Possiamo fare molto di più e molto meglio che battere semplicemente l’estrema destra. Possiamo battere l’estrema destra votando per i salari, per il clima, per i diritti delle donne, per la libertà e per la democrazia”, come ha recentemente riassunto la senatrice ecologista Mélanie Vogel.

François Ruffin, deputato uscente della Somme e iniziatore del NFP, fa della sinistra un punto d’onore per generare sostegno attraverso una forma di gioia sovversiva, nonostante la serietà del momento – e questa idea si sta diffondendo. Passeggiate festose, “convogli della vittoria” nei “circoli dello swing” e altre risposte spontanee dei cittadini all’estrema destra, anche nei suoi bastioni presumibilmente inespugnabili: le iniziative abbondano, ricordando le azioni sporadiche e giocose che hanno afflitto il governo durante il movimento contro la riforma delle pensioni, anche se la campagna sul campo è difficile e la violenza dell’estrema destra contro gli attivisti di sinistra è diffusa.

“Ciò a cui aspirano gli ultimi democratici sono esperienze e gioie condivise, non solo barriere. Le dighe migliori sono quelle che costruiamo con i nostri corpi e i nostri affetti gioiosi”, concorda Michaël Fœssel, che nel suo libro Quartier rouge: Le plaisir et la gauche (PUF, 2023) invita la sinistra a tornare a essere il portabandiera della socievolezza felice. Qualunque sia l’esito del voto del 7 luglio, dovremo reinvestire le cifre dell’ironia, della risata e dello scherno, dimostrare che le gioie promesse dall’estrema destra sono negative e che i giorni felici sono i nostri”.

Alcuni esponenti del NFP, tra cui Clémentine Autain, stanno percorrendo questa strada, invocando “una nuova rivoluzione culturale che sostituisca la triste corsa all’accumulo materiale con una felice economia della condivisione”. Qualunque cosa accada, l’intensa socializzazione politica che decine di migliaia di persone stanno vivendo grazie a questa campagna vitale è motivo di ottimismo.

Le ultime tre settimane hanno dimostrato che l’antifascismo non è solo un progetto definito in termini negativi. Il consiglio di Michel Foucault nella sua “Introduction à la vie non fasciste” (prefazione a L’Anti-Œdipe di Gilles Deleuze e Félix Guattari) assume tutto il suo significato: “Non immaginate di dover essere tristi per essere militanti, anche se la cosa che combattete è abominevole”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina