1.8 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
1.8 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureIl finto viaggio di Zilla

Il finto viaggio di Zilla

Tutti la pensavano in vacanza in Asia ma non si è mai mossa da casa. L’esperimento di una giovane olandese, aiutata da social e Photoshop, ha lasciato di stucco amici e parenti. E non solo.

di Marina Zenobio

Ai fini di una ricerca universitaria, una disegnatrice grafica ha portato a termine un esperimento: utilizzando i social network e Photoshop ha fatto credere a parenti ed amici (tranne quelli che l’hanno aiutata) di partire per un viaggio di un mese nel sud-est asiatico, tra Thailandia, Cambogia e Laos.

Si chiama Zilla van den Born, ha 25 anni e vive ad Amsterdam. Affascinata dalla manipolazione delle immagini, ha realizzato un progetto i cui risultati, secondo il Washington Post, sono andati al di là della sua passione.

Dopo aver detto a tutti i suoi amici, genitori compresi, che se ne andava per un mese in Asia, Zilla si è chiusa nel suo appartamento di Amsterdam e, per trenta giorni, con l’ausilio di Photoshop, non ha fatto altro che ritoccare sue foto al mare adattandole a spiagge esotiche o crearne di nuove per poi postarle sui social network, ma ha anche contattato via Skype i genitori da un “hotel thailandese” creato nel suo studio. Ovviamente non si è dimenticata della lampada solare per “ritornare a casa” con una abbronzatura dorata.

“Che cos’è la realtà?” si e ci chiede Zilla sua sua pagina web. “Viviamo in una cultura visiva in cui l’informazione attraverso le macchine (non vis a vis) e la realtà sono strettamente correlate. “L’ho fatto per dimostrare alle persone che filtriamo e manipoliamo quello che facciamo vedere nei social network”, ha raccontato la ragazza aggiungendo che “In questo modo creiamo un mondo ideale online che la realtà non può soddisfare”.

Zilla van den Born ha dichiarato anche che l’obiettivo dell’esperimento era di dimostrare quanto sia facile credere ad una realtà distorta “vorrei che la gente fosse più consapevole del fatto che molte delle immagini che vediamo sono manipolate. Dovremmo fare tutti molta più attenzione”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"