2.1 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
2.1 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureUcraina, torturata e poi assassinata dai nazisti in un golf club (video)

Ucraina, torturata e poi assassinata dai nazisti in un golf club (video)

Un golf club usato come luogo di tortura. Fino al 19 settembre nelle mani del battaglione Aidar (composto da nazisti europei). Riconquistato dai separatisti sono venuti alla luce gli orrori perpetrati laggiù. Scoperti anche pasti confezionati in dotazione delle truppe Usa. A poca distanza rinvenuta anche una fossa comune.

 

di Franco Fracassi

L’hanno legata, violentata, poi le hanno tranciato l’alluce del piede destro e rotto la mascella. Infine, l’hanno uccisa. Il cadavere martoriato di una donna è stato trovato all’interno di un golf club, fino al 19 settembre in mano al battaglione Aidar, in fonze alla Guardia nazionale ucraina. Un battaglione composto da nazisti provenienti da tutta Europa. Secondo i separatisti che hanno preso possesso del club, quel luogo veniva usato per gli interrogatori. Ma non esistono altre prove oltre le testimonianze dei miliziani.

 

Di sicuro si sa che i paramilitari si cibavano con scorte provenienti dall’esercito degli Stati Uniti, visto che sono stati scoperti pasti preconfezionati Mre («Menu Ready to Eat») in dotazione ai soldati Usa. Inoltre, tra loro doveva esserci anche un ceco, visto che è stato rinvenuto anche un dizionario “ceco-inglese, inglese-ceco”.

 

Il golf club si trova a dieci chilometri da Lugansk, nell’Ucraina orientale. La città è sotto assedio da cinque mesi, bombardata quotidianamente dai cannoni e dai mortai dell’esercito di Kiev.

 

Ma le atrocità commesse dal battaglione Aidar non finiscono qui. A qualche chilometro di distanza dal golf club è stata rinvenuta una fossa comune, con i resti di civili torturati. In quella zona, oltre al battaglione nazista, operava anche la venticinquesima brigata dei parà ucraini.

 


Il video della donna torturata al golf club di Lugansk.

 


Il video della fossa comune.

2 COMMENTI

  1. Un classico. Fuggono in battaglia e sfogano con sadismo la loro frustrazione e il loro odio su civili innocenti e donne. Forti coi deboli e deboli coi forti. La storia si ripete.

  2. Come è labile la nostra memoria. Ricordate le truppe speciali formate da assassini psicopatici Anglo-Americani quando, opportunamente mascherati , presero d’assalto la TV di stato a Mosca ? La nostra informazione ci disse che erano forze rivoluzionarie anticomuniste.
    l’URSUS venne demolita e i suoi immensi beni passarono nelle mani degli oligarchi Ebrei . Putin ora sta cercando di recuperarli . Lo uccideranno, prima o poi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio