martedì 15 Ottobre 2019

Roma, arriva il commissario che odia gli scioperi e le occupazioni

Roma, arriva il commissario che odia gli scioperi e le occupazioni

Sarà Tronca, il prefetto di Milano, a commissariare la Capitale nel dopo Marino. “Lanciato” da Maroni, non ha in gran considerazione il diritto di sciopero e quello alla casa. E manda allo stadio il figlio con l’auto di servizio

di Ercole Olmi

sgombero a Milano a gennaio del 2015

Il Prefetto di Milano, Francesco Paolo Tronca, s’è detto questa sera «orgoglioso e felice della fiducia accordatami». Sarà lui il commissario del dopo Marino al Comune di Roma dopo le fatiche di Expo. Ecco il perché di tutte le chiacchiere sulla capitale morale a oscurare le reali ragioni del siluramento di un sindaco regolarmente eletto. Dopo la lugubre sfilata di consiglieri dimissionari per impedire un dibattito in Aula, il governo ha spifferato con rapidità il nome di questo palermitano di 64 anni con la missione affidatagli da Alfano: «Che il Giubileo funzioni come Expo».

dal dossier di Tronca contro le occupazioni di case

Tronca sarà affiancato anche dal ‘dream team’ per il Giubileo coordinato dal prefetto di Roma Franco Gabrielli. Il Toto nomi vede come superdelegato ai Trasporti Marco Rettighieri, direttore di Expo 2015 e già manager delle ferrovie. L’atto di dimissioni dei 26 consiglieri è stato inviato in serata alla Prefettura dal segretario generale del Campidoglio. Così è partito l’iter per la nomina del commissario. Altri nomi quello dell’ex assessore Alfonso Sabella (che però ha di recente affermato che da lunedì “tornerà a fare il magistrato”), del sovrintendente dell’Opera di Roma Carlo Fuortes e soprattutto del presidente del Coni Giovanni Malagò.

Tronca, di recente, è salito alla ribalta delle cronache per  l’annullamento delle Unioni civili a Milano: nel febbraio 2015 ha nominato un commissario per cancellare le trascrizioni dei matrimoni omosessuali contratti all’estero eseguite dal Sindaco di Milano Giuliano Pisapia (12 matrimoni, che Pisapia si è più volte rifiutato di cancellare).  Anche il Sindaco Marino, seguendo l’esempio di Pisapia , ha istituito il registro delle unioni civili e questo potrebbe essere una delle gocce che ha fatto traboccare il vaso di Renzi. 

L’«orgoglioso» salì all’onore delle cronache anche nel 2011 per una vicenda non proprio fonte d’orgoglio. L’Unità di quei giorni raccontò la vicenda di un’auto dei pompieri e di un autista dirottati per accompagnare allo stadio il figlio del dirigente – il figlio di Tronca – e un’altra persona. La denuncia veniva dai sindacati dei Vigili del fuoco che già allora denunciavano organici drammaticamente all’osso, ritardi nei pagamenti e un taglio del 50% in finanziaria. I fatti, documentati da un’inchiesta interna, risalgono all’11 maggio, quando si giocava Roma-Inter di coppa Italia. Tronca, dal novembre 2008 era stato nominato dal ministro dell’Interno Roberto Maroni capo del dipartimento dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile. Gran parte della sua carriera prefettizia si è svolta al nord, fra Varese, Milano e Brescia. Al prefetto Tronca, una volta a Roma, sarebbero stati assegnati ben due attici, in via Piacenza, a due passi dal Quirinale. «Alloggi di servizio che non gli spetterebbero», riportava la stampa dell’epoca.

Come ogni prefetto, Tronca ha l’ossessione delle occupazioni. Sua, un anno fa, l’idea della creazione di un Numero Unico di Emergenza (112) da chiamare per lo sgombero immediato delle occupazioni in flagranza. Lo scorso maggio, il futuro commissario di Roma, ha precettato gli autoferrotranvieri che volevano scioperare. Lo sciopero era proclamato per reclamare il contratto ormai scaduto da 8 anni e le politiche del lavoro del governo Renzi, in primis il Jobs Act. A questo si aggiungevano le tensioni nei depositi milanesi legate alle vicende di Expo. Ma proprio “l’emergenza Expo” è stato il comodo paravento dietro il quale nascondersi per impedire uno dei fondamentali diritti democratici.

L’agitazione, secondo la Prefettura, oltre a congestionare il traffico in città avrebbe reso difficile l’accesso al sito dell’Esposizione recentemente inaugurato. Una precettazione si era avuta già un mese prima, riporta il sito Milano in movimento. In quell’occasione la scusa ufficiale era il Salone del Mobile.

Lo stesso sito, ci rammenta sulla serrata dell’Università Statale nel week-end 16-18 Gennaio 2015 concertata tra il Prefetto Tronca ed il Rettore Vago per impedire lo svolgimento di un’assemblea NoExpo. «Fosse avvenuta ad Istanbul, Il Cairo, Mosca o Hong Kong avrebbe fatto gridare i media e le opinioni pubbliche allo stato autoritario ed alla repressione delle libertà fondamentali e che è invece passata tutto sommato senza grossi scossoni in una delle metropoli dell’Occidente opulento». Segue una lista delle operazioni repressive nella capitale morale:

* 14 Novembre 2014 – Le Forze dell’Ordine bloccano e caricano un corteo studentesco autorizzato impedendo il suo accesso in Piazza Fontana. Vengono sparati lacrimogeni.

* 17 Novembre – Le Forze dell’Ordine sgomberano un appartamento dell’Aler in Via Vespri Siciliani in Giambellino. Caricano gli abitanti del quartiere e gli attivisti per il diritto alla casa. Vengono sparati lacrimogeni.

* 18 Novembre 2014 – Mattina – Le Forze dell’Ordine sgomberano Rosa Nera e Corvaccio in Corvetto (più alcuni appartamenti Aler). Cariche, fermi ed uso di lacrimogeni.

* 18 Novembre 2014 – Sera – Le Forze dell’Ordine caricano in zona Sant’Agostino il corteo per il diritto alla casa. Vengono sparati lacrimogeni.

* 21 Novembre 2014 – Durante un corteo serale per il diritto alla casa cariche davanti al Commissariato PS di Via Tabacchi. Vengono sparati lacrimogeni.

* 25 Novembre 2014 – Le Forze dell’Ordine sgomberano un appartamento dell’Aler in Via Apuli in Giambellino. Cariche contro abitanti ed attivisti.

* 26 Novembre 2014 – Le Forze dell’Ordine cercano di sgomberare un appartamento Aler in Via Tracia, zona San Siro. Cariche contro abitanti ed attivisti.

* 29 Novembre 2014 – Le Forze dell’Ordine caricano gli antifascisti durante la contestazione di un’iniziativa di Forza Nuova n Gratosoglio.

* 6 Dicembre 2014 – Cariche in Stadera contro gli antifascisti durante un’iniziativa contro Forza Nuova.

* 7 Dicembre 2014 – Cariche e totale blindatura della piazza durante la Prima della Scala.

* 12 Dicembre 2014 – Le Forze dell’Ordine caricano sotto la Regione il corteo degli studenti. Vengono sparati lacrimogeni.

* 17 Gennaio 2015 – Durante la manifestazione contro il convegno omofobo in Regione Lombardia lo schieramento poliziesco è impressionante a fronte di una piazza assolutamente pacifica. 

Related posts

1 Comment

  1. Avatar
    Romani, Auguri!

    La vicenda del doppio alloggio di servizio e’ vera. Si trattava di due alloggi destinati al Capo del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco e al Comandante Provinciale VVF di Roma. Il Capo del Corpo Nazionale VVF, Alfio Pini, viveva spartanamente in un mini.alloggio in una scuola di formazione, il Comandante Provinciale VVF di Roma aveva la casa di sua proprieta’ . Siccome non sapeva fare le manovre, invece di 2 posti auto ne occupava 4. Si fece comprare 1 mega.macchina di servizio, per assecondare i desideri del figlio…che faceva accompagnar in giro con auto di servizio. Inoltre, fece assegnare alloggi di servizio a persone a cui, secondo l ordinamento VVF, non spettava alloggio di servizio. Ogni due telefonava al Comandante di Roma, in cerca di allogi di servizio per i suoi accoliti. All inizio al Viminale si incazzava con chi non lo chiamava Eccellenza! Una volta chiese dei posti allo stadio, arrivo’ e non ringrazio’ nemmeno chi, essendo in servizio per vigilanza, glieli aveva procurati, ma si attacco’ al cellulare e protesto’ che i posti non erano di suo gradimento! Quando fu nominato Prefetto di Milano, fece andare degli impiegati del Viminale a Milano, solo per disfare i suoi pacchi. Un arrogante e triste burocrate, sempre attapirato al potente di turno, pur di ottenere un vantaggio personale

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.