30.2 C
Rome
giovedì 30 Giugno 2022
30.2 C
Rome
giovedì 30 Giugno 2022
Homepadrini & padroniMa cosa dice la legge che fa incazzare i sindacati in Francia ma non in Italia?

Ma cosa dice la legge che fa incazzare i sindacati in Francia ma non in Italia?

Francia, cosa cambia con la legge el Khomri, il jobs act di Hollande: libertà di licenziare, in soffitta il contratto nazionale, via libera agli accordi aziendali, crollo delle retribuzioni

di Checchino Antonini

125227-md

Presentato il 17 febbraio, il progetto dalla ministra del lavoro Myriam el Khomri vuole introdurre una maggiore flessibilità nel mercato del lavoro come il jobs act italiano. L’articolo 2, quello che più di tutti suscita la collera dei sindacati, smantella il contratto nazionale favorendo gli accordi interni alle imprese rispetto a quelli approvati a livello nazionale o di categoria per quanto riguarda i tempi di lavoro. Restano sulla carta le 35 ore settimanali ma a prevalere d’ora in poi saranno gli accordi di gestione interni a ciascuna impresa. Può crollare, in caso di accordo aziendale, dal 25% al dieci la maggiorazione per gli straordinari. In pratica ci sarà “un codice del lavoro per ogni impresa” e dumping sociale a go-go. I licenziamenti saranno possibili in caso di “abbassamento significativo degli ordinativi o del giro d’affari” così la crisi la pagheranno per intero e immediatamente i lavoratori, con buona pace della retorica del rischio d’impresa. Il 10 maggio, proprio come il suo epigono italiano, Renzi, il primo ministro Valls, di fronte alla fronda di una parte dei deputati socialisti, non ha esitato a utilizzare l’articolo 49.3 della costituzione, che consente di far adottare il testo senza il voto dell’assemblea nazionale, per evitare il rischio di una bocciatura o di una modifica profonda del progetto. Il progetto deve adesso essere esaminato dal senato a metà giugno, prima di tornare alla camera.

Donges, manifestanti bloccano con dei massi l'accesso a un deposito di carburanti vicino alla raffineria
Donges, manifestanti bloccano con dei massi l’accesso a un deposito di carburanti vicino alla raffineria

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

“Radicali” in Cgil, la sfida conflittuale a Landini

Centinaia di lavoratori alla presentazione del documento alternativo: “Le radici del sindacato”

Il conflitto russo-ucraino divide la sinistra anti-guerra

Il campo antimperialista alla prova dall'invasione dell'Ucraina. Chi rifiuta l'invio delle armi, chi lo ritiene inevitabile [Fabien Escalona]

Bioeconomia senza trucchi, scienziati in cerca di esperienze concrete

Non basta dirsi bio per sottrarsi alle logiche dell'economia fossile. Come partecipare alla conferenza multidisciplinare di Bioeconomia

Melilla, l’esternalizzazione delle frontiere uccide ancora

Sale il bilancio della strage di migranti a Melilla. Sanchez si complimenta con i gendarmi marocchini. Tweet choc di Salvini 

Nupes, Mélenchon vuole un gruppo unico, gli alleati no

La Nupes esita sulla sua modalità di organizzazione. Mélenchon propone un gruppo unico in Parlamento ma ... [Mathieu Dejean]