-1.7 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
-1.7 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureIl rap contro il land grabbing

Il rap contro il land grabbing

“Di chi è la terra”? Uno short movie  e uno spettacolo al Teatro Vascello di Roma, per denunciare il land grabbing  

Milioni di famiglie contadine nel mondo sono espropriate della loro unica fonte di sussistenza, la terra, da governi e multinazionali affamate di spazi per la produzione di flex crops, cereali da cui ricavare quei biocarburanti che dovrebbero rendere l’economia sostenibile.  E’ il tema che Daniela Giordano e Danila Massimi hanno scelto per “Di chi è la terra?”. Uno short movie, in lavorazione, e uno spettacolo al Teatro Vascello di Roma, sul land grabbing e le trappole della green economy. I padroni della Terra, Primo Rapporto italiano sul land grabbing, spiega come, dal 2000, governi e multinazionali hanno firmato 2231 contratti per un totale di 68 milioni di ettari di terra (più 209 in corso d’opera per altri 20 milioni): 36 milioni di volte la superficie del Colosseo, 8 volte il Portogallo. Nel mirino soprattutto l’Africa (Congo, Sudan, Mozambico e Liberia), ma anche Asia (Nuova Guinea, Indonesia), Sud America (Brasile) ed Europa (Russia, Ucraina). Mentre i maggiori accaparratori di terra sono USA, Gran Bretagna e Olanda, seguiti da Cina, India, Brasile ed Emirati Arabi. L’Italia controlla 1,1 milioni di ettari (42% in Gabon, 38% in Liberia). 

Il land grabbing è stato denunciato dai piccoli produttori di cibo al recente II Simposio FAO di Roma, come un’ipoteca sul futuro. Di chi è la Terra?  Ballata per Chicco di grano, Pannocchia e Sacchetto nasce come spettacolo teatrale del duo Daniela Giordano e Danila Massimi, musicista e cantante con la vocazione del teatro. E’ già il terzo spettacolo della coppia con paroleimmaginimusica e perfino un rap.

Dopo una lunga carriera in teatro (Ronconi, Besson, Lavia), cinema e tv (Borsellino il film per cui è forse più nota, a febbraio era in Montalbano), Daniela Giordano debutta come regista con uno short movie nato dallo spettacolo teatrale: Di chi è la terra? Nel cast Laura Mazzi (madre di De André in Principe Libero), David Sebasti (protagonista in Un medico in famiglia 5), Balkissa Maiga (7 minuti), Alfie Nze (al Festival di Locarno conGranma) e la fotografia è di Gianni Mammolotti, candidato al David di Donatello 2018 per Malarazza. Le riprese inizieranno a Roma e dintorni il 15 giugno, mentre prosegue il crowdfunding a sostegno del film.

31 maggioh 21 Teatro Vascello (Rassegna EXIT – X Edizione)

Di chi è la Terra? Ballata per Chicco di grano, Pannocchia e Sacchetto

con Daniela Giordano e Danila Massimi

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi