-1.7 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
-1.7 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomemondiGaza: un dabke ai confini con Israele (video)

Gaza: un dabke ai confini con Israele (video)

Un gruppo di attivisti palestinesi danza il dabke ai confini tra Gaza e Israele, gridando ad ogni passo che non si può soggiogare un intero popolo

di Marina Zenobio

Immagini così belle nella loro drammaticità. Giovani palestinesi che ballano il Dabke, danza folcloristica tradizionale, ai confini tra Gaza e Israele. Dietro di loro il fumo nero dell’ennesima battaglia. É il 29 giugno scorso, uno dei venerdì della Grande Marcia per il Ritorno costata ai palestinesi, finora, circa 200 morti e migliaia di feriti.

Le pallottole i gas lacrimogeni lanciati dai soldati israeliani non hanno impedito ad un gruppo di attivisti e attiviste palestinesi di regalarci un saggio di una danza popolare araba in uno dei giorni di protesta contro l’occupazione di Israele e per chiedere il ritorno degli esiliati.

Avvicinandosi alla linea di demarcazione tra Gaza e Israele il gruppo esegue quello che è stato definito “il grande ballo per il ritorno”. Tra le mani le fionde che normalmente usano per lanciare sassi contro le Forze di Difesa Israeliane.

In poco più di due minuti questo documento racchiude in sé tutta la storia dell’occupazione e dell’assedio, tutte le dinamiche di potere tra l’occupante e l’oppresso, il pugno chiuso del primo e la determinazione dell’altro.

Gli abitanti di Gaza ogni venerdì continuano a dirigersi verso il confine con Israele, rischiando ogni volta di essere colpiti dai cecchini delle FDI, per ricordare al mondo che vivono costantemente sotto assedio nella più grande prigione a cielo aperto del mondo.

In questa occasione giovani palestinesi hanno deciso di usare un linguaggio diverso, quello della danza, un dabke lungo la recinzione di questa prigione che ha un forte potere simbolico, una danza di sfida attraverso cui l’esistenza e la resistenza palestinese grida ad ogni passo che non si può soggiogare un intero popolo deciso ad aggrapparsi alla vita, al diritto alla libertà e all’indipendenza.

Ora c’è solo da aspettare che le Forze di Difesa Israeliana dichiarino il dabke una “danza terroristica” e dia l’ordine di sparare su chiunque la balli lungo il “recinto” gazawi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi