21.8 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
21.8 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
Homein genereCasa Internazionale delle Donne: il Comune di Roma annuncia la “revoca immediata della convenzione”

Casa Internazionale delle Donne: il Comune di Roma annuncia la “revoca immediata della convenzione”

E’ l’esito di un logorante braccio di ferro tra la Casa, storico spazio femminista romano, e il consiglio comunale a maggioranza 5stelle

di Marina Zenobio

Mesi di iniziative solidali a scongiurare quello che ora è accaduto: lo scorso 17 maggio il Comune di Roma guidato dalla Giunta Raggi ha approvato una mozione a Cinque Stelle che prevede la riappropriazione dell’ex complesso del Buon Pastore, a Trastevere, da tre decenni sede della Casa Internazionale delle Donne, di conseguenza “la revoca immediata della Convenzione tra Comune e Casa.
La notizie è stata resa nota ieri durante un incontro che si è tenuto presso l’assessorato al Patrimonio a cui ha partecipato parte del direttivo della Casa – la presidente Francesca Koch e le attiviste Lia Migale, Giulia Rodano, Maria Brighi, Loretta Bondì -, le assessore Laura Baldassare e Flavia Marzano.
Immediata la reazione da parte delle attiviste della casa che hanno annunciato “una opposizione a tutto campo” precisando che “la revoca della Convenzione avviene alla vigilia di agosto, nella peggiore tradizione di ogni vertenza pubblica e privata nel nostro paese. La Casa Internazionale delle donne e tutte le attività e servizi che al Buon Pastore vengono erogati rischiano la chiusura a causa di questo ulteriore incomprensibile attacco della giunta Capitolina al femminismo e alla vita associata a Roma”.

Anche il movimento “Non Una Di Meno” è intervenuto con un comunica su quello che definisce “l’esito di un logorante braccio di ferro tra lo storico spazio femminista romano e il consiglio comunale a maggioranza 5stelle”. “Il punto di rottura – precisa NUDM – si era già raggiunto con la mozione a firma Guerrini in cui si bollava come ‘fallimentare’ il progetto della Casa e si indicava la necessità di ‘riallineare’ le attività alle politiche sociali e di contrasto alla violenza di genere della giunta capitolina”. Una strategia “che punta alla delegittimazione e alla sostituzione di un lavoro quotidiano e collettivo imponendo logiche di valorizzazione economia, bandi e decisioni prese dall’alto”.

A conclusione del comunicato, NUDM dichiara che “Difenderemo la Casa Internazionale delle donne, come difenderemo la casa Lucha Y Siesta, minacciata dal Concordato Atac, il Centro antiviolenza Donna Lisa, lo spazio delle Cagne Sciolte e tutti gli spazi delle donne a rischio oggi a Roma. Siamo partite trent’anni fa occupando spazi per le donne, continueremo a farlo rivendicando autonomia e libertà per tutte e tutti”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina