8.8 C
Rome
domenica 18 Aprile 2021
8.8 C
Rome
domenica 18 Aprile 2021
HomemondiUsa, la "normalità" insostenibile di Biden

Usa, la “normalità” insostenibile di Biden

Usa, post-elezione 2020. Una crisi di rappresentanza dietro il semi-putsch di Trump e il ritorno al centrismo di Biden [Barry Eidlin]

Fallite le rievocazioni della putsch della birreria, Donald Trump lascerà la Casa Bianca il 20 gennaio, se non prima, almeno per i prossimi quattro anni. L’attenzione si sposta ora sul mondo post-Trump: cosa possiamo aspettarci dall’amministrazione Biden in arrivo?
La risposta breve è “non molto”. Pur non avendo la predilezione di Trump per il nepotismo e il fanatismo, Biden dà chiaramente valore alla lealtà personale, e ha fatto le sue scelte di personale di conseguenza. Il suo team di transizione e le scelte di gabinetto sono piene di persone che lo seguono da anni. Molti stanno salendo alcuni gradini della scala della carriera che hanno iniziato a salire durante l’amministrazione Obama. Altri, come il proposto segretario all’agricoltura Tom Vilsack, stanno letteralmente riprendendo lo stesso lavoro che avevano sotto Obama.
A parte lo stile di leadership personale, il messaggio chiaro è che l’establishment del Partito Democratico è tornato al comando. Nonostante Biden abbia vinto le elezioni solo pochi mesi dopo che l’assassinio di George Floyd per mano della polizia di Minneapolis ha scatenato il più grande movimento di protesta della storia degli Stati Uniti, nonostante il fatto che la candidatura insorgente di Bernie Sanders abbia dimostrato che c’era una vivace circoscrizione elettorale sul fianco sinistro del partito, e nonostante il fatto che i sindacati e altri gruppi progressisti gli abbiano dato il margine di vittoria in stati chiave dell’altalena come Arizona e Pennsylvania, Biden e la sua squadra non hanno mostrato altro che disprezzo verso la sinistra. Invece, sono rimbalzati sul blando centrismo. Con la possibile eccezione del sostenitore del Green New Deal Deb Haaland agli Interni, ogni scelta di gabinetto è stata una scelta sicura per l’establishment.
Certo, avere amministratori competenti in carica può essere un passo avanti rispetto all’assemblaggio di yes-men e demolitori che abbiamo visto sotto Trump. Ma questo non deve far dimenticare che il “ritorno alla normalità” di Biden significa un ritorno all’austerità tecnocratica aziendale in patria, unito agli sforzi per riaffermare il dominio globale degli Stati Uniti (alias “leadership”) all’estero. Molti problemi che prima di Trump, come la crescente disuguaglianza, un sistema sanitario in fallimento, un sistema di immigrazione in panne, un sistema di polizia razzista, sindacati indeboliti, ecc, persisteranno sotto Biden. Potrebbero esserci più progressi sul COVID e sul cambiamento climatico, ma ben al di sotto di quanto richiesto. I sondaggi possono mostrare un forte sostegno a politiche progressiste di ampio respiro come il congedo familiare retribuito, la remissione dei debiti degli studenti, Medicare for All, e altro ancora, ma anche con i Democratici che controllano la presidenza ed entrambe le camere del Congresso dopo le elezioni del 5 gennaio in Georgia, è improbabile che tali politiche vedano la luce del giorno.
L’unica concessione ai recenti movimenti per la giustizia sociale è il maggiore impegno di Biden per la diversità razziale e di genere nel suo gabinetto. È probabile che egli onorerà il suo impegno a riunire “il gabinetto più vario che chiunque nella storia americana abbia mai annunciato”. Ma questo è un impegno che si basa su una politica di rappresentanza ristretta, volta principalmente a mettere più volti femminili, neri e marroni, con l’obiettivo di far avanzare le stesse stanche e centriste politiche democratiche che faranno poco per migliorare la vita delle donne, dei neri e dei marroni. Il variegato gabinetto di Biden è pieno di banchieri di Wall Street, membri del consiglio di amministrazione, lobbisti, consulenti, persino apologeti della tortura.
Da parte repubblicana, il rifiuto di Trump di concedere la sconfitta ha creato ancora più caos all’interno del partito. Mentre nessuno alla guida del partito crede davvero che Trump abbia vinto, tanto meno lo stesso Trump, egli sta usando la finzione delle “elezioni rubate” come un test di lealtà per i funzionari eletti, che devono dimostrare il loro sostegno al presidente uscente negando la realtà.
Mentre alcuni nel partito giustificano la loro delegittimazione dei risultati delle elezioni del 3 novembre come un modo innocuo di assecondare il presidente, il riot del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti dimostra quanto questo sia stato sbagliato. Difendere le scanzonate affermazioni di Trump sui brogli elettorali e gli illeciti ha dato ossigeno a un universo alternativo, libero dai fatti, dove teorici della cospirazione di Qanon, troll 4Chan, neoconfederati, gruppi paramilitari come i Proud Boys, e neonazisti a tutti gli effetti, potevano riunirsi per formare l’orribile folla della supremazia bianca che ha preso d’assalto il Campidoglio.


Nel frattempo, il racconto dei brogli elettorali di Trump si sta rivelando un’enorme truffa per sottrarre più soldi dalla sua base – 207,5 milioni di dollari dal giorno delle elezioni. Anche se alcuni all’interno del partito potrebbero voler lasciare Trump indietro, non c’è nessuno ovviamente posizionato per prendere le redini.
Il risultato è un partito congelato al suo posto, incapace di andare oltre Trump ma incerto su cosa farebbe anche se potesse. Trump ha messo in atto alcune politiche crudeli e grottesche per ordine esecutivo, e il leader del Senato Mitch McConnell è stato efficace nell’aiutare Trump a riempire i tribunali di ideologi di destra. Ma il loro unico risultato legislativo è stato il taglio delle tasse del 2017. Questo è sintomatico di un partito che ha perso la visione e lo slancio che ha mostrato dagli anni ’80 fino al 2000. Il racconto conservatore, un tempo egemonico e conservatore, di un governo small, responsabilità personale e prosperità, suona vuoto all’indomani di due crisi finanziarie, massicce perdite di posti di lavoro, stagnazione salariale e il trauma di instabilità, malattia e dipendenza che hanno letteralmente portato al declino dell’aspettativa di vita di ampie fasce della popolazione statunitense. Al suo posto, i repubblicani possono offrire solo nudo denaro contante per i loro ricchi donatori, in combinazione con il nazionalismo, il razzismo e la xenofobia per la loro base, e la soppressione degli elettori per i loro avversari.
Considerata nel suo insieme, la situazione equivale a una crisi della rappresentanza politica. A sinistra, le élite del Partito Democratico possono ignorare o mettere da parte le richieste del movimento in un modo che i loro predecessori negli anni ’60 e ’70 non potevano. A destra, le élite aziendali possono godere di tagli alle tasse, ma a spese del commercio, dell’immigrazione e della politica estera che vanno contro molti dei loro interessi. E mentre la retorica di Trump sul “riportare il lavoro” mescolata a sane dosi di nazionalismo bianco, xenofobia e teorie cospirative può fornire un balsamo per la sua base, né lui né il suo partito sono in grado di fornire politiche che possano effettivamente affrontare le loro rimostranze materiali.
Più in generale, nessuno dei due partiti è in grado di articolare una visione politica positiva che possa costituire la base di una nuova coalizione egemonica, sulla falsariga del keynesianismo del dopoguerra o del neoliberalismo conservatore degli ultimi decenni. In parte ciò è dovuto al fatto che mancano i tradizionali veicoli organizzativi per articolare tale visione. Anche se il consolidamento economico aziendale procede a ritmo sostenuto, il capitale rimane politicamente frammentato, incapace di posizionarsi come se agisse in qualcosa che si avvicina a un “interesse generale”.
A sinistra, le elezioni hanno dimostrato che i sindacati sono ancora in grado di plasmare la politica, in particolare con gli sforzi di UNITE HERE nel far crescere i voti democratici in Arizona e Pennsylvania. Ma con l’attuale densità sindacale appena sopra il 10%, sono notevolmente indeboliti dal loro periodo di massimo splendore del dopoguerra, e la loro più ampia influenza sociale è diminuita. Nel frattempo, gran parte dell’ecosistema di sinistra è costituito da ONG guidate dal loro personale, senza una vera e propria appartenenza, o da periodiche manifestazioni di protesta “senza leader” che si disperdono o vengono assorbite da ONG guidate dal loro staff.
Quando si scrive di questi periodi di paralisi politica, è comune tra gli scrittori della sinistra citare la citazione di Gramsci su come “la crisi consiste proprio nel fatto che il vecchio sta morendo e il nuovo non può nascere; in questo interregno appaiono una grande varietà di sintomi morbosi”. Se la citazione è certamente attuale, la tentazione è quella di considerare l’interregno come una fase passeggera, una situazione instabile che deve in qualche modo risolversi da sola. Ma ciò che spesso si perde è che gli interregni instabili possono durare a lungo. Lo status quo può continuare a confondersi. Nulla garantisce una particolare risoluzione della crisi.
Nella misura in cui una risoluzione è possibile, non sarà dovuta a concetti vaghi come l’attuale “equilibrio delle forze di classe” o “requisiti del capitale”. Piuttosto, sarà il risultato di concrete lotte politiche che plasmano l’equilibrio delle forze di classe e articolano le esigenze delle parti coinvolte.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Val Susa, lacrimogeni ad altezza d’uomo, grave un’attivista No Tav

Emorragia cerebrale e fratture al viso. E' grave una donna colpita da un lacrimogeno sparato dalle truppe di occupazioni. Le ragioni della p...

Il virus della stanchezza

Il Covid-19 ci spinge verso una stanchezza collettiva. Perché ci sentiamo così stanchi? [Byung-Chul Han]

Che cosa abbiamo imparato dalla pandemia

Da oggi a domenica La lezione del 2020. Spunti per il futuro, cento voci on line per un "quasi festival" della sinistra

Il vaccino razzista di Israele

La denuncia di 165 ong palestinesi: discriminati sia i palestinesi che vivono in territorio israeliano, sia quelli di Gaza e Cisgiordania

Che cosa è una setta. Rai doc lo spiega con una serie

L'annuncio di Rai doc, una docuserie sulle psico-sette firmata da Massimo Lauria e Monica Repetto