12.8 C
Rome
venerdì 5 Marzo 2021
12.8 C
Rome
venerdì 5 Marzo 2021
Home culture Il futuro e il passato degli X-Men legati da Bryan Singer

Il futuro e il passato degli X-Men legati da Bryan Singer

Arriva il sequel del prequel della saga dei mutanti che è anche reboot dell’epilogo della prima trilogia. Su Popoff la recensione.

Il futuro e il passato degli X-Men legati da Bryan Singer

«Il futuro è davvero già scritto?» Tentare di raccapezzarci qualcosa, nel frastagliato e colorato mondo dei Marvel, sta diventando sempre più complicato. Tra prequel, sequel, reboot, spin-off e ariprovace che sarai più fortunato, stare appresso alle trame e ai personaggi (vecchi e nuovi) è un tale rompicapo che, al confronto, risolvere il cubo di Rubik è una bazzecola da principianti/dilettanti.
La svolta segnata da Iron Man (di cui ho già parlato in Captain America) ha costretto i produttori a ripensare all’universo dei cinefumetti, e a puntare non solo su effetti speciali/prodezze/spericolatezze ma a prediligere sceneggiature sempre più originali/efficaci. Questo nuovo capitolo dedicato agli X-Men conferma il percorso intrapreso già da altre saghe che sembravano spacciate e che, così facendo, sono risorte dai roghi appiccati dai fan.

«Fai pensieri di pace». In questo X-Men, giorni di un futuro passato il vecchio cast (un po’ fuori forma) si fonde con il nuovo e riacquista vigore, smalto, vitalità. E grazie a qualche new entry (una su tutte, Evan Peter nei panni di Quicksilver -che pare ritroveremo nella prossima puntata degli Avengers) e a un nano malefico che arriva direttamente da Il trono di spade, il mix di personaggi risulta esplosivo e accattivante. James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence e Nicholas Hoult fronteggiano degnamente Hugh Jackman, Ian McKellen, Patrick Stewart, Halle Berry e Shawn Ashmore, dimostrando loro che c’è ancora molto da dare e molta storia da raccontare.
«Tutti dobbiamo morire prima o poi». L’incontro tra futuro e passato garantisce, dunque, continuità tra la vecchia trilogia e la nuova “guardia”, mettendo tutto in discussione ma senza mai rinnegare davvero ciò che è stato. «Io ti ho mandato dal futuro? Ma vaffanculo!».

Tra chicche storiche improbabili (godetevi quella su JFK e Magneto, «come spieghi una pallottola deviata?») e colpi di trama (e di alleanze) ancora più incredibili, il film scorre sul filo degli artigli di Wolverine (ma sono d’osso?!? «È fico ma fa schifo») e sulla pelle azzurrettile di Mystica. Sullo sfondo, le vicende vintage di un’America anni Settanta che trovano la loro più forte presenza nei costumi, nelle atmosfere e nella musica utilizzata come elemento fondante e di raccordo.
«Quel dolore ti renderà più forte se ti permetti di accoglierlo, ti renderà potente e nasce dalla più umana delle emozioni, la speranza». Peccato che un altro tipo di speranza ci abbandoni presto. Quella di capirci qualcosa e di intuire da che parte si andrà a parare. Prima o poi, ce la farò.
Cos’è, poi, quella roba dopo i titoli di coda? Boh, qualcuno m’illumini. D’immenso o d’icsmen.

Nel complesso, comunque, quello di Bryan Singer è un esperimento pienamente riuscito, capace di divertire, intrattenere, a tratti anche sorprendere. Montaggio ed effetti speciali non deludono mai e trovano il loro apice nella sequenza della liberazione di Magneto (tutta da gustare) e faranno contenti gli appassionati del genere e i seguaci dei mutanti.
Si aprono, così, prospettive, fusioni, rimescolamenti e riapparizioni (oh, ma quella è Anna Paquin?) che ci porteranno, piano piano, lontano. In modo sano.
Perché è vero. Il futuro non è mai veramente scritto. Soprattutto quello dei Marveliani.
Soprattutto quello degli X-Men.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cucchi, al processo si cerca l’origine dei depistaggi

Il processo sui depistaggi prova a mettere a fuoco le fasi in cui è scattata la macchina del fango contro la vittima e la famiglia Cucchi

Grecia, la vendetta di Stato contro un detenuto politico

Koufontinas (17N) ha smesso di nutrirsi e di bere da quasi due mesi. Vuole un trasferimento che il governo rifiuta. Repressione alle stelle in Grecia

Germania: 3 nazi, 10 omicidi e 13 anni in fuga

La Germania, dopo lo scandalo Nsu, si chiede se i partiti apertamente neonazisti come quello dovrebbero essere vietati (Prune Antoine)

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo

Intervista all’uomo accusato di solidarietà a Trieste

Migranti, parla Andrea Franchi: “Sono tranquillo, continueremo a curare chi arriva dalla rotta balcanica” (Eleonora Camilli)