1.2 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
1.2 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureiFEST a Roma, l'estate romana indipendente

iFEST a Roma, l’estate romana indipendente

Dal 2 luglio è iFEST a Roma, cultura e musica indipendente all’insegna dell’autonomia e dell’autofinanziamento.

di Marina Zenobio

ifest1

Al via a Roma l’iFEST, festival di cultura e musica indipendente promosso dalle reti sociali del territorio e con il patrocinio gratuito del III Municipio, che si terra al Parco Simon Bolivar (nei pressi di Piazza Sempione) dal 2 al 6 luglio prossimo.

«Mentre l’estate romana è ridotto al lumicino – fanno sapere le organizzatrici e gli organizzatori – l’iFEST, grazie alla collaborazione delle Reti sociali del terzo municipio va in controtendenza, promuovendo cinque giorni di festival indipendente nella Capitale, in una delle nuove centralità della città che diventa metropoli e – fanno notare – senza finanziamenti nè sponsor». L’Indipendent Festival è infatti totalmente autonomo e autofinanziato, il cui scopo è quello di promuovere la cultura ‘da basso’.

Tanti gli artisti che saliranno sul palco dell’iFEST, dall’intervista al fumettista Zerocalcare agli interventi di Elio Germano, Jhonny Palomba, Andrea Rivera, Emilio Stella, Francesca Fornaro (per citarne alcuni) che il 2 luglio leggeranno i sonetti romaneschi de I Poeti del Trullo. Chiaramente tanta musica, per un cartellone che prevede il meglio della musica indipendente, che vede in concerto, il 3 luglio, del Lo Stato Sociale, unica data romana del tour del gruppo bolognese. Venerdì 4 luglio sarà la volta di due gruppi veterani della scena underground, i 99 Posse e Danno del Colle der Fomento. Infine sabato sera ci saranno le Incursioni Teatrali a cura del Teatro Valle Occupato, e domenica l’iFEST si concluderà con la ‘Milonga di Menenio’, un tango itinerante che, partendo da Piazza Sempione, attraverserà alcune zone del quartiere di Monte Sacro. Tutto questo – musica, teatro, fumetti, spettacoli satirici, tango – sarà accompagnato da buon cibo e vino biologici a costi accessibili per tutti perché, dichiarano le organizzatrici e gli organizzatori: «la cultura deve essere un bene comune e non un lusso».

L’iFEST nascerà recuperando uno spazio pubblico, il parco Simon Bolivar nei pressi di Piazza Sempione, per farlo tornare a vivere e restituirlo ad un territorio carente di luoghi culturali e di aggregazione; un luogo che ha una storia molto particolare e simbolica perché proprio qui, nell’agosto del 1805, il poco più che ventenne Simon Bolìvar giurò di liberare il suo Paese (il Venezuela) e l’ America latina dagli oppressori. Nell’agosto del 2005 poi, in occasione del bicentenario del giuramento, fu eretta una colonna attica progettata dall’architetto Jorge Castillo, e fece notizia quando, due mesi dopo, l’allora presidente del Venezuela, Hugo Chavez, nel corso della sua visita romana, si recò personalmente a rendere omaggio al grande condottiero rivoluzionario proprio nel parco di Monte Sacro che, da allora, viene chiamato Parco Bolivar e che questa estate farà da palcoscenico dell’iFest.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]

Depistaggi Cucchi: «C’è un regista, non è indagato ma c’è»

Il processo ai carabinieri accusati di aver deviato le indagini sull'omicidio di Stefano Cucchi. Parlano le parti civili