6.2 C
Rome
domenica 7 Marzo 2021
6.2 C
Rome
domenica 7 Marzo 2021
Home culture iFEST a Roma, l'estate romana indipendente

iFEST a Roma, l’estate romana indipendente

Dal 2 luglio è iFEST a Roma, cultura e musica indipendente all’insegna dell’autonomia e dell’autofinanziamento.

di Marina Zenobio

ifest1

Al via a Roma l’iFEST, festival di cultura e musica indipendente promosso dalle reti sociali del territorio e con il patrocinio gratuito del III Municipio, che si terra al Parco Simon Bolivar (nei pressi di Piazza Sempione) dal 2 al 6 luglio prossimo.

«Mentre l’estate romana è ridotto al lumicino – fanno sapere le organizzatrici e gli organizzatori – l’iFEST, grazie alla collaborazione delle Reti sociali del terzo municipio va in controtendenza, promuovendo cinque giorni di festival indipendente nella Capitale, in una delle nuove centralità della città che diventa metropoli e – fanno notare – senza finanziamenti nè sponsor». L’Indipendent Festival è infatti totalmente autonomo e autofinanziato, il cui scopo è quello di promuovere la cultura ‘da basso’.

Tanti gli artisti che saliranno sul palco dell’iFEST, dall’intervista al fumettista Zerocalcare agli interventi di Elio Germano, Jhonny Palomba, Andrea Rivera, Emilio Stella, Francesca Fornaro (per citarne alcuni) che il 2 luglio leggeranno i sonetti romaneschi de I Poeti del Trullo. Chiaramente tanta musica, per un cartellone che prevede il meglio della musica indipendente, che vede in concerto, il 3 luglio, del Lo Stato Sociale, unica data romana del tour del gruppo bolognese. Venerdì 4 luglio sarà la volta di due gruppi veterani della scena underground, i 99 Posse e Danno del Colle der Fomento. Infine sabato sera ci saranno le Incursioni Teatrali a cura del Teatro Valle Occupato, e domenica l’iFEST si concluderà con la ‘Milonga di Menenio’, un tango itinerante che, partendo da Piazza Sempione, attraverserà alcune zone del quartiere di Monte Sacro. Tutto questo – musica, teatro, fumetti, spettacoli satirici, tango – sarà accompagnato da buon cibo e vino biologici a costi accessibili per tutti perché, dichiarano le organizzatrici e gli organizzatori: «la cultura deve essere un bene comune e non un lusso».

L’iFEST nascerà recuperando uno spazio pubblico, il parco Simon Bolivar nei pressi di Piazza Sempione, per farlo tornare a vivere e restituirlo ad un territorio carente di luoghi culturali e di aggregazione; un luogo che ha una storia molto particolare e simbolica perché proprio qui, nell’agosto del 1805, il poco più che ventenne Simon Bolìvar giurò di liberare il suo Paese (il Venezuela) e l’ America latina dagli oppressori. Nell’agosto del 2005 poi, in occasione del bicentenario del giuramento, fu eretta una colonna attica progettata dall’architetto Jorge Castillo, e fece notizia quando, due mesi dopo, l’allora presidente del Venezuela, Hugo Chavez, nel corso della sua visita romana, si recò personalmente a rendere omaggio al grande condottiero rivoluzionario proprio nel parco di Monte Sacro che, da allora, viene chiamato Parco Bolivar e che questa estate farà da palcoscenico dell’iFest.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Teorema Mar Jonio, Casarini: «Sono colpevole. Come Lucano»

Il "teorema" contro la nave di Mediterranea, interviene Luca Casarini, uno dei quattro indagati per "reato di solidarietà"

Cucchi, al processo si cerca l’origine dei depistaggi

Il processo sui depistaggi prova a mettere a fuoco le fasi in cui è scattata la macchina del fango contro la vittima e la famiglia Cucchi

Grecia, la vendetta di Stato contro un detenuto politico

Koufontinas (17N) ha smesso di nutrirsi e di bere da quasi due mesi. Vuole un trasferimento che il governo rifiuta. Repressione alle stelle in Grecia

Germania: 3 nazi, 10 omicidi e 13 anni in fuga

La Germania, dopo lo scandalo Nsu, si chiede se i partiti apertamente neonazisti come quello dovrebbero essere vietati (Prune Antoine)

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo