22.6 C
Rome
giovedì 6 Maggio 2021
22.6 C
Rome
giovedì 6 Maggio 2021
HomecultureL’autopsia su Brown: sei proiettili, di cui due alla testa, mentre aveva le mani alzate

L’autopsia su Brown: sei proiettili, di cui due alla testa, mentre aveva le mani alzate

L’autopsia di uno dei più celebri medici legali d’America è chiara: Brown è stato freddato da sei colpi di pistola, di cui due sparati in testa, mentre aveva le mani alzate. La rabbia dei neri del Missouri cresce. Il governatore dello Stato fa intervenire la Guardia nazionale. In favore del poliziotto killer si schiera il Ku Klux Klan.

 

di Franco Fracassi

Sei pallottole (ma forse sono otto), di cui due alla testa. La seconda autopsia non lascia dubbi. Il poliziotto ha freddato il diciottenne Michael Brown mentre aveva le mani alzate, scaricando l’intero caricatore della sua quarantacinque millimetri. «È stata un’esecuzione», ha dichiarato della famiglia Brown.

 

L’autopsia è stata fatta da Michael Baden, uno dei più celebri medici legali d’America, che aveva fatto parte anche dei collegi che esaminarono i cadaveri di Jfk e Martin Luther King.

 

Il poliziotto assassino si chiama Darren Wilson, ha ventotto anni e da sei porta la divisa (senza mai aver avuto un provvedimento disciplinare, ha precisato il capo della polizia di Ferguson Tom Jackson). Wilson non è stato ancora arrestato, perché secondo la polizia, non avrebbe fatto altro che reagire a un tentativo di aggressione fatto dal ragazzo nero. E per avvolarare questa tesi, la polizia ha pubblicato su YouTube un video nel quale si vede Brown entrare in un negozio e prendere per la collottola il proprietario (la polizia sostiene che abbia rubato sigarette per furto di sigarette per il valore di 48.99 dollari). Secondo Jackson, questo dimostrerebbe che Michael fosse un violento, «e quindi pericoloso».

 

Tesi che è stata smentita da molti testimoni oculari (ogni giorno ne escono di nuovi). Oltre al fatto che la famiglia afferma che il ragazzo che si vede nel filmato non sia Michael. Risultato: il negozio del video è stato assalito da una folla di duecento persone che l’avrebbero saccheggiato. Inoltre, l’atteggiamento reticente della polizia non ha fatto altro che far infuriare di più la comunità nera del Missouri, che dal 9 agosto protesta più o meno pacificamente. Una protesta che si allargata al resto degli Stati Uniti, coinvolgendo molte delle organizzazioni che si battono per il rispetto dei diritti civili.

 

E così, il governatore del Missouri Jay Nixon ha deciso di inviare a Ferguson la Guardia nazionale.

 

Come se non bastasse, ci si è messa anche la sezione locale del Ku Klux Klan, che ha deciso di finanziare le spese legali di Wilson, «perché questo episodio non è altro che l’ennesimo attentato alla libertà dei bianchi», ha dichiarato il Cavaliere del Nuovo Impero del Ku Klux Klan. «Wilson è un eroe. Abbiamo bisogno di più poliziotti come lui, che si battono contro lo strapotere dei neri e degli ebrei».

 

Ferguson si trova nella cintura urbana di Saint Louis, città che ha una lunga tradizione razzista. In passato il Missouri è stato uno degli Stati più segregazionisti.

 

I due terzi dei ventunomila abitanti di Ferguson sono neri. Ma si tratta di un’eccezione. L’area urbana di Saint Louis, che conta oltre un milione di abitanti, è abitata per il settanta per cento da bianchi.

 


La polizia di Ferguson, supportata dalla Guardia nazionale del Missouri, da quattro giorni non smette di sparare gas lacrimogeno sia sulla folla inferocita, sia sui dimostranti pacifici.

 


Questo video è stato pubblicato su YouTube dalla polizia di Ferguson. Mostra Michael Brown all’interno di un negozio di generi alimentari prima che riprendesse la strada di casa e venisse assassinato. Il video mostra Brown che prende per la collottola il proprietario del negozio. Secondo la polizia, avrebbe rubato qualcosa.

 


Alla messa celebrata in onore di Michael Brown nella locale Greater Grace Church hanno partecipato mille e trecento persone. Tra gli oratori, il cugino di Michael Ty Pruitt e il capitano della stradale del Missouri Ron Johnson, che ha chiesto scusa per il fatto di portare la divisa da poliziotto.

 


Con l’intervento della Guardia nazionale a Ferguson le forze dell’ordine hanno intensificato lancio di lacrimogeni.

 


Suggestive immagini notturne con la telecamera a infrarossi mostrano la polizia che spara sia le pallottole di gomma e che i lacrimogeni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Europa, 670mila case appartengono a 200 grandi investitori

Un'indagine in sedici paesi europei rivela la portata della finanziarizzazione degli alloggi sulla vita di milioni di abitanti [Alexander Abdelilah e Mathieu Périsse/We Report]

Madrid è un po’ più a destra di ieri. Iglesias si dimette

Regionali a Madrid: Ayuso (PP) guadagna 35 seggi. La sinistra si sgretola a causa della sconfitta del PSOE. Vox mantiene i suoi seggi

Il lago che continua a combattere

Dopo l'ennesimo scontro con il costruttore Pulcini, Attivisti e attiviste del Lago Ex-Snia hanno ottenuto l'attenzione della Regione Lazio

Chi è davvero Navalny, bestia nera di Putin

Alexei Navalny è davvero come lo dipingono gli influencer del Cremlino? La storia del principale oppositore di Putin [François Bonnet]

Macron fa la guerra ai disoccupati

Assicurazione di disoccupazione, il sindacato Cgt ha fatto i conti per verificare la riforma di Macron: è una bomba contro i precari [Cécile Hautefeuille]