11.3 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
11.3 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
Home culture Amnesty a Kiev: stop ai crimini di guerra dei battaglioni volontari

Amnesty a Kiev: stop ai crimini di guerra dei battaglioni volontari

Nel giorno delle minacce di sanzioni Ue alla Russia, l’Ong per i diritti umani chiede all’Ucraina di fermare gli abusi e i crimini di guerra commessi dai battaglioni volontari pro Kiev.

di Massimo Lauria

aidar1

Nel giorno in cui l’Europa minaccia pesanti sanzioni nei confronti del Cremlino per la gestione della crisi ucraina, Amnesty International chiede a Kiev di fermare gli abusi e i crimini di guerra commessi dai battaglioni di volontari «che operano accanto alle forze armate» regolari. La questione è stata al centro di un incontro tra il segretario generale di Amnesty International Salil Shetty e il primo ministro ucraino Arseniy Yatsenyuk.

«Le autorità ucraine non devono replicare l’assenza di legge e gli abusi ricorrenti nelle aree precedentemente controllate dai separatisti – ha dichiarato Shetty da Kiev -. Non fermare gli abusi e i possibili crimini di guerra dei battaglioni volontari rischia di aggravare significativamente la tensione nell’est del paese e di vanificare il proclamato intento delle nuove autorità ucraine di rafforzare e proteggere lo stato di diritto in modo più ampio», si legge sul sito dell’organizzazione internazionale per i diritti umani.

Tema dell’incontro, dunque, il ruolo discutibile dei gruppi paramilitari che combattono a fianco delle forze armate di Kiev. In particolare sotto accusa è finito il Battaglione Aidar – una delle trenta organizzazioni irregolari ucraine – che opera nella regione di Luhansk. I miliziani di Aidar, secondo quanto emerge da un’inchiesta di Amnesty International, sarebbero responsabili di numerosi atti di terrorismo e abusi nei confronti della popolazione civile.

Secondo gli osservatori dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), nel mese di agosto di quest’anno, il battaglione in questione – il cui capo si chiama Serhiy Melnychuk – si è reso responsabile di almeno due rapimenti nelle zone di combattimento del Donbass.

Amnesty International fa sapere di aver documentato «un crescendo di abusi, tra cui sequestri di persona, detenzioni illegali, maltrattamenti, rapine, estorsioni e forse anche esecuzioni, commessi dal Battaglione Aidar. In alcuni casi si tratta di crimini di guerra».

L’organizzazione per i diritti umani – si legge ancora sul sito – ha chiesto alle autorità ucraine di riportare tutti i battaglioni volontari, compreso Aidar, sotto un’effettiva linea di comando e di controllo, indagare immediatamente su tutte le denunce di abusi e consegnare alla giustizia i responsabili.

Proprio il 7 settembre la stessa Ong aveva denunciato violazioni dei diritti umani da parte di entrambi gli schieramenti, rilevando il preoccupante e massiccio uso di azioni asimmetriche per combattere una guerra che, stando ai dati forniti dall’Onu, ha già prodotto oltre 3.000 morti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]