Derby nero in Ucraina: Casapound con Kiev, Forza nuova con Putin

Derby nero in Ucraina: Casapound con Kiev, Forza nuova con Putin

La complicata situazione ucraina spacca in due il fronte nero europeo mostrando di quali capriole e equilibrismi siano capaci i fascisti quando cercano di ingraziarsi un nuovo padrone

di Fiorenza Rossa

1472797_10202488260468522_451695334_n

Casapound sulla vicenda ucraina ha avuto una linea “coerente”: pro Kiev e quindi Pro-Ue fin dall’inizio della vicenda, tolto il “piccolo problema” che in Italia invece Casapound è anti-Ue.

Di Casapound sappiamo che ci sono stretti contatti con Settore Destro con il quale ci sono stati anche incontri a Roma e persino invio di camerati e combattenti: da Zippo camerata famoso per aver pestato dei militanti del Pd, a Francesco Saverio Fontana, arruolatosi nella squadraccia nera che è il battaglione Azov (famoso per la brutalità con cui opera contro la popolazione civile del Donbass) e tornato di recente in Italia, già in giro a fare propaganda pro nazi col gagliardetto del battaglione in bella vista [1].

Più interessante invece la situazione di Forza Nuova: se in un primo momento FN riscontrava gli stessi problemi di Casapound, ovvero uno schieramento pro Ue sulla situazione Ucraina e anti Ue in Italia, oggi il partito di Roberto Fiore ha fatto il “salto della quaglia” passando dal fronte nero pro Ue al fronte nero pro Putin. Che della cosa se ne vergognino un po’ è dimostrato dal fatto che dal sito di Forza Nuova sono spariti gli articoli di rivendicazione degli incontri con Svoboda (salvo che i camerati si son dimenticati di togliere i link: ad esempio http://www.forzanuova.org/comunicati/europa-delegazione-di-fn-incontra-rappresentanti-di-svoboda-kiev oppure questa commovente lettera del segretario Roberto Fiore ai camerati di Svoboda, http://www.robertofiore.net/comunicati/lettera-aperta-al-partito-svodoba-ucraina).

Così Forza Nuova, per accreditarsi nel nuovo fronte internazionale nero di cui ha deciso di fare parte, ha già cominciato a mandare i suoi pezzi migliori sul terreno di guerra. E così spunta il “mistero” [2] di Andrea Palmeri, lucchese, trentacinquenne, che sparisce in luglio e riappare direttamente in Ucraina [3].

Andrea Palmeri a Lucca è famoso: è capo di un gruppo ultras fascista, i Bulldog, famosi per aver fatto piazza pulita allo stadio di ogni traccia di colore rosso a suon di sprangate e scazzottate [4], culminati nel pestaggio e nell’accoltellamento, nel 2007, di Emanuele Pardini, compagno del CSA Cantiere resistente. Le scorribande con cui i Bulldog di Palmeri tentano di costruire il “terrore nero” escono anche fuori dallo stadio e finiscono in pub e birrerie: due anni fa Sasha Lazzerini, avventore di un pub, finisce pestato a sangue. Cento punti di sutura solo in faccia e un occhio perso [5].

Di un episodio di pestaggio in birreria si fa protagonista lo stesso Palmeri, che colpisce dritto al volto, con un anello a forma di piramide, Stefano Benassi, 34 anni, colpevole di essere vestito troppo da “comunista”: versamento di sangue al cervello, zigomo fratturato, trauma alla zona oculare e sopraccigliare [6] [7].

Così Palmeri finisce per avere una situazione penale piuttosto difficile, più da rissaiolo di strada che da camerata impegnato in attività politica: “Diverso invece il discorso che riguarda Andrea Palmeri. Alla condanna in secondo grado a 5 anni e mezzo potrebbero aggiungersi nel giro di uno-due anni altre condanne definitive. Per esempio è attesa la sentenza di secondo grado per l’aggressione in città ai danni di una quarantenne raggiunta da un pugno al volto sferratole dal ‘Generalissimo’ e che le procurò la frattura della mascella con una prognosi superiore ai 40 giorni. L’episodio avvenne il 19 luglio 2008 in Corso Garibaldi e l’ex capo dei Bulldog venne condannato in tribunale a 20 mesi di reclusione. Per non parlare dell’altro pestaggio – quello al cameriere fuori dal pub l’Ottavo Nano – costato a Palmeri 88 giorni di carcerazione preventiva. È probabilmente l’unico dei Bulldog a rischiare nuovamente l’arresto per il cumulo delle pena” [8].

Al momento della scomparsa quindi Palmeri era sottoposto a regime di vigilanza e all’obbligo di dimora, cosa che sicuramente appare strana e che ci mostra due pesi e due misure usati dalle forze dell’ordine secondo il coloro politico di chi li sta di fronte: se da un lato Davide Rosci (un antifascista teramano) viene ricondotto in carcere perchè, sbagliando giorno, “evade” dai domiciliari convinto di dover andare a lavoro [9]; dall’altro Andrea Palmeri, che sottoposto alla sorveglianza speciale riesce a sparire e ad arrivare addirittura nel Donbass.

La rivendicazione della sua entrata nelle Milizie popolari della Novorossija, ora “Esercito popolare”, appare sul suo account Facebook e su vari siti di informazione sull’estrema destra [10].

Ovviamente Palmeri e Forza Nuova sanno benissimo che è difficile, se non impossibile, andare in giro a suon di saluti romani, celtiche e svastiche in una zona dove l’antifascismo è viscerale, profondo, una pregiudiziale perchè tutti hanno bene impressa nella memoria la fatica immensa che fu la Grande Guerra Patriottica e mostrano fieri il nastro di San Giorgio.

Così è plausibile pensare che Palmeri all’esercito del Donbass non la stia raccontando tutta. Infatti si approccia alla vicenda con un chiaro orientamento comunitarista-rossobrunista: dichiara egli stesso che in questa vicenda comunismo e fascismo non c’entrano ormai più nulla, ma che le forze antisistema devono unirsi in un ampio fronte anti Usa, retorica cara ai rossobruni nostrani e in Russia ben difesa da Dugin e i suoi accoliti ultranazionalisti. Sono proprio gli ucraini vicini a Dugin a ringraziare i “camerati italiani” che si sono arruolati, come si può leggere direttamente dal profilo Facebook di Gubarev, ex capo della milizia del Donbass [11].

Sicuramente qualcuno userà questa vicenda per diffamare ulteriormente la Resistenza del Donbass, togliendo valore al sangue versato da quel popolo per la propria libertà contro l’aggressione imperialista di USA, UE e NATO. Invece questa vicenda rende chiari almeno due passaggi, che vanno sfruttati correttamente. Il primo fattore è sicuramente il fatto che, per l’ennesima volta, i fascisti dimostrano di non avere nessuna ideologia coerente, ma di essere solo bravi a vendersi al miglior padrone. Il secondo fattore è che, anche quando decidono di partecipare a qualsiasi mobilitazione, sono ancora costretti a farlo in maniera subdola, perchè continuano, fortunatamente, ad essere impresentabili sia come singoli che come organizzazioni politiche. Denunciare questa presenza non significa quindi minare il valore della Resistenza del Donbass, ma rappresenta sicuramente l’ennesima possibilità di screditare i tentativi d’infiltrazione nonché un reale sostegno alla sinistra di classe che può così essere più incisiva nella critica ai nazionalisti del Donbass.

In una situazione così complicata, infatti, se il nostro messaggio politico principale deve essere il pieno sostegno al fronte di resistenza, occorre allo stesso tempo cercare di sostenere il più possibile la sinistra di classe presente all’interno di quel fronte, come l’organizzazione Borotba [www.borotba.org e http://ukraineantifascistsolidarity.wordpress.com/]. Nel nostro piccolo e a distanza, ciò significa anche vigilare sui fascisti nostrani e mettere a conoscenza i compagni ucraini dei loro movimenti. Così come abbiamo già denunciato il rossobrunissimo “coordinamento solidale per il Donbass” di Napoli [12] e l’altrettanto rossobruna (ma sarebbe meglio definire fascista) associazione Millennium [12], così oggi non ci esimiamo dal denunciare la presenza di Palmeri e i tentativi di infiltrazione di Forza Nuova in una lotta di resistenza che ha nell’antifascismo una direttrice storica e politica fortissima.

[1]http://www.popoffquotidiano.it/2014/09/16/il-legionario-fontana-partecipa-a-una-manifestazione-pro-kiev-a-milano/

[2] http://www.lanazione.it/lucca/palmeri-scappa-da-un-mese-non-si-trova-pi%C3%B9-1.15146

http://iltirreno.gelocal.it/lucca/cronaca/2014/07/04/news/andrea-palmeri-e-uccel-di-bosco-non-si-trova-piu-da-un-mese-1.9533117

[3] http://www.fascinazione.info/2014/09/andrea-palmeri-da-lucca-al-donbass-per.html

[4] http://www.ilpost.it/2010/06/03/il-branco-che-insanguina-lucca/

[5] http://www.lanazione.it//lucca/cronaca/2010/05/18/333373-aggressione_choc.shtml

[6] http://www.loschermo.it/articoli/view/51266

[7] http://www.loschermo.it/articoli/view/51134

[8] http://iltirreno.gelocal.it/lucca/cronaca/2014/01/25/news/bulldog-provata-l-associazione-adesso-palmeri-rischia-l-arresto-1.8539609[9]http://osservatoriorepressione.blogspot.it/2013/02/15ottobre-la-persecuzione-continua.html

[10] http://www.fascinazione.info/2014/09/andrea-palmeri-da-lucca-al-donbass-per.html

[11] https://www.facebook.com/pgubarev/posts/941742882519124

[12] http://contropiano.org/articoli/item/26114

[13] http://contropiano.org/politica/item/24603-la-resistenza-nel-donbass-e-i-nerissimi-rossobruni-di-millenium?highlight=YToxOntpOjA7czoxMDoibWlsbGVubml1bSI7fQ==

Related posts

9 Comments

  1. ugo maria tassinari

    La nota numero 10 contiene una preposizione sbagliata. Fascinazione non è un sito “di” estrema destra” ma sull’estrema destra, essendo curato dal sottoscritto. Vogliate cortesemente correggere…

    Reply
  2. VomaM

    Limitare lo scontro in Ucraina a “resistenza del Donbass” vs NATO-UE-USA è riduttivo. Essendo tale resistenza del Donbass finanziata totalmente da Putin. L’ammirazione di FN per la Russia di Putin non è certo una novità.
    Il fatto che poi Fiore abbia partecipato ad un’importante conferenza sulla situazione in Crimea a Yalta, insieme ad altri partiti dell’estrema destra europea, e dopo qualche giorno ad una nuova conferenza a Mosca ne è una dimostrazione.
    Semmai a peccare di coerenza in questa situazione sono: 1) gli antifascisti russi che combattono con le armi di Putin 2) tale “battaglione Azov” che combatte per un’ Ucarina indipendente da Russia e UE con gli m4 americani 3) i compagni nostrani che evidentemente non hanno il coraggio di esprimersi pubblicamente (e pubblicamente non vuol dire prendere posizione su siti interni alla loro area) perchè appunto non saprebbero come giustificare il fatto che forse lo stesso Putin anti-immigrazione anti gay ecc ecc sia meglio di Obama.
    Di certo non FN che era con Putin cinque anni fa ed è con Putin anche adesso.
    PS: nella resistenza del Donbass, ci sono numerosissimi volontari Serbi. Ultranazionalisti e per niente antifascisti.

    Reply
    1. Fiorenza

      FN coerente?!? Leggiti la letterina di Fiore a “Svodoba” (sic!), ‘ste fogne non sanno neppure scrivere i nomi dei partiti fogna come loro, http://www.robertofiore.net/comunicati/lettera-aperta-al-partito-svodoba-ucraina . I “compagni nostrani”, non tutti purtroppo, hanno talmente tanto il coraggio di esprimere pubblicamente il loro supporto alla resistenza nel Donbass che in molti ci stanno pure andando con una carovana antifascista che parte il 25 settembre e che ha raccolto più di 13 mila euro da donare alla resistenza, http://www.becrowdy.com/en/banda-bassotti-no-pasaran. Non si nasconde la presenza di nazionalisti e ultraortodossi nella resistenza, e neppure si nasconde l’importante (anche se spesso esagerato dai media occidentali) appoggio della Russia di Putin alla resistenza, ma ciò non cambia di una virgola il fatto che ogni sincero antimperialista dovrebbe oggi sostenere la resistenza nel Donbass in quanto resistenza popolare ad una aggressione spalleggiata dalle più potenti forze imperialiste mondiali (USA e UE). Non appoggiarla sarebbe stato come non appoggiare la resistenza partigiana perché al suo interno c’erano democristiani, monarchici e liberali e perché sostenuta da americani e britannici.

      Reply
  3. Giovanni

    Io penso che ricondurre ciò che sta succedendo nel Donbass allo scontro di fascismo contro comunismo, vuol dire non capire nulla della storia degli ultimi 20 anni. Qui si sta avviando la III guerra mondiale tra una visione del mondo anglosassone ed una’altra parte del mondo che non accetta i dictat di quell’elit mondialista. E’ uno scontro di civiltà e di democrazia, dal quale sorgerà un nuovo ordine mondiale sperando che non sia quello agognato dall’occidente e cioè la dittatura del capitale tenuto da pochi contro la schiavitù dei molti poveri. Penso inoltre che la posizione di Casa Pound sia sbagliata perchè identificare le posizioni del settore destro ucraino con le posizioni della destra sociale sia un errore madornale in quanto anche il fascismo, meglio chiamato socialnazionalismo, in Italia era nato quale forza anticapitalista. Il settore destro assieme a svoboda sono solo delle escrescenze putrescenti riesumate alla bisogna dalle oligarchie usurocratiche internazionali per essere utilizzate contro la Russia, come le stesse oligarchie del passato utilizzarono prima Napoleone e poi Hitler senza però riuscire nell’intento.
    Ricordo la famosa impostazione politica di Lienin quando usava il termine “gli utili idioti”. In ogni periodo storico sempre le elit riescono a trovaro degli “utili idioti” da utilizzare a buon mercato per i loro fini strategici utilizzando le varie ideologie che lor signori hanno inventato per oscurare la mente delle masse e usarle come fanno i burattinai con i burattini.
    In Italia, in questo momento, possiamo vedere questi burattini nostrani agire a capo del governo, forse pensando che quello che fanno sia farina del loro sacco.

    Reply
    1. Fiorenza

      Noi non stiamo riconducendo tutto a fascismo vs. comunismo come l’articolo mostra già in modo evidente. Ma a te quella contrapposizione interessa tanto perché probabilmente sei il solito comunitarista che proprio sul superamento di quella, per nulla superata, contrapposizione cerca di legittimare il proprio (al quanto nebuloso e contraddittorio) discorso politico. Di voi e del vostro interesse verso la resistenza del Donbass s’è già scritto ampiamente qua, http://contropiano.org/politica/item/24603-la-resistenza-nel-donbass-e-i-nerissimi-rossobruni-di-millenium

      Reply
  4. Paolo Galante

    Gli USA e l’ UE, suo scagnozzo, stanno per scatenare la 3 guerra mondiale e voi siete ancora fermi alle cazzate del fascismo e antifascismo. Io, pur essendo comunista,giudico dai fatti; non sono ideologizzato come voi, sono un libero pensatore. Chi ha il coraggio di andare a combattere contro la Nato è uno disposto a pagare con la vita per le proprie idee. Uno del genere si chiama eroe, e tale reputo Andrea Palmeri, anche se nel passato può aver commesso azioni riprovevoli. Voi, piuttosto, infangandolo mi fate venire il sospetto di essere al soldo dell’imperialismo Nato. Vergogna!

    Reply
    1. Checchino Antonini

      meno male che esistono fini analisti come te, persone eticamente orientate capaci di capire i reali rapporti di forza e di smascherare i pennivendoli come noi, la nato ha i millenni contati grazie allo ione dell’acqua lete che si agita nel vano dove di solito viene installato il cervello

      Reply
  5. daniele

    PALMERI non e’ di “forza nuova” ne lo e’ mai stato e’ si certo fascista dichiarato ma non ha mai fatto parte di fn inteso come miltante di tale partito Siete molto male informati ;

    Reply
  6. Linus il ribelle

    Che alla fine quello che conta veramente è il valore del soldato in guerra . Il resto è altro…..buona continuazione

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.