5.7 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
5.7 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureHenri Cartier Bresson, l’occhio del secolo breve

Henri Cartier Bresson, l’occhio del secolo breve

Henri Cartier Bresson, fino al 6 gennaio 2015 al Museo dell’Ara Pacis di Roma. Popoff è stato alla presentazione della mostra

di Maurizio Zuccari

1 henri-cartier-bresson-hyeres-france-1932-bicycle-blur-spiral-staircase
Henri Cartier Bresson, Hyères. Francia, 1932 © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos-Courtesy Fondation HCB

Chissà cosa si prova ad amare alla prima occhiata qualcosa, farne la propria ragione di vita, e poi bandirla per sempre dalla propria esistenza. Chissà cos’ha provato Henri Cartier Bresson a essere uno dei più grandi fotografi di sempre, oltre che del XX secolo, fin dal primo momento in cui ha visto e posseduto una Leica, nel 1932, a 24 anni, e a non voler più toccare il tasto di una reflex negli ultimi trent’anni della propria lunga esistenza, se non per qualche scatto privato. L’occhio del secolo breve, il teorico dell’istante fatale o, più semplicemente, Hcb per gli addetti ai lavori, scompariva dieci anni fa dalle scene del mondo, nell’agosto del 2004, dopo aver abbandonato la macchina fotografica per tornare agli acquerelli, alla pittura come suo padre, pittore di qualche vaglia. Un ritorno alle origini.

 

Così il mostro sacro s’acconciò a passare gli anni della maturità a scarabocchiare l’ossario al Museo nazionale, a ritrarsi da vecchio di là dai vetri d’una finestra, rughe e occhi velati a tratteggiare la propria decadenza. La fotografia è l’impulso di un istante che si fa eterno, il disegno la coscienza colta in quell’istante: un gesto di meditazione, amava dire Hcb nelle rade interviste del periodo. Forse cercava questo, nei suoi disegni: meditare su cos’era stato e più non era, una nuova coscienza del proprio essere. Sono domande, queste, che il visitatore si pone come il viandante di Vittorini con le scarpe sfondate nella pioggia, fanno andare senza un dove e perché, nella mostra-monstre che dal Centre Pompidou è sbarcata all’Ara Pacis. La maggiore retrospettiva europea mai realizzata per il decennale della scomparsa che da Parigi giunge a Roma, ed è l’evento d’autunno.

 

Cinquecento tra foto e disegni sono tanta roba, forse troppa, quando in quegli scatti è il mondo e la sua storia recente a riflettersi negli occhi di chi l’ha attraversata e documentata. E con essa è il vissuto del fotografo, il suo privato a svelarsi. Tutta la sua carriera è lì, in quegli scatti fatali come l’istante che colgono, arcinoti anche a chi del suo autore ignora tutto, pure il nome. Che siano i grandi momenti della Storia con la esse maiuscola – come lo schiaffo dato alla collaborazionista di Vichy nel tribunale popolare, il grumo d’umani sull’albero stento che spicca nella fiumana dei presenti al funerale di Gandhi – o della storia privata – quali l’uomo sorpreso nell’atto di sbirciare da una tenda, l’altro che salta da una pozzanghera, o il ciclista in corsa giù per le scale d’Hyères – sono carrellate d’eternità, scatti capaci d’immortalare in un gesto l’uomo in quanto tale, ancor prima dell’umanità del Novecento.

Dagli amori per le posture surrealiste decantate da Breton agli orrori della guerra civile spagnola vissuta da militante comunista, come pure ai reportage sociali per l’Humanité di Aragon, dalla Seconda guerra mondiale vissuta da resistente ai conflitti degli anni Cinquanta e Sessanta, reporter d’eccezione per la Magnum, da lui cofondata, Cartier Bresson ha attraversato ogni crocevia del mondo per virare, negli anni Settanta, verso l’intimismo prima del definitivo abbandono. Preludio alla fine di un grande amore e distacco dal proprio tempo, al rinchiudersi in sé. Curata da Clément Chéroux – suo anche il bel catalogo Contrasto – storico della fotografia e curatore Musée national d’art moderne che si è avvalso del grande archivio di famiglia alla fondazione Cartier Bresson, l’esposizione giunta dal Pompidou è tanta roba, ma non può fare luce anche su questo, sulle zone d’ombra del fotografo francese. Henri Cartier Bresson, fino al 6 gennaio 2015, Museo dell’Ara Pacis, Roma.

[Questo articolo è leggibile anche sul blog dell’autore http://www.mauriziozuccari.net/it/henri-cartier-bresson-locchio-del-secolo-breve/]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi