20.1 C
Rome
venerdì 24 Maggio 2024
20.1 C
Rome
venerdì 24 Maggio 2024
HomecultureMorto René Burri, fotografò il Che che fuma il sigaro

Morto René Burri, fotografò il Che che fuma il sigaro

Reporter della Magnum, divenne famoso per una foto al Che, ma la sua collezione raccoglie 30.000 scatti, ritratti di guerra, artisti, politici, gente comune e paesaggi

di Mirna Cortese

E’ morto lunedì scorso René Burri, il fotografo svizzero che immortalò il Che in una delle sue pose più famose, mentre fumava un habano con lo sguardo oltre, ma anche colui che a soli 13 anni immortalò Winston Churchill in visita in Svizzera.

La notizia è stata data dall’agenzia Magnum di cui Burri era membro dal 1959. Aveva 81 anni ed è morto nella sua casa di Zurigo dopo una lunga malattia. La passione e il lavoro di fotogiornalista lo portarono a seguire, fin dagli anni ’50, la Guerra di Corea, gli albori della rivoluzione cubana e la Guerra del Vietnam.

Sotto certi aspetti l’essere diventato famoso per la foto al Che ha un po’ “oscurato” la grandezza del suo lavoro: una collezione di 30.000 scatti che René Burri ha consegnato, poco prima di morire, al Museo dell’Eliseo di Losanna.

Burri studiò nella Scuola di arti applicate di Zurigo, durante il servizio militare inizia ad usare una Leica. Dopo un primo periodo dedicato al cinema, nel 1955 entrò come associato alla Magnum iniziando una carriera che gli portò numerosi riconoscimenti internazionali. Il suo primo reportage lo dedicò alle menomazioni infantili: Touch of music for the Deaf (Tocco di musica per sordi), pubblicato sulla rivista Life.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Putin non si è mai impegnato a “denazificare” la Russia

Al di là della retorica putiniana l'estrema destra russa non è preoccupata, almeno finché serve al governo [Nicolas Lebourg]

L’esercito francese addestra i neonazisti ucraini

Un'inchiesta rivela che gli eredi del famigerato Reggimento Azov si allenano in Francia [Sébastien Bourdon]

Sollievo temporaneo per Assange

Nessuna garanzia Usa di giusto processo: la Corte Suprema britannica concede ad Assange il ricorso contro la sua imminente estradizione [Tariq Alì]

Prima di leggere l’ultimo, postumo, di Garcia Marquez

La recensione di The Nation dell'ultima opera di narrativa di Gabriel García Márquez [Nicolás Medina Mora]

7 ottobre: il giornalismo come arma contro la distorsione e l’oblio

La stampa e le commissioni d'inchiesta hanno cercato di ricostruire gli eventi, lontano da fake news e propaganda [Rachida El Azzouzi]