19.8 C
Rome
mercoledì 17 Aprile 2024
19.8 C
Rome
mercoledì 17 Aprile 2024
HomecultureSesso in cambio di ospitalità. 18 secondi per capire una bufala

Sesso in cambio di ospitalità. 18 secondi per capire una bufala

Ma c’hanno creduto i soliti Libero, Panorama, Il Messaggero – tanto per dire – e perfino Il Fatto. Un blogger li ridicolizza: in 18 secondi avrebbero capito che era una bufala

di Ercole Olmi

china-1_3087296b

“Sesso in cambio di ospitalità”: Il Fatto quotidiano (http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/11/01/sesso-in-cambio-ospitalita-dalla-cina-19enne-ju-peng-lancia-bedsurfing/1184474/), Panorama, LiberoQuotidiano, Unione Sarda.it, il Messaggero, il Tempo, TgCom hanno rivelato pochissimi giorni fa, la storia di una diciannovvenne cinese, Ju Peng, che su weibo (il twitter cinese) annuncia di voler fare il giro del mondo e di offrire una notte di sesso a chi sia disposto a ospitarla. E’ il “bedsurfing”, secondo gli informatissimi organi sopra citati.

Bene, sono bastati 18 secondi a chi gestisce il blog http://www.nonmiricordo.com per capire che si tratta di una bufala. Ecco una parte del suo racconto: «Così, stancamente, ho provato a fare il lavoro che dovrebbe fare qualsiasi giornalista. Ho inserito la foto su google immagini (lo sapete, vero, che inserendo una foto si possono cercare tutte le corrispondenze della stessa immagine sull’intero web? Vero che lo sapete?) e … indovinate un po’? (rullo di tamburi) … È una bufala! E attenzione, A T T E N Z I O N E… vi dirò di più: nel resto del mondo lo sanno già. “Chinese girl offering sex to pay for travel is a hoax” titolava il Telegraph DUE GIORNI FA (http://www.telegraph.co.uk/women/womens-life/11197583/Chinese-girl-offering-sex-to-pay-for-travels-is-a-hoax.html). La bufala è stata infatti creata -come spesso accade di questi tempi- per promuovere un’applicazione per il telefonino che si chiama Youjia, una sorta di clone di Tinder.

Per scoprirlo io ho impiegato ben 18 secondi, senza muovermi dalla mia scrivania. In Italia, invece, si continua a discutere sulla dubbia moralità della giovane cinese. In Italia, oggi, 1 novembre 2014, ci sono testate nazionali che continuano a proporci questa notizia come vera. Certo, direte voi, per scoprirlo c’è bisogno di essere dei grandi giornalisti… ah eh, e bisogna conoscere l’inglese. E saper usare un motore di ricerca. Non è da tutti, lo so. Scusatemi se mi do delle arie, sono un ragazzo presuntuoso.

Quindi chi è la mignotta? Ju Peng o il giornalismo italiano? A voi le restanti considerazioni in merito».

Chapeau!

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano

Il malgusto ai tempi del consumo

Food porn, oltre la satira del cibo spazzatura: Andrea Martella torna in scena con Hangar Duchamp

Perché Israele uccide i giornalisti

Intervista a Haggaï Matar, direttore dei media israelo-palestinesi autori di un'inchiesta shock sull'uso dell'intelligenza artificiale per uccidere civili a Gaza Rachida El Azzouzi]

Il marchese del Grillo in salsa mediorientale

Eccidio di cooperanti a Gaza e bombe su Damasco, Netanyahu cerca di allargare il conflitto fidando nello strabismo degli alleati