8.9 C
Rome
mercoledì 21 Febbraio 2024
8.9 C
Rome
mercoledì 21 Febbraio 2024
HomecultureAddio a Mike Nichols, regista de Il laureato

Addio a Mike Nichols, regista de Il laureato

È morto a 83 anni uno dei registi che ha segnato la storia del cinema e che ha fatto della qualità il centro della sua filmografia. Popoff lo ricorda così

di Giorgia Pietropaoli

mikenichols

«Ma per Dio, Signora Robinson, voi mi avete fatto entrare in casa vostra. Mi avete dato da bere. Avete messo su un disco, ora state cominciando a rendermi parte della vostra vita privata e mi dite che vostro marito torna tardi… Signora Robinson voi state cercando di sedurmi, non è così?».
Era il 1967, il film era Il laureato, secondo lungometraggio di un regista che, con quella pellicola, avrebbe vinto un Oscar l’anno successivo: Mike Nichols.
Mike Nichols è morto ieri, a ottantatré anni, lasciando, a noi che rimaniamo, film di qualità che hanno cambiato la storia del cinema. Film che hanno preso attori sconosciuti e li hanno resi celebri, film che sono diventati oggetti di culto per schiere di cinefili e per intere generazioni.

«Non ho mai capito le persone che dividono i drammi e le commedie, ci sono più risate in Amleto che in molte commedie di Broadway». Raccontava così il suo punto di vista sul cinema nel 2004 in un’intervista ad Associated Press.
Nato in Germania nel 1931 da una famiglia di origini ebraiche, emigrò negli Stati Uniti nel 1939 con la promulgazione delle leggi razziali. A New York entrò nell’Actor’s Studio e negli anni cinquanta curò, a Broadway, la regia di alcune commedie pervase da elementi critica e satira sociale, tipici ingredienti che inserirà in molti suoi film. In “tarda età” (aveva trentacinque anni), si dedicò al cinema e iniziò la sua carriera con il magnifico Chi ha paura di Virginia Woolf?.
Da lì in poi la sua carriera sarà ricca di riconoscimenti e, soprattutto, costruita su film versatili e innovativi.

«Un regista può far accadere una pièce davanti ai tuoi occhi facendoti sentire parte di essa ed essa parte di te. Se lo si fa bene, non c’è mistero. Non c’è niente di misterioso, è la nostra vita».
Lo ricordiamo così, con le sue pièce, i suoi film che sono anche la sua vita. E un po’ anche la nostra.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio  

L’amore ci salverà. Oppure no

Come gli uccelli  del franco-libanese Wajdi Mouawad per la regia di Marco Lorenzi in scena a Genova

Qual è la storia della parola fascismo negli Stati Uniti?

I mutevoli significati del termine "fascista" e come, nel corso degli anni, abbia gradualmente perso la sua coerenza [Richard J.Evans]