9 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
9 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
Home culture Le proteste inondano le strade messicane

Le proteste inondano le strade messicane

Chiedono giustizia per il massacro degli studenti di Ayotzinapa. Le truppe antisommossa reprimono la rabbia popolare a suon di manganelli e lacrimogeni

Migliaia di messicani indignati per scomparsa e il quasi sicuro massacro dei 43 studenti della Escuela Normal Rural de Ayotzinapa a Iguala, hanno attraversato questa mattina le strade di Città del Messico e di molte altre città del paese urlando al presidente Enrique Peña Nieto di dimettersi.

Esigono “verità e giustizia” i manifestanti, ma maggior parte vestiti di nero in segno di lutto, partiti da tre distinti punti della capitale messicana per dirigersi verso la Plaza de Zocalo, di fronte al Palacio Nacional, sede del Ministero delle Finanze e di alcune delle attività del governo presieduto da Enrique Peña Nieto.

A guidare i tre cortei i genitori degli studenti per ora ritenuti solo scomparsi, perché dai resti bruciati nella discarica di Cocula e poi gettati nel fiume San Juan dove sono stati ritrovati la settimana scorsa, non è stato ancora possibile risalire alle identità, sono in corso le prove del Dna.

Oltre Città del Messico, proteste sono state organizzate anche nel Guerrero, stato dopo i giovani sono scomparsi, in Oaxaca, in Chihuahua, a Guadalajara e a Cuernavaca; quasi ovunque la rabbia dei manifestanti è esplosa e si è scontrata con la repressione delle truppe antisommossa, nel giorno in cui la Rivoluzione messicana ha compiuto 104 anni.

Nel video che segue lo sgombero violento dei manifestanti da Plaza de Zocalo

In mattinata le proteste hanno bloccato le vie principali di Città del Messico e l’accesso all’aeroporto. La polizia è intervenuta duramente per disperdere i manifestanti.

Nella capitale altri gruppi hanno tentato l’accesso al Palacion Nacional ma sono stati respinti da lacrimogeni e manganali, scene già viste la settimana scorsa.

Man mano che l’indagine va avanti, diventano sempre più evidenti connivenze tra la politica (il sindaco di Iguala), narcotrafficanti e paramilitari. I 43 studenti desaparecidos a Iguala avevano osato denunciare e protestare contro queste connivenze. Non sarà facile far tornare la pace in Messico perché, come urlano dalle piazze “Se non c’è giustizia per il popolo, non ci sarà pace per il governo”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]