10.9 C
Rome
domenica 17 Ottobre 2021
10.9 C
Rome
domenica 17 Ottobre 2021
Homecronache socialiRoma, vigilia di Natale di lotta per il “mondo di sotto"

Roma, vigilia di Natale di lotta per il “mondo di sotto”

A rischio i servizi per i bambini detenuti e alcuni centri d’accoglienza. I lavoratori della coop 29 giugno occupano l’assessorato alle politiche sociali del Campidoglio

di Francesco Ruggeri

bambino_carcere_530

I lavoratori della Coop 29 giugno, sostenuti dall’Unione Sindacale di Base, hanno da poco occupato l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Roma, sito in viale Manzoni 55.

La protesta era partita ieri al diffondersi della notizia che il V Dipartimento di Roma Capitale intenderebbe chiudere i centri d’accoglienza “Castel Verde”, destinato ai senza fissa dimora, e “La casa di Elettra”, dove si offre riparo a madri con bambini, gestiti dalla cooperativa ABC, attualmente commissariata, in subappalto dalla Eriches 29, del gruppo 29 Giugno. Da ieri i due centri d’accoglienza sono occupati da una ventina di lavoratori e 60 utenti.
La protesta proseguirà ad oltranza e l’USB ha immediatamente richiesto un incontro al Sindaco Marino, al Vice Sindaco Nieri e all’assessore alle Politiche Sociali, Francesca Danese (che si sta recando sul luogo), chiedendo che si vada in proroga dell’appalto in corso al fine di tutelare lavoratori e utenti.

“Dal 1 gennaio se non trovano delle soluzioni salteranno i servizi essenziali rivolti ai detenuti che il comune da oltre 15 anni finanzia e si tratta del pulman che ogni sabato fa uscire dal carcere i bambini da 0 a 3 anni detenuti con le madri, la ludoteca di Regina Colei dove vengono accolti i figli dei detenuti, le case di accoglienza e molti altri servizi. Tutto questo perché in assestamento di bilancio nessuno ha previsto i fondi necessari che ora devono trovare da altra parte, come presidente della consulta carceri del comune ho interessato il sindaco, la neo assessora, i capigruppo….non vorremmo che le colpe degli altri ricadano su di noi e sui detenuti”, ha scritto ieri sera Lillo De Mauro a Popoff. [segue]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...

Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]

E il salario minimo vinse il Nobel per l’Economia

Nobel per l'economia a tre ricercatori tra cui David Card che ha sbugiardato la teoria che il salario minimo danneggi l'occupazione [Romaric Godin]

Forza Nuova e l’eterno derby con Casapound

Forza Nuova sempre più violenta per contendere l'egemonia a destra a Casapound. Fino all'assalto alla Cgil [Saverio Ferrari]

Mimmo, una poesia

A Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, condannato per la sua umanità. Con rispetto e ammirazione [Ramon Haniotis]