21.9 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
21.9 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
HomecultureNiente Sanremo, la pantera sentiva Freak Antoni

Niente Sanremo, la pantera sentiva Freak Antoni

Di ricorrenze, di musica e di compagni

di Luca Ridolfi

10374503_10203609874068405_1381134331579657458_n

12 febbraio 1990. Roma, Architettura occupata.

Dopo mille assemblee, minacce di sgomberi, cortei, scazzi e riappacificazioni, organizziamo il Festival di San Scemo. E così, nell’aula magna strapiena di studenti di tutte le facoltà, guardie in incognito, musicisti improbabili, le prime band iniziano a suonare nel casino più totale. Gruppi improvvisati, amplificatori che saltano, gente che balla sul palco, corrente che va e viene: il conduttore – un ragazzo di lettere, mi pare – continua a dire “oh, Johnny Dorelli” – che quell’anno conduceva il San Remo Official – “sarebbe già scoppiato, io vado avanti come un treno”.

E allora si alternano rocchettari, jazzisti, primi rapper, per circa due ore. Ma, in verità, siamo tutti lì per loro, i fantastici, mitici, incredibili Skiantos. Non so chi e come li contattò: so che chiesero circa trecento mila lire per esibirsi – erano in cinque, eh – e che quando arrivarono furono molto cortesi e gentili con tutti, mettendosi a disposizione per millemila foto (che all’epoca non si chiamavano selfie) con chiunque passava. Salgono sul palco, Freak Antoni saluta con un “ciao, architetti”, e attaccano con “mi piaccion le sbarbine”.

Il clou si raggiunge durante ultimi due pezzi: avevamo riempito il bordo del palco con cassette di frutta e verdura marcia e a Freak si illuminano gli occhi. Inizia a raccogliere roba e a lanciarla verso il pubblico, strillando “pubblico di merdaaaaaaaa”; ed il suddetto pubblico, in estasi, ricambia. Ed è questa l’ultima immagine che ricordo degli Skiantos live: contenti come pazzi, divertiti e sudati, come tutti noi.

Da lì a un paio di mesi avremmo disoccupato; il ministro Ruberti, autore della riforma che contestavamo, sarebbe stato candidato dal PDS. A giugno, alcuni nostri coetanei sarebbero scesi di nuovo in piazza, a Firenze: per contestare la cessione di Baggio alla Juve.

E io, a venticinque anni di distanza, ricordo con affetto tutte le compagne e i compagni che erano lì, a occupare, a discutere di rivoluzione e di emendamenti alla legge, a ballare e a fumare, e a condividere l’idea che avremmo potuto migliorare, se non il mondo, almeno l’università; e con lo stesso affetto, a un anno dalla sua morte, ricordo Freak Antoni.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina