19.7 C
Rome
sabato 18 Maggio 2024
19.7 C
Rome
sabato 18 Maggio 2024
Homepadrini & padroniBotte al clochard dopo il comizio di Salvini

Botte al clochard dopo il comizio di Salvini

Roma, la denuncia a Popoff di un volontario: un ragazzo ospite di una casa famiglia è in ospedale pestato da quattro giovanissimi. Un senza dimora: «Che non lo sai? Sono stati i fascisti»

di Ercole Olmi

IMG_6661

Dove sta Andrea? I volontari della casa famiglia lo hanno cercato con apprensione perché non era rientrato a dormire sabato notte finché Roberto, trentacinquenne calabrese che dorme sotto certi portici a Trastevere, ha gelato le speranze dei volontari: «Che non lo sai, l’hanno pestato i fascisti!». Andrea, 48 anni, ospite di una casa famiglia, adesso è al San Camillo dopo essere stato pestato sabato notte pare da quattro cinque ragazzi «molto giovani», come ha spiegato un altro testimone, un rumeno che dorme a Santa Maria in Trastevere ha raccontato di essersi svegliato, alle 3 per forti rumori di bottiglie. «Ho visto che menavano, menavano menavano». Anche Ibrahim, albanse: «Gli hanno menato i fascisti». Andrea è in medicina d’urgenza con un trauma cranico facciale. Probabilmente dovrà subire un’operazione. A Roberto il calabrese è andata meglio, gli aggressori hanno “solo” trafugato e buttato via tutti i suoi vestiti e le coperte. Anche lui: «Mi hanno portato via tutto». Ma chi? «I fascisti». Il volontario non aveva mai sentito una cosa del genere. «E’ un contesto tutt’altro che politicizzato questo mondo». E’ allarme tra le associazioni di volontariato romano dopo questo episodio avvenuto la sera in cui, per il centro della Capitale, scorazzavano gruppi di ragazzotti reduci probabilmente dalla kermesse di Salvini e dei suoi alleati di Casapound. Stasera, nei “giri dei panini” delle associazioni, continuerà il monitoraggio per appurare evntuali altre vittime dei raid.

“Un gravissimo episodio di violenza e intolleranza ha sconvolto, nella notte tra sabato e domenica, la vita di una persona, ospite di una casa famiglia a Trastevere. Secondo alcuni testimoni sarebbe stato pestato da quattro-cinque persone, tutte molto giovani, che hanno seminato il panico tra altri senzadimora che trovano rifugio nel quartiere. Il ferito è ricoverato in un ospedale romano con un trauma facciale. Probabilmente dovrà subire un’operazione”.  Informata da uno dei volontari della casa famiglia, preoccupato dal mancato rientro dell’uomo, Francesca Danese, assessora di Roma Capitale alla Casa e alle Politiche sociali, denuncia il “clima di intolleranza che sta inquinando l’aria della nostra città. Sono in contatto con la direzione sanitaria dell’ospedale in cui è ricoverata questa persona e le farò visita per portarle la solidarietà e l’affetto dei romani per bene, quelli che non discriminano e che condannano i branchi violenti”.

Interpellata da alcuni giornalisti, la polizia prima ha negato il pestaggio: “solo un alterco verbale”. Poi una versione alternativa non meglio specificata di un testimone che avrebbe riconosciuto «l’accento straniero» degli aggressori. A che gioco gioca la questura? Un ruolo quasi mai neutrale.

 

 

 

 

 

roma, salvini, pestaggio, trastevere, volontario, casapound, cpi, fascisti, comizio, barbone, clochard, senzadimora

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Arci Roma, una festa per “fare rumore”

80 circoli, 4 giornate, dibattiti, laboratori e 22 spettacoli. Dal 30 Maggio al 2 Giugno la prima festa dei Circoli Arci della Capitale 

Di nuovo a Firenze. L’ex GKN parla a tuttз

A fianco del Collettivo di Fabbrica nella manifestazione nazionale del 18 maggio: “EX GKN: con tutta la dignità in corpo” [Franco Turigliatto]

Teatro. Segreti e ricordi, il puzzle di Bedos

Il viaggio di Victor prima assoluta a Genova, con repliche sino al 19 maggio, per poi iniziare una tournée nella prossima stagione

Ecco perché hanno arrestato Toti e un po’ di padroni della Liguria

L'ordinanza della Procura della Repubblica e della DDA che ha decapitato la Regione e il mondo degli affari genovesi

Che Palestina sarà dopo il genocidio

La migliore “soluzione” che potrebbe scaturire è peggiore di quella che esisteva prima [Gilbert Achcar*]