10.5 C
Rome
giovedì 20 Gennaio 2022
10.5 C
Rome
giovedì 20 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureSyriza deve fallire

Syriza deve fallire

Perché tanto accanimento contro le politiche di Syriza in Grecia? Dieci sintetiche risposte del sociologo e politologo brasiliano Emir Sader

di Emir Sader*

Pablo-Iglesias-y-Tsipras

Syriza deve fallire. Altrimenti come si potrà continuare a chiedere sacrifici a governi e popoli di altri paese europei, tra cui Spagna, Portogallo, Italia e Francia?

Syriza deve fallire. Altrimenti come mantenere le politiche di austerità sulle quale hanno giurato i governi dell’Unione Europea e le sue entità finanziarie?

Syriza deve fallire. Altrimenti come potrà il Fondo Monetario Internazionale continuare ad esigere, dai paesi che hanno firmato le sue carte d’intenti, che continuino a pagare le proprie quote e i rispettivi interessi?

Syriza deve fallire. Altrimenti come potranno gli altri paesi dell’UE continuare a dire ai propri popoli che non esistono alternative? Subire l’austerità oppure uscire dall’euro e subire un massacro globale!

Syriza deve fallire. Altrimenti gli spagnoli potrebbero credere che è possibile uscire dal bipartitismo e consegnare il paese alla guida di Podemos.

Syriza deve fallire. Altrimenti poi qualcuno potrebbe dire che ciò che stanno facendo paesi come Argentina, Brasile, Uruguay, Venezuela, Ecuador o Bolivia – cioè tentare di uscire dal modello neoliberista – potrebbe rappresentare una soluzione anche per l’Europa.

Syriza deve fallire. Altrimenti perderebbe terreno Angela Merkel e il suo discorso sull’inevitabilità dell’austerità, sul fatto che chi ha firmato deve pagare indipendentemente dai danni che ciò può provocare alle popolazioni dei paesi coinvolti.

Syriza deve fallire. Altrimenti apparirà un altro Alex Tsipras o un altro Pablo Iglesias a tradurre l’indignazione in nuove forze politiche, e ogni tornata elettorale sarà sempre più disperante per i partiti tradizionali.

Syriza deve fallire. Altrimenti sarà la fine dei: Non ci sono alternative – La storia è finita – Il Washington Consensus è inevitabile, ecc. ecc.

Syriza deve fallire. Per questo si devono demonizzare Syriza, Podemos e qualsiasi altra alternativa che appaia, prima che tutti e tutte si rendano conto che l’attuale mondo è inevitabile.

A meno che Syriza non fallisca.

*Brasiliano, laureato in sociologia e scienze politiche. Coordinatore del laboratorio di politiche pubbliche presso l’Università statale di Rio de Janeiro.
(Fonte ALAI- traduzione Marina Zenobio)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi