22 C
Rome
sabato 24 Luglio 2021
22 C
Rome
sabato 24 Luglio 2021
HomecultureDiyarbakir: attentato al comizio kurdo

Diyarbakir: attentato al comizio kurdo

4 morti e 300 feriti il primo bilancio di un attentato contro il comizio dell’Hdp a Diyarbakir,  capitale ufficiosa del Kurdistan turco

di Marina Zenobio

il raduno prima dell'attentato
il raduno prima dell’attentato

Poche ore fa, a meno di 2 giorni dall’apertura delle urne per le elezioni politiche in Turchia, che si terranno domenica prossima, due ordigni sono esplosi a Diyarbakir, capitale ufficiosa del Kurdistan turco, durante un raduno elettorale del Hdp (Partido Democratico dei Popoli) una formazione di sinistra e pro-kurda, a cui stavano partecipando almeno 100 mila persone.

Secondo le prime notizie le esplosioni avrebbero provocato 4 morti e il ferimento di almeno 300 persone. Le due bombe erano state collocate all’interno di un trasformatore e sono esplose a distanza di cinque minuti l’una dall’altra poco prima che il leader dell’Hdp, Selahattin Demirtas, iniziasse il suo comizio.

Contro l’Hdp centinaia di attentati

Nelle sue prime dichiarazione Demirtas ha richiamato alla calma i suoi sostenitori e non rispondere alle provocazioni: “La pace trionferà in questo paese, nonostante tutto” . Ma gli animi sono esasperati e nell’immediatezza di quello che ormai è di sicuro un attentato, si sono verificati scontri tra manifestanti kurdi e polizia turca. E gli animi sono esasperati anche perché in questo sud-est di Turchia, a maggioranza kurda, non è il primo attentato contro l’Hdp dall’inizio della campagna elettorale.

Nelle settimane precedenti le elezioni parlamentari in Turchia, l’Hdp ha subito circa 200 attacchi contro le sue sedi, due dei quali con pacchi bomba, che hanno provocato decine di ferite. Mercoledì scorso ignoti hanno sparato contro uno dei veicoli dalla campagna uccidendo l’autista, attivista dell’Hdp. Inoltre 43 simpatizzanti di nazionalità kurda sono stati arrestati “preventivamente” con l’accusa di voler provocare disturbi il giorno delle elezioni.

un ferito viene soccorso
un ferito viene soccorso

Sbarramento al 10% e riforma Erdogan a rischio

L’’Hdp, ritenuto dal governo di Erdogan l’erede del Pkk, ha il concreto obiettivo di essere il primo partito d’origine curda ad avere seggi in Parlamento. Nelle elezioni di domenica, infatti, la soglia di sbarramento è fissata al 10% e, secondo gli opinionisti, se l’Hdp riuscisse nell’impresa, otterrebbe una cinquantina di seggi rischiando di privare il partito del presidente Erdogan, l’Akp, dei 330 voti necessari per far passare una riforma costituzionale che rafforzerebbe ulteriormente nei suoi poteri l’attuale presidente.

il trasformatore elettrico che conteneva una delle due bombe
il trasformatore elettrico che conteneva una delle due bombe

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]

Genova, è ancora il giorno di Carlo

Vent'anni fa l'omicidio di Carlo Giuliani, ucciso da un carabiniere che non sarebbe mai stato processato. L'agenda dei movimenti parte a fianco dei licenziati della Gkn. A Napoli contro il G20

Così don Gallo festeggiò i suoi 73 anni

Il 18 luglio 2001 Andrea Gallo festeggiò a modo suo i suoi 73 anni. Il giorno appresso era in piazza a Genova

Genova, vent’anni dopo: da dove si ricomincia? L’assemblea in dirett...

Genova, domani 20 luglio tutti in piazza Alimonda. Oggi l'assemblea nazionale dei movimenti