12 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
12 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homein genereIsis e omofobia, tutto in una vignetta

Isis e omofobia, tutto in una vignetta

Una società che estende i diritti a tutti i cittadini è debole, questo il senso che sembrerebbe emergere da una vignetta di Alfio Krancic

Di Giuseppe Bozzo

 

krancicIl nemico è alle porte” è il titolo di una vignetta, apparsa da qualche giorno in rete e  firmata da Alfio Krancic, che presumibilmente collega gli attentati di matrice islamista avvenuti ieri in Francia e Tunisia con il riconoscimento dei matrimoni omosessuali operato dalla Corte Suprema statunitense.

Il disegno è abbastanza esplicativo: i terroristi dell’Isis approdano sulle coste occidentali  e si trovano davanti una serie di cartelli che indicano, in varie direzioni, matrimoni e adozioni gay, lgbt, gay pride e trans. “Faranno resistenza? Non credo..” si dicono i terroristi. Il significato è palese, la graduale apertura di diversi Paesi occidentali nei confronti dei matrimoni omosessuali è un chiaro segnale della decadenza di una civiltà, divenuta oramai debole, incapace di difendersi dagli attacchi di un nemico ritenuto alle nostre porte. Forse come la Francia, che nel 2013 ha legalizzato i matrimoni sessuali e ora vittima di una serie di attentati sanguinosi dall’inizio dell’anno.

È questo il senso? Di conseguenza, per combattere il terrorismo, basterebbe “sconfiggere” prima l’omosessualità, seguire l’esempio di alcuni Stati teocratici, o forse dello stesso Stato Islamico, dal quale i terroristi della vignetta partono per venire a conquistarci. Loro forti, noi deboli, parti di una società effemminata, verrebbe da dire guardando le caratteristiche di quell’enorme sedere che campeggia in primo piano, segno che l’omosessualità, per chi la rifiuta, è una caratteristica prettamente maschile. Indebolisce la società perché riduce gli uomini ad esseri “femminili”, inferiori per definizione, mentre la donna non viene nemmeno contemplata, ma al contrario ridotta, come nella migliore tradizione bigotta e oscurantista, a mera appendice del maschio, attore sociale di seconda fascia senza rilevanza alcuna all’interno della società.

Un pensiero che, nonostante le improbabili analisi sentite in questi giorni, è molto simile a quello espresso proprio al Family Day da Kiko Arguello, e che si ritrova, nuovamente, in alcuni Paesi del Golfo e nello Stato Islamico, dove la donna è inferiore e l’omosessuale è perseguitato. Ecco, vorremmo tranquillizzare l’eventuale lettore preoccupato: l’Italia per quanto riguarda i diritti degli omosessuali è ancora parecchio indietro rispetto agli altri Paesi. C’è ancora la possibilità di diventare “forti” come l’Isis e, a ben vedere, qualcuno sta già un bel pezzo avanti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La mappatura del nazi

Antifascist Europe , una mappa dei nazi-fascisti di tutta Europa, i loro collegamenti internazionali e le risorse finanziarie 

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri