17.6 C
Rome
martedì 30 Novembre 2021
17.6 C
Rome
martedì 30 Novembre 2021
Homepadrini & padroniStrage di Bologna, ricordare per cambiare

Strage di Bologna, ricordare per cambiare

Bologna 2 agosto 1980: Le vite perdute sono vite che appartengono a tutti noi. Il lavoro della memoria non è, e non deve essere, solo un atto di conoscenza ma di cambiamento sociale 

di MariaLuisa Menegatto e Adriano Zamperini*

11215712_1074833025862068_2023082016615560190_n

L’Italia è un Paese caratterizzato da innumerevoli ferite aperte. Ferite mai rimarginate e che incrinano l’unità del nostro Paese. Le vite perdute sono vite che appartengono a tutti noi. Sono morti che godono di cittadinanza nella memoria collettiva. La pratica del ricordare è un legame che genera legami. Che connette gli individui gli uni agli altri, che orienta in un comune sguardo gli atteggiamenti e informa il modo di guardare al futuro. Pertanto il lavoro della memoria non è, e non deve essere, solo un atto di conoscenza ma di cambiamento sociale.

*Adriano Zamperini è professore di Psicologia sociale e di Relazioni interpersonali presso l’Università degli Studi di Padova.

Marialuisa Menegatto è psicologa clinica e di comunità, ricercatrice presso la Società Italiana di Scienze Psicosociali per la Pace.

Questo è un loro breve spunto nell’anniversario della strage di Bologna. I due psicologi sociali, dieci anni dopo il luglio 2001 hanno pubblicato per Liguori “Cittadinanza ferita e trauma psicopolitico. Dopo il G8 di Genova: il lavoro della memoria e la ricostruzione di relazioni sociali” indagando su un evento impresso nell’immaginario: scontri di piazza, l’omicidio di Carlo Giuliani, manifestanti picchiati a sangue nella scuola Diaz, la tortura di Bolzaneto. Muovendosi per i sentieri di un senso di cittadinanza profondamente ferito e di un diffuso trauma psicopolitico, prendono le distanze da quel pensiero illusorio che si affida passivamente al tempo. Nella speranza che si faccia guaritore. Quasi che a far decantare l’afflizione, essa svanisca. E che l’indignazione covata dall’ingiustizia patita possa essere erosa dall’oblio. Sapendo però che tutto si può dire del passato, tranne che sia passato, gli autori analizzano scientificamente la natura della sofferenza, individuale e collettiva, generata dal G8 di Genova.  

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Se l’esodo diventa una fuga

No-vax di sinistra, libertà e pensiero dialettico

Scieri, il Gup assolve il generale dello Zibaldone

Tre assoluzioni e due rinvii nell'udienza preliminare per la morte di Emanuele Scieri, il parà della Folgore morto a  Pisa il 13 agosto 1999

Nel quartiere in cui la felicità era un modo di resistere

Il primo capitolo de I baci sul pane*, romanzo del 2015 della scrittrice scomparsa il 27 novembre [Almudena Grandes]

Quello che non ti ho mai detto, Almudena

Da Mundo Obrero, organo del Pce, una commovente lettera ad Almudena Grandes [Esther López Barceló*]

Almudena Grandes, la voce della resistenza

Un'autrice essenziale nella letteratura spagnola. Ha voluto raccontare la resistenza contro il franchismo [Silvina Friera]