21.3 C
Rome
lunedì 23 Maggio 2022
21.3 C
Rome
lunedì 23 Maggio 2022
Homepadrini & padroniPalestina: il calcio unisce, Israele divide

Palestina: il calcio unisce, Israele divide

Rimandata la finale della Coppa di Palestina, dopo il rifiuto posto da Israele al passaggio di alcuni giocatori di Gaza

di Carlo Perigli

palestinaSarebbe stato un evento storico, anche se solamente sportivo, significativo di un cambiamento che in futuro dai campi di calcio potrebbe estendersi oltre. Ma, almeno per il momento, si dovrà aspettare ancora, perchè la gara di ritorno della finale di Coppa di Palestina, tra l’Al Ahly, i campioni di Cisgiordania e la Shejaia, vincitrice del campionato di Gaza, in programma per domenica scorsa ad Hebron, è stata ufficialmente rimandata a data da destinarsi. La federazione calcistica palestinese ha preso la decisione in seguito al rifiuto di Israele di far passare sul proprio territorio alcuni giocatori della Shejaia, la squadra che viene da Gaza.

“Sette persone, inclusi quattro giocatori, non erano nella lista – ha spiegato Ala Shammaly, rappresentante dell’ufficio stampa della squadra – e così l’intera spedizione ha deciso di nonlasciare Gaza senza di loro”.

Una partita storica, dicevamo, che già il 29 luglio era andata di scena a Gaza (0-0 il risultato finale), e della quale era previsto il ritorno il 2 agosto. Solamente calcio? Forse, ma, come l’ha definita Abdel-Salam Haniyeh, rappresentante della Federazione di Gaza – una “pietra miliare” per il calcio palestinese, “un primo passo verso l’unificazione delle competizioni di Gaza e Cisgiordania“. Un sentimento ancor meglio espresso da Khaldom al-Halman, attaccante dell’Al-Alhy, alla vigilia della partita di andata. “Sono fortemente onorato ed orgoglioso – aveva dichiarato – questa è la prima volta che visito Gaza in vita mia, e non riesco a trovare le parole per descrivere i miei sentimenti”.

I problemi posti da Israele alla circolazione dei calciatori da Gaza alla Cisgiordania erano già stati sollevati all’ultimo congresso annuale della Fifa, svoltosi a maggio. In quell’occasione, la delegazione palestinese, lamentando i frequenti limiti posti da Tel Aviv, aveva minacciato di chiedere una votazione con l’obiettivo di sospendere Israele dalla Federazione. Proposta in seguito ritirata in cambio della promessa della Fifa di inviare osservatori per capire meglio la situazione, e dell’impegno di Israele di rimuovere gli ostacoli al passaggio dei calciatori tra Gaza e Cisgiordania. Promesse che al momento si infrangono contro l’evidenza di una situazione ancora lontana dalla normalità.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio