16.2 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
16.2 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureMedio Oriente, dove sono i cristiani la minoranza senza cittadinanza

Medio Oriente, dove sono i cristiani la minoranza senza cittadinanza

Fotogallery. 12 milioni di cristiani vivono in Medio Oriente. Diventa un libro il viaggio fra le comunità cristiane dal Cairo fino all’Iraq di Andrea Milluzzi e Linda Dorigocopertina

Quali sono le condizioni di vita delle minoranze cristiane in Medio Oriente? Cosa c’è oltre la “guerra di civiltà” e il “terrorismo fondamentalista”? Esistono esempi di convivenza? “Rifugio” non vuole essere una risposta a queste domande, ma una testimonianza lunga e approfondita, dall’interno di società e su tematiche di cui molto si parla ma non molto si conosce.

Alla presentazione saranno presenti i due autori che racconteranno il loro viaggio fra le comunità cristiane del Medio Oriente e firmeranno le copie.  L’appuntamento è per venerdì 11 settembre alle ore 18:30 presso Libreria Alegre, Circonvallazione Casilina 72/74, Pigneto, Roma.

“Non ci rassegneremo a un Medio Oriente senza più cristiani” va ripetendo da mesi Papa Francesco. L’accorato appello del Pontefice rischia però di cadere nel vuoto dei luoghi di culto distrutti dalla furia iconoclasta dell’Isis in Siria e Iraq, delle immagini della decapitazione dei 21 copti egiziani, sempre per mano dei seguaci dell’autoproclamato Califfo Abu Bakr al Baghdadi, dei villaggi abbandonati da decenni in cerca di una vita migliore in Occidente.

Si stima che siano 12 milioni i cristiani che ancora vivono in Egitto, Israele, Territori Palestinesi, Siria, Libano, Giordania, Iran, Iraq e Turchia. Un numero approssimativo e tendente a diminuire, vista l’instabilità di questi Paesi e la veloce diffusione del fondamentalismo religioso. L’ennesima crisi del Medio Oriente coinvolge un numero enorme di persone, come testimoniano i flussi di profughi verso l’Europa. Le repressioni di governi in bilico o troppo deboli, come quello di Bachar al-Assad in Siria o quelli che si contendono il potere in Libia, si sommano alla minaccia del fondamentalismo e all’endemica mancanza di prospettive di un futuro migliore. I cristiani sono una minoranza che nel cosiddetto Stato Islamico non ha pari diritti di cittadinanza. Se il dramma della guerra accomuna tutti, i cristiani devono affrontare anche la sensazione di sentirsi vittime sacrificali e di non avere alcun motivo di restare a vivere laddove la loro religione è nata più di duemila anni fa.

Front cover rifugio_LOW

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"