martedì 29 Settembre 2020

Napoli, niente calcio per i figli di migranti disoccupati

Napoli, niente calcio per i figli di migranti disoccupati

La denuncia all’Afro-Napoli United. La Figc nega l’iscrizione a 4 ragazzi della juniores del calcio regionale perché i genitori non hanno più un lavoro

url

Roma – I genitori sono disoccupati? I figli non possono giocare a calcio. Succede all’Afro-Napoli United, formazione di Prima categoria campana formata da giocatori napoletani e africani. A guidarle e’ l’appassionato presidente e fondatore Antonio Gargiulo, promotore di questo che e’ un vero e proprio progetto di integrazione. La prima squadra da quest’anno e’ iscritta in Prima categoria, un successo dopo circa 6 anni di attivita’. Ma, sempre quest’anno, la possibilita’ di avere giovanissimi ha consentito alla societa’ di creare una squadra giovanile, iscritta alla Juniores regionale.

“Ma ci hanno chiesto una documentazione numerosa e particolare – racconta a Diregiovani.it il presidente Gargiulo – Ci hanno chiesto il permesso di soggiorno del minore e lo stato di famiglia. E non solo, anche il certificato di residenza e il permesso di soggiorno dei genitori. E hanno voluto anche lo stato del lavoro dei genitori in Italia. La Questura ha gia’ accertato la regolarita’ della loro posizione, non capisco perche’ si voglia la certificazione”.

Questa richiesta ha tenuto fuori 4 dei ragazzi che avrebbero invece dovuto giocare in Juniores: “Se i genitori sono disoccupati o comunque non hanno piu’ un lavoro, non possono essere tesserati per la Figc”. La richiesta e’ stata inoltrata alla Lnd della Campania: “Dalla Federazione ci hanno risposto che e’ una direttiva Fifa. Ma, mi chiedo- sottolinea Gargiulo- dicono no al razzismo e poi fanno queste cose?”. Il problema non riguarda solo chi ha i genitori senza lavoro: “Anche per coloro i cui genitori dovessero averlo un impiego, ora servirebbero altre carte, altro tempo da perderci.

All’Afro-Napoli i 4 ragazzi che sono rimasti fuori hanno in media 16-17 anni. “Abbiamo la possibilita’ – conclude il presidente – di tesserare altri 7 giovani, hanno 18 anni e per loro non dobbiamo richiedere lo stato lavorativo dei genitori. Ma per noi se anche uno rimane fuori e’ una sconfitta”. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

TAG: AFRONAPOLI UNITEDCALCIOFIGCIMMIGRATI

Related posts

1 Comment

  1. Avatar
    eugenia

    c’è un codice di diritto calcistico in ambito Fifa e quello ha la sua logica, ma il problema non è questo, il problema è la legge Bossi-Fini che lega il permesso di soggiorno al contratto di lavoro; dunque il titolo dell’articolo, anche se d’effetto, non esplicita il problema a monte ma sottolinea una delle sue nefaste conseguenze a valle…

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.