17.8 C
Rome
lunedì 27 Maggio 2024
17.8 C
Rome
lunedì 27 Maggio 2024
HomecultureProfugo sgambettato dalla reporter: “Mai stato terrorista, calunnie di regime"

Profugo sgambettato dalla reporter: “Mai stato terrorista, calunnie di regime”

Il profugo sgambettato dalla reporter è stato a Torino per ritirare un premio sportivo. “Mai stato terrorista: sono calunnie del regime”, ha dichiarato

di Francesco Ruggeri

Nel video ungherese le immagini atroci dello sgambetto da parte dell’indegna cronista

Ossama al Abed al Moshen, il profugo divenuto famoso per lo sgambetto dalla indegna reporter ungherese, Laszlo Petra. ha appena lasciato Torino, dove ha ritirato il premio sportivo “Laudi e Bontempi”. Ora vive a Madrid, dove ha ripreso ad allenare nella prima serie calcistica; a Torino si è difeso dalle accuse dei media “mai stato col jihad: è la vendetta del regime, che cerca di screditarmi”. La sua storia aveva fatto in poche ore il giro del mondo, diventando l’emblema del dramma vissuto da migliaia di profughi in fuga dalla guerra. Due giorni fa Ossama al Abed al Moshen, siriano ‘sgambettato’ da una reporter ungherese mentre cercava di varcare il confine, ha ricevuto il premio Etica e Sport a Torino, nell’ambito di Capitale europea dello Sport. Considero questo “il premio di una vita e lo dedico a tutti i siriani, perché possano vivere con una nuova speranza”, ha detto Ossama.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Putin non si è mai impegnato a “denazificare” la Russia

Al di là della retorica putiniana l'estrema destra russa non è preoccupata, almeno finché serve al governo [Nicolas Lebourg]

L’esercito francese addestra i neonazisti ucraini

Un'inchiesta rivela che gli eredi del famigerato Reggimento Azov si allenano in Francia [Sébastien Bourdon]

Sollievo temporaneo per Assange

Nessuna garanzia Usa di giusto processo: la Corte Suprema britannica concede ad Assange il ricorso contro la sua imminente estradizione [Tariq Alì]

Prima di leggere l’ultimo, postumo, di Garcia Marquez

La recensione di The Nation dell'ultima opera di narrativa di Gabriel García Márquez [Nicolás Medina Mora]

7 ottobre: il giornalismo come arma contro la distorsione e l’oblio

La stampa e le commissioni d'inchiesta hanno cercato di ricostruire gli eventi, lontano da fake news e propaganda [Rachida El Azzouzi]