11 C
Rome
mercoledì 5 Ottobre 2022
11 C
Rome
mercoledì 5 Ottobre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homein genereL'album fotografico della Marcia dei Diritti di Roma

L’album fotografico della Marcia dei Diritti di Roma

Centinaia di manifestanti hanno marciato da piazza del Colosseo a piazza della Madonna di Loreto per “liberare i diritti presi in ostaggio”. Ecco le foto

Fotogallery di Lucia Casone Commento di Giampaolo Martinotti

LC-15

Il processo avviato a novembre dalla collaborazione di circa un centinaio tra associazioni e movimenti del mondo laico e della comunità LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuati) ha dato vita a un vivace e colorito corteo che ha sfilato lungo i Fori Imperiali. La manifestazione di ieri però non rappresenta un punto di arrivo ma bensì una base di partenza nello sviluppo di una lotta comune contro ogni tipo di discriminazione, perché le rivendicazioni portate in piazza sono un patrimonio per tutta la società civile italiana. Le immagini della Marcia testimoniano la grande energia positiva e la determinazione dalle tante persone che vedono ancora i propri diritti negati, sia dal governo Renzi/Alfano sia dal processo di degrado culturale e istituzionale del quale troppi cittadini sono, purtroppo, vittime inermi o spettatori indifferenti.

Le istanze dei movimenti, ben illustrate da Andrea Maccarrone nell’intervista rilasciata proprio a Popoff, meritano di ricevere il prima possibile supporto e risposte concrete che andrebbero a vantaggio della collettività. Senza eguaglianza e diritti per tutti la nostra società non ha futuro, oggi potrebbe aver avuto inizio un nuovo cammino di diritti, laicità e libertà.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

 

Il processo avviato a novembre dalla collaborazione di circa un centinaio tra associazioni e movimenti del mondo laico e della comunità LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuati) ha dato vita a un vivace e colorito corteo che ha sfilato lungo i Fori Imperiali. La manifestazione di ieri però non rappresenta un punto di arrivo ma bensì una base di partenza nello sviluppo di una lotta comune contro ogni tipo di discriminazione, perché le rivendicazioni portate in piazza sono un patrimonio per tutta la società civile italiana. Le immagini della Marcia testimoniano la grande energia positiva e la determinazione dalle tante persone che vedono ancora i propri diritti negati, sia dal governo Renzi/Alfano sia dal processo di degrado culturale e istituzionale del quale troppi cittadini sono, purtroppo, vittime inermi o spettatori indifferenti.

Le istanze dei movimenti, ben illustrate da Andrea Maccarrone nell’intervista rilasciata proprio a Popoff, meritano di ricevere il prima possibile supporto e risposte concrete che andrebbero a vantaggio della collettività. Senza eguaglianza e diritti per tutti la nostra società non ha futuro, oggi potrebbe aver avuto inizio un nuovo cammino di diritti, laicità e libertà.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il secondo turno sociale

L'assemblea nazionale delle convergenze, primo confronto tra i movimenti dopo la vittoria delle destre

E’ così che il “no al fascismo” è diventato impercettibile

L'estrema destra fa parte del panorama da decenni. Le responsabilità del "centro-sinistra" in questa banalizzazione [Ellen Salvi]

“Noi non paghiamo” contro il trucco delle bollette mensili

Il movimento contro l'aumento delle tariffe smonta la decisione di Arera sulla mensilizzazione delle bollette

La danza è la prosecuzione della politica. Con altri fini

A Genova riprende con Steve Reich, Resistere e creare, la rassegna di danza contemporanea Ripartiamo dal corpo. Soggetto (politico): prima ...

Massa: l’alberghiero a indirizzo oscurantista

Regolamento choc per studenti e insegnanti in una scuola di Massa, tra errori educativi e diritti negati