22.4 C
Rome
domenica 23 Giugno 2024
22.4 C
Rome
domenica 23 Giugno 2024
Homepadrini & padroniMISNA è patrimonio dell’Umanità e deve vivere

MISNA è patrimonio dell’Umanità e deve vivere

MISNA, un appello per l’agenzia di stampa minacciata di chiusura dai suoi editori

Redazione Italia
misnadevevivere-720x410
#misnadevevivere (Foto di Pressenza)

Mentre la petizione contro la chiusura di MISNA su Change ha superato le 1000 firme, riproduciamo questa lettera inviata alla proprietà di Misna e firmata da autorevoli personalità del mondo del giornalismo e dell’associazionismo (firme pervenute al 23 Dicembre, pubblicheremo gli aggiornamenti). Un campagna di selfie è in corso e si possono mandare a olivier.turquet@gmail.com verranno trasformati in un fotoreportage su Pressenza.

Siamo persone che lavorano nel campo del giornalismo e dell’associazionismo e che sono rimaste stupite ed affrante nell’apprendere la notizia della possibile chiusura di MISNA, agenzia stampa che da anni svolge un ruolo insostituibile nel testimoniare quella parte del mondo che così poco spazio ha nei grandi media; MISNA è anche un interessante esempio di come il mondo del giornalismo possa collaborare attivamente con il mondo del volontariato, di qualunque natura, in una sinergia virtuosa che annuncia il valore della solidarietà invece che quello del denaro.

Siamo persone di ispirazioni diverse ma uniti nel chiedere con forza e dolcezza che la proprietà di MISNA cambi la sua sfortunata decisione e che si trovi insieme una soluzione affinchè questo autentico patrimonio dell’Umanità continui a lavorare ed anzi approfondisca la sua missione. Invitiamo tutti a firmare qui

Certi di essere ascoltati da persone quotidianamente dedite all’ascolto, attendiamo con fiducia un annuncio e un regalo

Olivier Turquet, coordinatore redazione italiana di Pressenza

Paola Bolaffio, direttore Giornalisti Nell’Erba

Annabella Coiro, Centro di Nonviolenza Attiva Milano

Giovanni Sarubbi, direttore www.Ildialogo.org

Luca Poma, giornalista e scrittore, Consigliere di S.E. Giulio Terzi di Sant’Agata, Ambasciatore ed ex Ministro degli Esteri.

Patrick Boylan, redazione di PeaceLink www.peacelink.it

Riccardo Noury, Portavoce di Amnesty International Italia

Gennaro Carotenuto, Giornalismo Partecipativo

Cristiano Lucchi, Altracittà

Carolina Lucchesini, videoreporter freelance

Marco Fratoddi, direttore La Nuova Ecologia

Gianni Rufini, Direttore Generale Amnesty International Italia

Laura Tussi, PeaceLink e ANPI Nova Milanese (MB)

Ricardo Arias, coordination rédaction francophone Pressenza

Piergiorgio Cattani, direttore di Unimondo

Giorgio Schultze, Movimento Umanista

Susanna Schimperna, giornalista e scrittrice

Nanni Salio, Centro Studi Sereno Regis

Elizabeth Batt-Diaz, Pressenza rédaction Paris

Alessandro Graziadei, caporedattore di Unimondo

Alfonso Navarra, direttore Difesa-ambiente

Sofia Donato, coordinamento mondiale La Comunità per lo Sviluppo Umano

Roberto del Bianco, redazione di PeaceLink

Francuccio Gesualdi, Centro Nuovo Modello di Sviluppo

Dario Lo Scalzo, giornalista, scrittore, videomaker

Francesca Barca, Agoravox Italia

Antonietta Chiodo, artista e giornalista

naturalmente aderisce l’intera redazione di popoffquotidiano.it [Checchino Antonini, Sergio Braga, Maurizio Zuccari, Marina Zenobio, Giampaolo Martinotti, Enrico Baldin, Eugenia Foddai, Ercole Olmi, Ludovica Schiaroli, Ercole Olmi, Francesco Ruggeri, Giulio AF Buratti, Rosa Cella, Mirna Cortese, Carlo Perigli, Alessio Di Florio, Claudio Marradi]

Categorie:
Cultura e MediaInternazionaleOpinioni
Tags: 
Twitter

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte