-5.2 C
Rome
domenica 23 Gennaio 2022
-5.2 C
Rome
domenica 23 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniCostituzione, accettiamo la sfida: a casa Renzi

Costituzione, accettiamo la sfida: a casa Renzi

Il referendum confermativo sulla controriforma costituzionale di Renzi e Verdini è una scadenza importantissima. E non possiamo permetterci disinformazione e passività

di Giorgio Cremaschi

image (1)

Non so se abbia ragione un annuncio sulla rete che dà vincente il NO, o invece siano più giusti i sondaggi dati nelle TV che vedono il SI in vantaggio in un mare di indecisi. So però che il referendum confermativo sulla controriforma costituzionale di Renzi e Verdini è la scadenza in assoluto più importante che abbiamo di fronte. E non possiamo permetterci disinformazione e passività. Intanto dobbiamo far sapere

ai tanti che ancora lo ignorano,anche la rete lo dimostra, che il referendum costituzionale confermativo è diverso da quello normale abrogativo.

Sulla Costituzione non c’è il quorum, quindi la maggioranza di una minoranza di partecipanti può decidere per tutti.

E il SI vale vale proprio si, mentre il NO vuol dire no. Poi dobbiamo far conoscere la posta reale in gioco con il voto, per portare più gente possibile ai seggi.

Se vince il SI il regime renziano e tutte le sue leggi, dal Jobsact al salva banche e ammazza risparmiatori, alla distruzione della sanità pubblica, alle privatizzazioni, al mostruoso Italicum, alle guerre fatte in giro senza dirlo, tutto sarà considerato come approvato. Se vince il NO saranno bocciati Renzi e il suo sistema di potere, nonché chi lo sostiene, Marchionne &C, le banche e la finanza, Draghi e la Troika che chiedono di continuare sulle riforme liberiste.

Se vince il SÌ Renzi e i suoi si sentiranno autorizzati a continuare nella distruzione della Costituzione e nella realizzazione delle controriforme sociali liberiste, altro che abolizione della Fornero. Se vince il NO ci sarà la prima vera possibilità

di cambiamento delle politiche disastrose e ingiuste di questi venti anni.

La posta in gioco non è il Senato, ma molto di più. Renzi stesso ha impostato il referendum come un plebiscito su di sé. Bisogna avere il coraggio di accettare la sfida. La domanda vera del referendum è:

Volete voi dare a Renzi e ai suoi il potere di continuare la loro politica per venti anni in un sistema autoritario e senza diritti?

Su questo si vota davvero e se riusciremo a spiegare questo il NO potrà vincere nonostante la disinformazione e i Benigni di regime. Accettiamo la sfida senza paura dunque. Mandiamo a casa Renzi e la sua controriforma.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi